Il tribuno Il tribuno

Il tribuno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il giovane Vespasiano vive nella tenuta di famiglia lontano da Roma e si occupa della sua terra, del tutto ignaro dell’antica profezia che annuncia per lui un destino glorioso: un giorno sarà imperatore. E Roma presto lo reclama; insieme al fratello Sabino, arriva nella capitale dell’impero. Conosce così un mondo totalmente nuovo, fatto di lussi e agi, di clientelismi e tradimenti. E conosce Cenis, l’ancella che al primo sguardo conquista il ragazzo appena giunto dalla campagna. Vespasiano, però, non può lasciarsi andare ai piaceri: deve partire subito, in qualità di tribuno militare, per cercare di sventare lontano da Roma un complotto ai danni dell’imperatore Tiberio, ordito da Seiano, il capo dei pretoriani. Affronterà la ribellione delle tribù della Tracia e diventerà un vero soldato di Roma.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (5)
Contenuto 
 
3.8  (5)
Piacevolezza 
 
4.0  (5)
 
Il tribuno 2015-02-22 14:34:16 VinnieTheKid
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
VinnieTheKid Opinione inserita da VinnieTheKid    22 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Godibile ma non entusiasmante

La storia è godibile, soprattutto nella prima parte, quando si dipinge un affresco della prima Roma imperiale fino alla fuga di Vespasiano; diventa poi noiosa nella seconda parte, quella dedicata alla campagna militare di Tracia.
Detestabile il finale "sospeso", in attesa di un secondo libro che non leggerò mail...
Ne consiglio la lettura solo perché sono un amante della storia romana e, ripeto, la prima parte può risultare interessante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tribuno 2013-09-16 07:11:21 mic
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da mic    16 Settembre, 2013

SCORREVOLE

Alla terza pagina sono già rapito dal racconto, l'autore mette subito tanta carne al fuoco con la rivalità dei fratelli, i banditi, i furti da vendicare, la brutalità della punizione "esemplare" del ragazzo catturato, e poi la partenza per roma.
Mi è piaciuta molto la scrittura, ci proietta direttamente nell'antica roma, belli anche gli intrighi e i personaggi incontrati lungo il cammino del giovane vespasiano.
Unico appunto la caratterizzazione dei personaggi, a proposito della quale, il libro è come se fosse diviso in due parti.
Tutti i personaggi incontrati nella prima parte del libro sono chiari e delineati, capiamo tutti i caratteri e le personalità.
dalla seconda parte in poi invece, i nuovi personaggi incontrati restano nomi fino alla fine del libro, non ne comprendiamo i profili, ne i motivi, ne i caratteri.
Nonostante qualche momento di incertezza qua e la, il libro lascia con la "voglia di leggere il proseguo" (il giustiziere di roma), cosa che sicuramente farò

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tribuno 2012-05-01 13:09:23 Gianni de Crescenzo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gianni de Crescenzo    01 Mag, 2012

avvincente affresco storico

bella descrizione della vita a Roma e nelle province nel I secolo dC. Molto interessanti le descrizioni sull'organizzazione dell'esercito romano e della vita a Roma. Mi è piaciuto anche lo sforzo nell'indagare gli aspetti psicologici ed etici nel comportamento di queste figure storiche. La scrittura è fluida, lo stile asciutto: insomma si legge bene e ci si appassiona.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Alexandros, Annibale e tutta l'opera di Valerio Massimo Manfredi.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tribuno 2012-03-27 16:04:30 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    27 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tribuno!, preparati al dolore!

Tito Flavio Sabino e Tito Flavio Vespasiano sono i classici "fratelli coltelli",
diversi in tutto,il primo Sabino votato fin da piccolo all'arte della guerra si è subito fatto legionario ed è partito in cerca di gloria agli ordini di Tiberio,
il secondo Vespasiano al contrario ha sempre dimostrato doti notevoli
nella gestione della fattoria di famiglia,la sua soddisfazione è far fruttare
le terre e mettere in riga gli schiavi. Il padre e la madre , Tito e Vespasia, un giorno però decidono di invertire i ruoli che i ragazzi si sono istintivamente cuciti addosso, così Sabino richiamato nella villa rustica fuori Roma è costretto dal padre a lasciare la carriera militare per occuparsi della fattoria, mentre a Vespasiano viene imposta la carriera di legionario.Tito Flavio Vespasiano,cuore di mamma!, tutto sommato è un semplice "campagnolo",Vespasia lo sà e per evitare che venga divorato dai lupi che siedono nel Senato romano lo affida alle cure del potente fratello, Gaio Vespasio Pollione.
Purtroppo la scelta non si rivelerà fra le più felici, Giao infatti è impelagato mani
e piedi in una lotta intestina per il potere fra l'infido generale Seiano e
la potente Antonia, vedova di Druso fratello dell'imperatore Tiberio. Questa lotta
accesissima costringerà Vespasiano a crescere sia come soldato che come uomo
rapidamente perchè il Potere,come imparerà drammaricamente sulla propria pelle, è un dio spietato che non fa prigionieri.
Roberto Fabbri ci offre un romanzo storico completo c'è azione, quella delle corse con le bighe o le battaglie truci con le orde barbariche, ma anche l'intrigo,quello della migliore tradizione della famiglia imperiale e infine la ricostruzione della vita quotidiana degli antichi Romani, sia di coloro che abitavano le insulae che le ville.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi storici
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il tribuno 2012-02-18 17:54:50 michele
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da michele    18 Febbraio, 2012

piacevole

la lettura è estremamente piacevole e coinvolgente, i personaggi sono appropriati e la storia plausibile. si legge tutto d'un fiato, speriamo che presto ci sia il seguito perché non amo aspettare tra un libro e l'altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Simon Scarrow e in genere libri storici (valerio massimo manfredi, anrìdrea frediani, ecc.)
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Belle Greene
Io, Monna Lisa
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo