Oggetto quasi Oggetto quasi

Oggetto quasi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Nell'immaginario di José Saramago gli oggetti si distraggono spesso dalle loro funzioni di oggetti per assumere un'indipendenza pericolosa, come può esserlo la fantasia. Nei racconti di questo libro l'epidemia di indipendenza si diffonde, l'elemento fantastico ci restituisce un mondo forse meno funzionale, ma senz'altro più corrispondente al vero. Lo si può attraversare come un nuovo territorio.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Oggetto quasi 2010-12-15 01:17:29 mariaritatraina
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaritatraina Opinione inserita da mariaritatraina    15 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

NON TRA LE MIGLIORI

Purtoppo lo scrittore portoghese nei racconti brevi non da' il meglio di sé.
Se la reificazione dell'uomo nell'era del capitalismo viene rovesciata paradossalmente in mirabolante umanizzazione delle cose per permettere quell'acuta analisi della realtà contemporanea attraverso dei racconti che mimano più che dichiarare, l'intenzione risulta però troppo più grande del risultato artistico e, trattandosi di Saramago, dispiace.
Sono delle narrazioni poco legate - in apparenza - le une alle altre, ma che in realtà cercano di riportare alla luce quel sovraffolamento (e quasi sordo protagonismo) degli oggetti nel mondo, lasciando presagire che anche noi, esseri umani, non siamo che delle cose tra le cose.
La critica sociale è velata o per raffinati, come l'elenco di tutte le sigle, in 'Embargo' dei vari uffici amministrativi e degli apaprati governativi, che riprende le ossessive sigle coniate dai regimi dittatoriali del primo novecento. La cupezza di questi racconti che sembrano non avere né un inizio né una fine riecheggia molto da vicino l'abbacinante e tragico biancore dell'umanità di 'Cecità'. Non è un libro di racconti: piuttosto lo si potrebbe definire un commento narrato di Saramago (quasi una 'rubrica' nel senso medievale del termine) a quelli che sono, che erano i suoi interessi sociali e civili, i quali sarebebro confluuiti poi, con maggiore organicità, nel Quaderno on line. Senza narrazione, pura analisi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Saramago, in particolare 'Cecità'
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri