Narrativa italiana Racconti Un fitto mistero
 

Un fitto mistero Un fitto mistero

Un fitto mistero

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


"Una parte profonda di noi, di noi tutti, desidera che il peggio non sia provato: vogliamo che la madre sia innocente, e l'assassino un altro, meglio se diverso. E vogliamo che i nostri figli siano puliti, sani, generosi e gentili e che a fare irruzione nella loro tranquilla quiete sia, ancora una volta, un "altro". Con la morbosità si può. Ma i demoni del profondo, quelli, è maledettamente difficile, se non impossibile, esorcizzarli. Non fosse altro perché, a riportaceli ossessivamente alla mente, ci sono le immagini. Anche scendere a patti."

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un fitto mistero 2017-12-21 09:39:28 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    21 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una affascinante storia criminale

La casa editrice Contrasto pubblica Un fitto mistero di Giancarlo De Cataldo. In questo libro l’autore narra di alcuni delitti efferati ed eclatanti della storia italiana e non solo, anche internazionale, dal secolo scorso ai giorni nostri.
“perché certi delitti attraggono tanto la nostra attenzione e altri ci lasciano indifferenti?”,

questo si domanda De Cataldo nella introduzione al suo libro. Il fenomeno non è dovuto solo a come i giornalisti parlano degli eventi, spesso “reinventandosi” il caso, costringendo il lettore ad addolorarsi per la vittima o pietà per l’assassino. Infatti, quando i cronisti possono “gonfiare” gli avvenimenti con il loro modo di narrare, certi episodi di cronaca nera sono destinati a sopravvivere nella storia e nella memoria collettiva al di là della oggettività, veramente riscontrata. L’autore indaga proprio su quegli elementi differenziali che possono aver contribuito in certi eventi a focalizzare l’attenzione nei confronti di determinati delitti.

Oltre ai testi di narrazione elaborati da De Cataldo, il volume presenta un ricco apparato iconografico, che raccontano i fatti dell’epoca, che avevano dominato le prime pagine dei quotidiani. I caso raccontanti dall’autore sono raggruppati per grandi tematiche in otto sezioni: Delitti di famiglia, Complotti, Mafia, Delitti di Affari, Delitti politici, Mostri&Co, Delitti a luci rosse. Il filo che li accomuna non è solo il clamore che hanno suscitato, ma il fatto che sono stati i primi ad essere oggetto di una copertura mediatica diffusa, inaugurando la caccia allo scoop, iscrivendosi nell’immaginario collettivo al punto di diventare fonte di ispirazione per artisti, scrittori, musicisti.

Dalle vicende della banda della Magliana al Mostro di Firenze, passando per Jack Lo Squartatore, fino a giungere ai bagni di sangue della Mafia e delle Brigate Rosse: l’autore analizza e narra i crimini illustri, quasi iconici, che hanno riempito le pagine dei giornali e che sono rimasti nel ricordo di ognuno di noi. Che siano delitti di affari, come il caso Sonzogno, o delitti a luci rosse, come l’omicidio della Dalia Nera, a stupire e al contempo ad impressionare il pubblico è stata soprattutto la dinamica di queste violenze. Tenendo sempre presente che la storia d’Italia è anche e molto una “storia criminale”, nell’amara convinzione che:

“il fattore violenza ha esercitato un pesantissimo condizionamento nella nostra democrazia. E lo ha fatto a prescindere dagli obiettivi immediati: sotto questo profilo le pallottole del bandito Giuliano e Capaci, le bombe di Piazza Fontana e la Renault Rossa di via Caetani appartengono, per così dire, alla stessa “famiglia”. Corollario di questo attento uso “politico” della violenza, l’ossessiva presenza, sullo sfondo, se non decisamente nel cuore, dei grandi misteri, di settori degli apparati dello Stato.”

Un libro, strenna natalizia certa, e di sicuro ed indubbio fascino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato Giancarlo De Cataldo, Romanzo criminale.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri