Narrativa straniera Romanzi storici Diario segreto di Napoleone
 

Diario segreto di Napoleone Diario segreto di Napoleone

Diario segreto di Napoleone

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Napoleone aveva un doppio, un alter ego, che ne ha condiviso il genio di stratega, anzi loha profetizzato e teorizzato, anticipando le sue campagne e poi formulandone le regole in un trattato. Questo doppio era Antoine-Henri de Jomini, generale svizzero dell'impero francese dal 1800 al 1813 finché, tradito dall'invidia del Maresciallo Berthier, passò al servizio dello zar contribuendo alla disfatta della Francia. Joseph-Marie Lo Duca, in questo Diario basato sull'autentica storia di Napoleone e sul vero pensiero di Jomini, va al di là di quello che crediamo di sapere, indagando, sul filo della cronologia, i moventi e gli impulsi profondi della straordinaria avventura dell'Imperatore, alla ricerca della chiave del suo genio segreto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Diario segreto di Napoleone 2013-12-03 20:23:47 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    03 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due corpi, un’anima

Che Napoleone nel corso della sua esistenza avesse tenuto un diario segreto non ci è dato di sapere, per quanto la cosa potesse essere possibile, ma la stretta vigilanza a cui era sottoposto a Sant’Elena ne avrebbe senz’altro impedito la sua diffusione, e comunque ne avrebbe reso impossibile la consegna ad altri, in particolare ad Henry de Jomini, a tutti gli effetti il suo alter ego.
Quanto sopra per evidenziare come questo libro sia un vero e proprio romanzo storico, scritto con straordinaria abilità, nonché fedeltà agli accadimenti, da un autore geniale come Joseph-Marie Lo Duca. Se voglio esser sincero, dopo averlo letto e riletto, mi sono reso conto che l’opera è senz’altro più attendibile di un eventuale autentico diario e lo scopo di Lo Duca é stato quello di fornirci il ritratto di due uomini, di due geni militari, che avevano le stesse intuizioni, tanto da supporre perfino un caso di telepatia. Sarebbe però riduttivo parlare solo di questa stranezza, perché in effetti con il diario ci viene rappresentato Napoleone nel suo intimo, dalle vittoriose battaglie d’Egitto alla drammatica conclusione della sua vita nell’esilio-prigione di Sant’Elena, attraverso le esperienze provate da quest’uomo che si vide per breve tempo imperatore e poi precipitò nella polvere. Al riguardo, la parte migliore è quella che vede il corso trascinare la sua esistenza in un progressivo distacco dalla vita in quella che fu la residenza assegnatagli dai vincitori dopo la battaglia di Waterloo. Sembra di vederlo, ormai senza speranza, l’ombra di se stesso, ma con ancora qualche guizzo di vitalità; non è più l’ardore di nuove conquiste che lo sostiene, ma la pura e semplice constatazione che il suo tempo è finito, spesso mitigata da una vena di sottile autoironia.
Potrei dire che il Napoleone in esilio è più a misura d’uomo di quello vincitore nella campagna d’Italia e in tante altre battaglie, nel pieno del suo splendore, almeno fino alla rovinosa esperienza in terra di Russia. Dopo l’incendio di Mosca e Borodino l’uomo perde piano piano quella carica che lo aveva sempre sostenuto e anche la fuga dall’Elba e i seguenti cento giorni sono, più che una vera luce, un tremulo riverbero dei giorni di gloria, tanto che va incontro al suo destino a Waterloo, dove peraltro, per la prima volta, il suo alter ego Jomini si trova dall’altra parte, una cesura decisiva di due spiriti in precedenza affini. Ma il diario non termina con la morte di Napoleone, perché un’altra eccezionale invenzione di Lo Duca fa sì che lo stesso venga consegnato a Henry de Jomini, quasi una naturale continuità con il grande francese scomparso. Quindi le annotazioni proseguono, ma sono diverse, perché diverso è il personaggio, che rivela, oltre alle note capacità tattiche, anche una notevole abilità strategica, una visione generale del mondo e delle cose che Napoleone non aveva e che gli impedì, pur vincendo tante battaglie, di stroncare una volta per tutte i suoi avversari. La strategia di Jomini non è però bellica, ma è la capacità, osservando le potenze dell’epoca e i loro popoli, di enunciare un percorso per raggiungere una pace duratura. E’ un uomo che detesta la politica, le sue apparenze, i suoi vuoti discorsi ridondanti di retorica e che in fin dei conti rimpiange Napoleone, l’unico che avrebbe potuto riunire l’Europa in un’unica nazione, quindi senza più guerre, con la pace dettata sì dal vincitore, ma nell’interesse delle genti del continente. Le ultime pagine sono senz’altro le più belle di questo libro straordinario, con un Jomini disilluso come il suo alter ego Napoleone, e che chiude la sua vita terrena il 22 marzio 1869, cento anni dopo dalla nascita del grande corso, non un puro e semplice caso, perché il diario termina così: “ La mia anima è stata testimone su questa terra per cento anni. Con la mia anima dalla doppia vita, io cerco, cerco nel passato, e non ritrovo un giorno che sia stato mio.”.
Se il richiamo esoterico è evidente, ed è un motivo in più d’interesse di questo libro, la scrittura signorile, le riflessioni su cui conviene di tanto in tanto ritornare, la capacità di sondare l’animo dei due protagonisti lasciano in verità stupiti, anche per la misura a cui l’autore è ricorso, in modo da stilare un’opera in perfetto equilibrio, e quindi non greve, né leggera, insomma Il diario segreto di Napoleone è uno di quei romanzi che non si possono dimenticare, che poco a poco entrano nel lettore, senza poi mai abbandonarlo.
Da leggere, senza il minimo dubbio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo