Un bambino piangeva Un bambino piangeva

Un bambino piangeva

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Antonello Centanin, in arte Aldo Nove, ha trascorso tutte le estati, dall’infanzia alla prima adolescenza, in Sardegna, un’isola che nel suo immaginario poetico si è trasformata in una terra magica e misteriosa, popolata dalle presenze ancestrali di antichi isolani. Il racconto di Nove segue un doppio registro narrativo, realistico e fantastico allo stesso tempo. Da un lato il giovanissimo Antonello, bambino alla scoperta di una terra lontana e in parte sconosciuta, dall’altro il piccolo Sartàlo, giovane di una tribù indigena perennemente in lotta per la sopravvivenza. Una vicinanza curiosa e inaspettata legherà per sempre le esistenze fragili dei due protagonisti, separati dal tempo, ma non dal destino. Il nonno di Antonello e un vecchio Sikh, Giò, faranno da guida al piccolo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un bambino piangeva 2015-06-17 03:37:56 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    17 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bimbo mio, non piangere più

“Un bambino piangeva” è un romanzo breve nel quale Aldo Nove riconferma la propria vocazione per la poesia.
L’occasione è qui fornita dall’autobiografismo dei ricordi di quando Antonello nelle vacanze estive partiva da Viggiù e raggiungeva il nonno Giuseppino in una Sardegna ancestrale ed essenziale (“Per arrivare dal porto a Ortueri bisognava fare chilometri e chilometri di stradine tortuose”), che si manifestava nell’animismo di luoghi popolati da spiritelli e attraversati dallo spirito della terra.

Dopo un’introduzione ironica nella quale Aldo Nove celebra l’ambiguità e l’infelicità (“Salgari… l’autosbudellamento rituale… sommerso dai debiti…”) di scrittori (“Borroughs… giocando a Guglielmo Tell con la moglie, la beccò in faccia e l’uccise”), pensatori (“Pitagora… davanti a un campo di fave… piuttosto che attraversarlo, si fece raggiungere e sgozzare”) e filosofi (“Althusser, noto più che altro per aver strangolato, uccidendola, la moglie durante un massaggio – i filosofi, si sa, hanno poca manualità”), per concludere che “ci sono troppi scrittori e filosofi assassini”, i ricordi di Antonello si alternano a mitologie (“Quel gioco era il passatempo degli dei”) e tradizioni (“Come il dio distratto le avesse trasformate da api in Janas”) rivissute in chiave personale attraverso la figura di Saltaro, che assiste sgomento alle atrocità della conquista fenicia dell’isola.
Tra bambini che piangono (“E io ero quasi in Sardegna e piangevo di gioia”). Prendendo le distanze dalle crudeltà della storia (“Così si fanno le guerre e la gente si ammazza. Prima perché fa confusione, poi perché fa più confusione di prima. Quella era la storia dell’uomo secondo mio nonno”).

Con un occhio puntato alle culture orientali (“La luna – insegnavano gli sciamani – è il sole della notte, e la notte è il giorno che dorme”), nella poetica che sembra ispirarsi a quella del fanciullino di Pascoli, Aldo Nove prosegue nel suo percorso poetico lasciandosi alle spalle un passato di ex cannibale.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
... le opere poetiche dello stesso autore, come "Tutta la luce del mondo" sulla figura di San Francesco e "Mi chiamo...", dedicata a Mia Martini
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri