Narrativa italiana Romanzi La zia marchesa
 

La zia marchesa La zia marchesa

La zia marchesa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Sicilia fine Ottocento. Costanza Safamita è l'unica figlia femmina di una ricca famiglia di proprietari terrieri, tanto amata e protetta dal padre, il barone Domenico, quanto rigettata dalla madre. Con la sua chioma di capelli rossi e il suo aspetto fisico quasi "di un'altra razza", cresce fra le persone di servizio, fra l'orgoglio paterno del sangue e le prospettive alquanto ridotte della vita in provincia. Sarà lei, per volere del padre, a ereditare le sostanze e il prestigio della famiglia. Affronterà la mondanità palermitana e una vita coniugale in equilibrio tra l'amore per il marito e l'impossibilità di abbandonarglisi, saprà affrontare i capimafia e contenere lo sfascio della famiglia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.3  (6)
Contenuto 
 
4.3  (6)
Piacevolezza 
 
4.0  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La zia marchesa 2016-05-06 11:56:23 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    06 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' bona donna, donna chi non parra

La Sicilia della seconda mettà dell''800 è la protagonista di questo romanzo. Ricca, ma sulla via della decadenza, con un occhio curioso verso le novità che arrivano dal continente ma ancora legata alle sue tradizioni, bramosa di modernità, ma retrograda fino al midollo. Da contorno la fanno le storie di una ricca famiglia e di tutta la varia umanità che la circonda. Il primo personaggio che conosciamo è Amalia Cuffaro, donna venduta dalla suocera ad una ricca famiglia per fare da balia all'ultima nata. Dopo anni trascorsi in simbiosi con Costanza Safamita, la donna torna alla famiglia d'origine e pur di non essere un peso decide di vivere con la nipote inferma in una caverna scavata nella roccia ed accessibile solo da esperti scalatori. Qui ricorda il passato e poco alla volta ci svela la storia della "zia marchesa".
Costanza è rossa di capelli, non amata dalla madre, adorata dal padre, guardata con invidia e sospetto dalle altre aristocratiche, vezzeggiata e protetta dai domestici dei genitori. Cresciuta in un ambiente protetto si trova del tutto impreparata ad affrontre i sentimenti e le relazioni umane. Gestisce invece con abilità le questioni economiche e commerciali. Con abilità salva le apparenza dimostrando obbedienza al marito , ma senza mai eserne succube. Poco alla volta riesce a lacerare il velo di omertà che circonda la sua nascita e i difficili equilibri della sua famiglia di origine e fa una scoperta sconcertante.
Romanzo, che mi è piaciuto nella trama. Storia originale, con un finale inaspettato. Nel complesso. però è difficile da seguire: i personaggi sono parecchi, le parentele complicate da ricordare e spesso si deve tornare indietro per mettere bene a fuoco di chi si sta parlando. Il modo di scrivede della Hornby non sempre è chiaro e scorrevole: parecchi giri di parole, fatti solo accennati e lasciati all'intuizione del lettore, sovrabbondanza di parole

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La zia marchesa 2013-07-19 09:03:48 paola melegari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    19 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PILU RUSSU , MALU PILU

E’ intorno a Costanza, figlia del barone Domenico Safamita, che si svolge la nostra storia.
Saga familiare, ambientata nella seconda metà dell’ottocento, che vede protagonista questa bimba che possiede una peculiarità: capelli rossi, pelle bianchissima, efelidi.
Ciò la rende diversa, additata, emarginata, rifiutata persino dalla madre che le preferisce i figli maschi.
Amata profondamente dal padre, di un amore raddoppiato, a compensazione delle mancanze materne, Costanza, neonata, è affidata alle cure di una balia: Amalia Cuffaro, che sarà la sua nutrice, madre, amica e la proteggerà dalle malelingue e dalle violenze materne.
La bimba cresce bene, un po’ riservata, condividerà la maggior parte del suo tempo con la servitù, cucendo e ricamando in loro compagnia. Cantante e musicista dotata, è buona, intelligente, benevola con i familiari, disposta al perdono.
La narrazione avviene per bocca di Amalia, che dopo la morte di Costanza, si ritira con una nipote alla Muntagnazza, una sorta di loculo per vivi, in provincia di Agrigento. Qui, nell’affaccendarsi lento e noioso nella grotta adibita ad abitazione, racconta alla nipote Pinuzza le vicende di Costanza e della famiglia Safamita.
La ricchezza, le avversità, gli amori raccontati, si svolgono fra detti popolari e proverbi rivelandone la saggezza, l’ignoranza e la cattiveria intrise di povertà.
Il periodo storico, vede dapprima l’unita’ d’Italia, la deposizione del regno delle due Sicilie, la nascita di cosche, germogliate dal malcontento popolare, culla della mafia che proprio ora si andava a formare.
L’assassinio di nobili eredi di latifondo chiude la parentesi storica che accompagna i trentasei anni di vita di Costanza.


Lettura piacevole, con molte citazioni in siciliano, che obiettivamente sono risultate più comprensibili del previsto.
Sicuramente per la prima metà il racconto si svolge lento, senza colpi di scena, poi s’arricchisce, dando più movimento e diventando più accattivante.
Non poteva mancare il solito ‘porco’, violatore di bimbi innocenti, corna e ricorna, odio e amore, figli illegittimi, povera gente che subiva ogni angheria pur di poter mangiare….
Ci si cala completamente nelle realtà del tempo, in una Sicilia che fin da allora si impregna di omertà, parola che sembra essere stata concepita proprio in questa bellissima isola.
Le donne che si ritrovano nella stanza del cucito conoscono tutto di tutti, spettegolano su amori, tradimenti, in un vociare continuo, per ore e ore, poi nessuno sa nulla, nessuno parla.
La cosa che più mi è piaciuta in questo romanzo è, l’amore puro che lega Domenico Safamita alla figlia Costanza preferendola ai figli maschi. Un amore al disopra di tutto, e non posso approfondire ulteriormente per non cadere in SPOILER. Un padre che pur consigliando e guidando, permette alla figlia le proprie scelte percependo solo in lei la vera erede della famiglia Safamita.
Un padre che dice alla propria figlia che prima di tutto deve amare se stessa, per poter essere apprezzata dagli altri. Solo amandosi, pensando a se stessa,potrà essere amata.
Così diventerà una donna amabile, bella, affascinante e passionale e darà lustro alle sue innumerevoli qualità rendendole evidenti grazie alla sicurezza in se stessa.
Così fu, come dicono i siciliani.
Non è il più bel libro che ho letto, ma è riflessivo, tranquillo, e ti da più di quanto si pensi durante la lettura. Alla fine dici, però, mi è piaciuto!

Megghiu suli ca mala accompagnati
Fimina ca ti ridi, t’ha dittu si
Li guai di la pignata, li sapi la cucchiara chi l’arrimina

Divertitevi se volete, di detti come questi ne troverete moltissimi.
Buona lettura
Paola


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La lunga vita di Marianna Ucrìa
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La zia marchesa 2012-08-06 09:15:25 MATIK
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    06 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La zia marchesa.

Ambientato nella Sicilia della fine dell'ottocento-inizi novecento, un periodo molto delicato dove avvenne anche il passaggio dai vari regni all'Italia unita, quindi in pieno risorgimento, ci viene raccontata la storia di una potente e ricca famiglia i Safamita e di una loro figlia Costanza.
Tutto incentrato su questa figura femminile, diversa da tutti gli altri anche nell'aspetto rossa di capelli e bianca come il latte, che in un modo tutto suo riesce a conquistare una propria indipendenza, forza e autostima, attraverso un percorso difficile che ha inizio dal totale rifiuto della madre, dai dolori provocati dai due fratelli Stefano e Giacomo, dall'affetto incondizionato del padre, scoprendo segreti incoffesabili, tradimenti, vivendo una particolarissima storia d'amore con suo marito Pietro, anteponendo sempre il bene suo a quello degli altri e non mettendo mai da parte il suo orgoglio.
Complesso, originale e pieno di personaggi è un libro che consiglio vivamente di leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama storie con protagoniste assolute le donne!
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
La zia marchesa 2011-02-03 16:06:09 silvia71
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    03 Febbraio, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La zia marchesa

Un affresco nitido e ben riuscito della Sicilia ai tempi dell'unità d'Italia. Al centro della scena la vita dell'aristocrazia del tempo, indaffarata tra spartizioni ereditarie, consolidamento del patrimonio, matrimoni di convenienza, infedeltà coniugali ; insomma, famiglie ammorbate da cieche ambizioni, destinate a sfociare in odi profondi, rivalità insanabili e vendette familiari.
E' stata una piacevolissima scoperta leggere quest'autrice, di cui ho apprezzato la ricostruzione dell'epoca che fa da sfondo al romanzo, la capacità di delineare i personaggi, rendendoli vivi e palpabili,vibranti nelle gioie e nei dolori, ed infine l'utilizzo di un linguaggio e di uno stile che sanno di antico e si adattano alla perfezione alla storia narrata.
E' una lettura che parte in sordina e pagina dopo pagina cattura il lettore con un intreccio avvincente del racconto, immergendolo in un mondo passato fatto di luci e di ombre, di usi e costumi oramai lontani dalla nostra modernità.

Consigliato

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
La zia marchesa 2010-02-28 23:12:21 Dilo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dilo Opinione inserita da Dilo    01 Marzo, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la zia marchesa

Inizia lentamente, le prime pagine sono noiose e non si capisce il filo conduttore della storia, ma, pian piano la storia comincia a prendere forma e si rivela bella. Troviamo troppi personaggi e ci si confonde un po'. Il finale è precipitoso e lascia molto amaro in bocca. Ci si riesce a immedesimare e per chi conosce la Palermo di oggi non è difficile immaginarla come era un tempo, i colori, gli odori, l'architettura tutto è ben descritto. La storia, invece, è così tanto amara che non si può far a meno di amarla

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
La zia marchesa 2009-05-18 22:53:56 gracy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
gracy Opinione inserita da gracy    19 Mag, 2009
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tripudio siciliano

Che bel libro, dopo il tedio della lettura delle prime pagine, un crescendo di emozioni e di curiosità. La Sicilia, al tempo dell'unità d'Italia è veramente pittoresca, dalla campagna alla città, Palermo appare in tutte le sue sfaccettature, povera e ricca come lo è ora, l'idea di attraversare il centro storico e guardare gli immensi palazzoni del centro,chiudere un attimo gli occhi ed immaginare quello che accadeva dentro le loro mura due secoli fa, mi fa assapororare il profumo dei dolci appena sfornati, i soprusi alle "donne criate", i tradimenti, uomini e donne aristocratici che vivevano in un tripudio di contraddizioni.

Bella l'idea della autrice di suddividere la lettura in 83 capitoli ed ognuno sottolineato da un proverbio siciliano che accompagnano la storia, dal gusto amaro, ironico, duro e soave.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La mennulara, Il gattopardo.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti