Dettagli Recensione

 
Un bambino piangeva
 
Un bambino piangeva 2015-06-17 03:37:56 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    17 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bimbo mio, non piangere più

“Un bambino piangeva” è un romanzo breve nel quale Aldo Nove riconferma la propria vocazione per la poesia.
L’occasione è qui fornita dall’autobiografismo dei ricordi di quando Antonello nelle vacanze estive partiva da Viggiù e raggiungeva il nonno Giuseppino in una Sardegna ancestrale ed essenziale (“Per arrivare dal porto a Ortueri bisognava fare chilometri e chilometri di stradine tortuose”), che si manifestava nell’animismo di luoghi popolati da spiritelli e attraversati dallo spirito della terra.

Dopo un’introduzione ironica nella quale Aldo Nove celebra l’ambiguità e l’infelicità (“Salgari… l’autosbudellamento rituale… sommerso dai debiti…”) di scrittori (“Borroughs… giocando a Guglielmo Tell con la moglie, la beccò in faccia e l’uccise”), pensatori (“Pitagora… davanti a un campo di fave… piuttosto che attraversarlo, si fece raggiungere e sgozzare”) e filosofi (“Althusser, noto più che altro per aver strangolato, uccidendola, la moglie durante un massaggio – i filosofi, si sa, hanno poca manualità”), per concludere che “ci sono troppi scrittori e filosofi assassini”, i ricordi di Antonello si alternano a mitologie (“Quel gioco era il passatempo degli dei”) e tradizioni (“Come il dio distratto le avesse trasformate da api in Janas”) rivissute in chiave personale attraverso la figura di Saltaro, che assiste sgomento alle atrocità della conquista fenicia dell’isola.
Tra bambini che piangono (“E io ero quasi in Sardegna e piangevo di gioia”). Prendendo le distanze dalle crudeltà della storia (“Così si fanno le guerre e la gente si ammazza. Prima perché fa confusione, poi perché fa più confusione di prima. Quella era la storia dell’uomo secondo mio nonno”).

Con un occhio puntato alle culture orientali (“La luna – insegnavano gli sciamani – è il sole della notte, e la notte è il giorno che dorme”), nella poetica che sembra ispirarsi a quella del fanciullino di Pascoli, Aldo Nove prosegue nel suo percorso poetico lasciandosi alle spalle un passato di ex cannibale.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
... le opere poetiche dello stesso autore, come "Tutta la luce del mondo" sulla figura di San Francesco e "Mi chiamo...", dedicata a Mia Martini
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Parole nascoste
Ricordatemi come vi pare
Il fuoco che ti porti dentro
Il dolore non esiste
Dare la vita
Come d'aria
Tempesta
Vecchiaccia
Stirpe e vergogna
Proust e gli altri
Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza