Narrativa straniera Racconti Il meglio di P.G. Wodehouse
 

Il meglio di P.G. Wodehouse Il meglio di P.G. Wodehouse

Il meglio di P.G. Wodehouse

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nei racconti di questa raccolta il lettore trova un'ampia scelta per una lettura piacevole e di sicuro divertimento: dalle vicissitudini nel castello di Blandings del povero Lord Emsworth, sempre in balia della tirannica sorella Lady Constance, alle vivaci storie con cui il signor Mulliner intrattiene gli avventori dell'Anglers' Rest, alla comicità delle situazioni in cui si vengono a trovare i frequentatori del Drones Club, fino alle arguzie che il maggiordomo Jeeves mette in atto per togliere dai guai il suo giovane signore. Il tratto che accomuna queste storie è, naturalmente, l'irresistibile umorismo, che ha conquistato intere generazioni di lettori; ma non si apprezza a fondo Wodehouse se non se ne colgono la qualità stilistica e l'inventiva lievemente surreale, capace di creare un mondo delizioso quanto vitale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
 
Il meglio di P.G. Wodehouse 2022-07-20 13:19:07 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    20 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I divertenti triboli dei poveri gentleman britanni

Pelham Grenville Wodehouse, la “pulce ammaestrata della letteratura inglese” è stato uno dei più prolifici umoristi inglesi e ha dilettato ben tre generazioni di lettori.
In questo volumetto troviamo una rapida carrellata sulla sua opera con brevi storie che vedono come protagonisti i suoi personaggi più riusciti.
Si comincia con tre racconti che ci narrano i triboli di Lord Clarence Threepwood, nono conte di Emsworth, per tutti Lord Emsworth. Lui è un mite e bonario gentiluomo di campagna, che ambirebbe condurre una tranquilla e noiosa esistenza tra i suoi cespugli di rosa e le pagine di qualche bel libro di zootecnica. Purtroppo per lui è angariato dalla volitiva e dittatoriale sorella Constance che vorrebbe imporgli la vita sociale d’alto livello, proprio quella che lui aborre. Per sua fortuna, circostanze fortuite e imprevedibili contrattempi, riescono sempre a risolvere la situazione conflittuale del momento e a riportare la pace, almeno momentanea, nel castello di Blandings, dove vive.
Seguono le storie narrate da Mr. Mulliner, l’anima saggia del club Anglers' Rest. Qui, per allietare i colleghi soci, egli riferisce le vicende, spesso strampalate e bizzarre, capitate a questo o quel suo lontano parente. Anche in queste situazioni le potenziali “nuvole temporalesche” che si addensano sul malcapitato di turno si risolveranno per un casuale fatto che sistemerà per il meglio le cose.
Altri racconti sono dedicati alla sfaccendata e svagata aristocrazia inglese, sempre garbatamente canzonata dall’A., che non perde l’occasione per attribuirle un’ignavia e stolidità quasi imbarazzante.
Infine non possono mancare alcuni racconti che vedono come attore principale, per quanto, il più delle volte, taciturno e condiscendente, il geniale e astuto Jeeves, il valletto di sir Bertram Wilberforce Wooster, per tutti Bertie, voce narrante delle storie. Il gentiluomo, null’altro che un sfaccendato e pigro figlio della nobiltà britannica, non perde occasione per mettersi nei guai. Per sua fortuna Jeeves riesce sempre a trar fuori lui o i suoi consanguinei dalle momentanee difficoltà, anche se, spesso, con metodi assai poco ortodossi.

L’umorismo lieve di Wodehouse è sempre garbato e surreale. Le sue storie sono ambiente tutte in quel periodo senza tempo, grosso modo collocabile nello strano interludio tra le due Guerre, quando l’aristocrazia inglese poteva ancora essere infarcita di “perdigiorno sciocchi e frivoli” che si illudevano di vivere in un irreale Eden ove ogni svagatezza era possibile. E tra di loro l’A. fa le sue vittime: coloro che si trascinano nella placida serenità di chi, non dovendo usare il cervello per poter sopravvivere, anzi vivere agiatamente e confortevolmente, ha abdicato totalmente alla noia di dover pensare e, per questo motivo, si trova in imbarazzo di fronte a ogni minimo contrattempo che la vita gli frappone davanti. Le situazioni, se confrontate col mondo reale, appaiono poco plausibili, ma, anche per questo, risultano più ridicole.
Non tutte le complici strizzatine d’occhi al nostro “sense on humor” giungono ormai a destinazione: siamo troppo lontani nel tempo e nello spazio dalle creazioni di Wodehouse. Al pubblico italiano del XXI secolo, in particolare, possono sfuggire riferimenti a luoghi, nomi e circostanze che, invece, avrebbero suscitato l’ilarità ai lettori britannici coevi. Tuttavia il contesto generale resta gradevole. La vacua leggerezza delle situazioni, le burrasche che agitano le vite dei protagonisti (non più grandi di quelle che possono agitare una tazza di tè) continuano a divertire anche per la loro impalpabile leggerezza, molto british e anche un po’ blasè.
Insomma una lettura spensierata, piacevolmente assurda, ma pure arguta in modo intelligente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il meglio di P.G. Wodehouse 2021-08-04 11:27:08 Mian88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    04 Agosto, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Umorismo e intelligenza

Se amate la formula del racconto e in particolar modo non resistete al classico humour inglese, “Il meglio di P.G. Wodehouse” è una raccolta alla quale non potete resistere e che in alcun modo potete perdervi. Con ironia, satira e uno stile pungente ma intelligente, arguto ma ben strutturato, lineare ma mai banale, Sir Pelham Grenville Wodehouse dona e destina i suoi lettori di rocambolesche avventure che ruotano attorno alla figura di molteplici personaggi.
Ecco allora che ci ritroviamo nel castello di Blandings dove il povero Lord Emsworth è in balia della tirannica sorella Lady Constance e delle sue improcrastinabili decisioni (“Io? Assolutamente non sono stato io a sparare!”), o che ancora assistiamo alle vivaci storie con cui il signor Mulliner intrattiene gli avventori dell’Anglers’ Rest o ancora alla comicità propria di quelle situazioni in cui vengono a trovarsi i frequentatori del Drones Club. E se pensate che sia finita vi sbagliate perché ancora non mancheranno altrettante ironiche vicissitudini caratterizzate, questa volta, dalle arguzie del maggiordomo Jeeves che se ne inventa di tutti i colori per togliere dai guai il suo giovane signore.
Tante storie tutte avvalorate da un unico denominatore comune: l’umorismo. Un umorismo irresistibile che mai manca e che ha conquistato generazioni e generazioni di lettori anche perché caratterizzato da questo stile narrativo inconfondibile e di alta qualità.
“Il meglio di P.G. Wodehouse” è una raccolta da leggere e gustare un poco alla volta, che sazia gli appetiti più esigenti e mai manca di solleticare le menti dei lettori.

«È sempre sgradevole per un uomo orgoglioso dover constatare di non essere più padrone di se stesso e di essersi fatto schiacciare dal piede numero quarantacinque d’un capo giardiniere scozzese.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa