Narrativa italiana Racconti Mandami a dire
 

Mandami a dire Mandami a dire

Mandami a dire

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

“I personaggi di Roveredo vivono spesso ai margini della vita o nell’ombra; egli ne racconta con partecipe affetto e rispetto le violenze anche brutali e le umiliazioni subite, gli sbandamenti o le canagliate ma anche il generoso e spavaldo coraggio, le piroette e i capitomboli con cui essi cercano di sfuggire alla morsa della vita, i sogni ingenui ma potenti che li portano aldilà dei confini del reale. Questa familiarità con la debolezza e insieme con la sacralità dell’esistenza è irriverente, perché non arretra dinanzi ad alcuna anche impudica o imbarazzante miseria e non s’inchina ad alcuna solennità, ma la tira giù dal piedistallo, dando del tu, o anche peggio, al Padreterno e mostrando i rattoppi nei calzoni o i buchi nelle calze della vita.” Dall’Introduzione di Claudio Magris



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mandami a dire 2015-07-09 20:54:58 Bruno Izzo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    09 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Urla nel silenzio

“Mandami a dire” tuttora è tra i romanzi dello scrittore triestino Pino Roveredo quello che piace di più, sebbene ne abbia scritti diversi davvero belli e toccanti, d’altra parte egli raggiunse subito un buon successo di pubblico e critica fin dall’esordio con il romanzo “Capriole in salita”.
Altre sue opere sono “La città dei cancelli” e “Caracreatura”, proprio scritto così, tutto attaccato.
La scrittura di Roveredo, e più che la scrittura ciò che egli scrive, è un qualcosa che colpisce diritto allo stomaco.
Ti lascia amareggiato, dispiaciuto, avvilito, impotente davanti a un’umanità speciale, speciale perché ultima, dimenticata, misera e miserabile, ultima tra gli ultimi, l’umanità dei vinti, dei dispersi, degli sconfitti, dei solitari, dei disperati, eppure sempre tutti malinconicamente e pervicacemente pervasi da aneliti di speranza, da un disperato e struggente bisogno d’amore.
Pino Roveredo, infatti, ha avuto quel che si vuole definire, quasi sottovoce, una vita difficile: per diverse ragioni, esistenziali, caratteriali, fortuite, ha condotto, suo malgrado, un’esistenza dura, precaria, alienante, spesso brutale, finendo negli abissi dell’alcolismo, degli stupefacenti, facendo diretta esperienza degli ambienti e delle comunità dei devianti, prima tra tutte le carceri e le comunità per i disturbi mentali.
Da tali abissi, da tali orrori, egli si salva con la scrittura, quasi che rendere su carta le sue dirette e amare esperienze funge da catarsi, la scrittura compie una redenzione, e da qui Roveredo riparte, facendo delle amare esperienze di vita materia per racconti struggenti di malinconia, desiderio spasmodico di affetto, di amore, di fiducia, che rappresentano in fin dei conti le carenze principali che portano una persona a discendere nei gorghi della depressione, nella solitudine, nello stato catatonico dei senza speranza con conseguente ricerca di paradisi alternativi.
E così Roveredo, attraverso la sua sensibilità poetica forgiatasi direttamente in quelle situazioni che egli ha vissuto di persona sulla propria pelle, ci narra ad esempio di un ipotetico difensore innamorato di una sua simile altrettanto disperata, che vive a distanza dalla sua amata e le scrive, con il tono premuroso di una persona innamorata, e con il tono da “supereroe” di fumetti, le raccomanda di non preoccuparsi se alcuno volesse farle del male, di avvisarlo, le dice “mandami a dire” se qualcuno la minaccia, ci penserà lui a provvedere…è la rassicurazione effimera ed illusoria di un patetico e disperato superoe, eppure non privo di una sua tenera poesia.
Ancora, nello stesso modo struggente e realistico, eppure pudico, discreto, con voce che si avverte roca eppure calda insieme, Roveredo descrive la realtà delle carceri, una realtà fatta di cancelli messi quasi, più che a rinchiudere gli afflitti a scopo di redenzione o recupero, a negarli, a nasconderli, ad annichilirli, a disconoscerli.
E infine, un figlio perso nella dipendenza delle droghe, per la propria mamma resta sempre il condensato dell’amore universale, efficacemente rivelato in quel “caracreatura” detto tutto attaccato, in fretta, quasi nel timore che il rivolgersi con tono lento all’oggetto del suo amore ti distragga, ti faccia perdere tempo, ne provoca la perdita, la caduta irrefrenabile nei gorghi della tossicodipendenza…
Roveredo non è facile a leggersi, ed è crudo e avvilente a leggersi, ma comunica.
Comunica bene: e magistralmente descrive qual è la condizione d’animo che il suo cuore desidera, come vorrebbe essere, dopo tanto penare. Con le sue mani, con le dita di ciascuna dischiuse nel numero tre, le porta a livello delle spalle e discende lentamente verso il basso, scorrendo lungo i fianchi, nel gesto che in LIS, la lingua italiana dei segni, usata dai sordi, intende: “Tranquillo”.
Sa segnare la LIS, infatti. Pino Roveredo è il figlio udente di una coppia di sordi segnanti.
Viene dal silenzio, e scrive nel silenzio; ma le immagini che ci rimanda, assordano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...da Pasolini e i suoi ragazzi di vita fino ai bambini nelle fogne di Bucarest, tutto un mondo di urla nel silenzio.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mandami a dire 2013-01-04 12:03:22 Sharma
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    04 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Graffiti di vita

“ I Graffiti “ è la definizione che Claudio Magris da alla scrittura di Roveredo, esperto di graffiti che la vita incide nelle nostre anime. Roveredo non è un letterato, è una persona che si è formato per le strade della vita, un vero outsider. Una vita, la sua ,molto sfaccettata fatta di alcool, degrado, ospedali psichiatrici, tutti questi luoghi e la sua esperienza ci hanno regalato i racconti che compongono questo libro, un uomo che dopo essere riuscito ad uscire dal tunnel dove era finito, oggi si adopera per gli emarginati, i drogati, i disadattati, mette alla mercé loro la sua esperienza. I racconti sono entusiasmanti, anche se qualcuno, criticandoli, li ha definiti troppo tristi e mesti. Ma qui sta la sua forza, non c'è tristezza o mestizia, i suoi personaggi che sembrano dei vinti dalla vita, che vivono ai margini della società, con abusi e soprusi riescono con peripezie varie a dare scacco alla loro vita e alla loro situazione. I personaggi di Roveredo riescono in maniera mirabile ad uscire da un fluire lento e inesorabile come un fiume a valle, loro danno un colpo netto, deciso per concludere questa fase, riuscendo a voltare pagina.
A questo punto mi sembra assolutamente necessario mostrarvi e rendervi partecipi di alcuni passi del libro, a mio avviso i più belli, o meglio quelli che hanno colpito il mio cuore, sono Parlare con le mani, ascoltare con gli occhi...e Mandami a dire. Posseggono il sole dentro ci rattristano e poi ci riscaldano. Il primo racconto, da me citato, parla del silenzio dei sordomuti, della sua esperienza, avendo avuto genitori sordomuti, a loro non puoi mandare a dire, necessita l'educazione costante della tua presenza, non si può parlare da una stanza all'altra, loro devono vedere la tua espressione , il tuo volto, i tuoi gesti. A loro non si mente perché se Dio ha tolto e negato delle cose gliene ha date altre, ma potenziate. Ma dal momento in cui loro sono venuti a mancare, il protagonista fa inondare la sua vita di rumore, lì dove prima regnava il silenzio.
Nel secondo racconto descrive la storia straziante di un'ospite dei manicomi chiusi dalla legge Basaglia. Tutti i pazienti furono smistati da parenti o conoscenti più prossimi, la vita di coloro che vivevano lì dentro era fatta di disperazione e dolore ma anche di affetti, sentimenti, amori, per quanto ci possa sembrare strano. La chiusura del manicomio è riuscita a fare proprio questo, ha diviso due persone che a loro modo si amavano, lui scrive a lei ogni giorno lettere, cercandola, invocandola, confessandosi e sperando che anche questa volta le sue lettere non ritornino indietro, “mandami a dire qualsiasi cosa”. “Ma la libertà chi l'aveva mai chiesta?”
C'è molto di più, quante parti ho saltato e non citato!
Mi dispiace veramente tanto non poter continuare a decantare e raccontare le piccole meraviglie e tesori che si trovano racchiusi nelle pagine di questo libro, con questo suo stile ruvido ed estremamente conciso, taglia di netto come un bisturi, ma questa recensione diventerebbe interminabile e senza scopo alcuno.
Magris definisce Roveredo totalmente estraneo a ogni formazione letteraria ma è grazie alla sapiente trasposizione su carta dei graffiti (che segnano la vita) che è divenuto un partecipe della letteratura a tutti gli effetti.
Grazie ai graffiti Roveredo ha segnato la mia anima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri