Narrativa italiana Racconti Racconti con figure
 

Racconti con figure Racconti con figure

Racconti con figure

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Dalla suggestione di un’immagine, soprattutto dalla pittura, nascono questi racconti di Tabucchi. Ma a sua volta il racconto sembra catturare in un’altra dimensione le figure che lo provocarono: è quella contea fantastica dove, come scrisse Leopardi, «l’anima immagina quello che non vede». Così le figure sembrano risvegliarsi dalla loro immobilità, acquistano vita, da immagini diventano personaggi e interpreti delle loro storie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Racconti con figure 2011-06-28 17:00:14 cesare giardini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    28 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'opera d'arte

Un libro affascinante, che merita una considerazione di fondo. Tabucchi è scrittore brillante, profondo, uno scrittore che ha prodotto non pochi capolavori, tradotti in tutto il mondo. Basti citare “Sostiene Pereira”, un romanzo in cui alla scrittura semplice e puntuale s’aggiungono un encomiabile senso civico ed una profonda onestà intellettuale. Orbene : perché non si propongono almeno nelle scuole superiori questi testi commentati ovviamente da insegnanti preparati ? Innanzitutto porterebbero un’ondata di novità e di freschezza in un ambiente anestetizzato dalla soporifera lettura di vecchi cosiddetti “capolavori”, ormai non più attuali e sopportati stoicamente da torme di giovani assuefatti a tutto, e poi aprirebbero la strada a nuovi quesiti ed a nuovi argomenti più attuali (e più interessanti). Ciò premesso, “Racconti con figure” di Antonio Tabucchi è una raccolta lunga e articolata di annotazioni, considerazioni, racconti (alcuni già pubblicati, altri inediti) suggeriti dalla visione di opere d’arte ( riportate in premessa agli scritti) di vari Autori : si va dai preferiti Tullio Pericoli, Valerio Adani e Davide Benati (per i quali Tabucchi “sente” una profonda affinità) a Josè de Guimaraes, Maria Helena Vieira da Silva, Johannes Vermeer e moltissimi altri. La commistione tra opera d’arte e scrittura, che è poi l’ispirazione che Tabucchi trae dai quadri studiati ed amati, è qui perfetta . E’ nota la passione dell’Autore per la pittura, sin da quando, ancora bambino, s’incantava estatico davanti agli affreschi del convento di San Marco, passione che l’accompagnerà per tutta la vita sino a farlo rimanere “prigioniero” (come lui stesso afferma) davanti a “Las Meninas” di Velàzquez al Museo del Prado nel lontano 1970 : in “Racconti con figure” egli trasfonde nelle sue note questa passione ispirata da opere d’arte, le fa rivivere a modo suo, le interpreta raggiungendo a tratti una sorta di trasfigurazione mentale che lascia incantati. Si legga per esempio con attenzione il capitolo “Una notte indimenticabile” ispirato al quadro di Paula Rego “Senza titolo” del 2003 : la morte di Vanda, povera cagna sofferente e abbandonata, è descritta in modo struggente, cullata e accompagnata con una ninnananna verso “il suo niente di niente”. Oppure il capitolo “Gli eredi ringraziano”, ispirato al quadro “ La partie d’èchecs” di Maria Helena Vieira da Silva, del 1943, ed al memorabile testamento della pittrice : la scrittura diviene qui una sinfonia di colori, ove ogni tratto diviene storia, ed ogni colore prende forma e vita, “L’anima s’immagina quello che non vede” dice Leopardi (e Tabucchi lo riprende nella prefazione) : qui l’immaginazione e la scrittura di Tabucchi vanno oltre l’immagine e raccontano, come dice lo stesso Autore, l’ignoto che circonda le immagini stesse. Un mondo di immagini, di luci e colori in cui il lettore si perde come Alice nel paese delle meraviglie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le opere di Antonio Tabucchi
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Racconti con figure 2011-05-16 22:39:51 Mr Vertigo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mr Vertigo Opinione inserita da Mr Vertigo    17 Mag, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

...e il dipinto prese vita...

Per essere il mio primo libro di Tabucchi devo dire: promosso a pieni voti!!
E il fatto che io non sia un fan dei racconti brevi è tutto dire e questo mi farà sicuramente tornare in libreria a cercare altri suoi scritti.

Comunque il libro è diviso in tre parti ben distinte:
_Gli Adagi (che sono senza alcun dubbio i miei preferiti,e dove troviamo dei racconti legati alla fantasia,alla libere associazioni e ai sogni,su tutti il racconto "Sognando con Dacosta" dove percorriamo un viaggio nel sogno,tra una monaca portoghese e un Angelo barman)

_Gli Andanti con brio (dove troviamo un aria più giocosa nei racconti,e più votato all'assurdo;infatti vi troviamo la rivisitazione del "il testamento" di Maria Helena Vieira da Silva dove lei lascia ai suoi amici dei colori;oppure la lenta morte di una Multipla Seicento fino ad arrivare a seguire un "Maestro" che fa dei provini per un film...dovrà scegliere tra Kafka,Svevo,Dostoevskij e tanti altri).

_Le Ariette (qui invece troviamo dei racconti più didascalici,diciamo che è la parte che ho apprezzato di meno,ma dove rimane comunque la bellezza e la poesia della quale Tabucchi ci ha deliziato).

Naturalmente prima di ogni storia troviamo un'immagine che ci introduce il racconto,che sia una fotografia,un dipinto,o una scultura conta poco,quello che conta di più e che Tabucchi ci fa letteralmente galoppare in un mondo dove staremo talmente a nostro agio che far ritorno alla realtà un po' ci dispiacerà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A schiovere
Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi
Un buon posto in cui fermarsi
Finché divorzio non vi separi
La guerra privata di Samuele
Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù