Narrativa straniera Romanzi storici Il visconte di Bragelonne
 

Il visconte di Bragelonne Il visconte di Bragelonne

Il visconte di Bragelonne

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Terzo e ultimo romanzo del ciclo dei moschettieri, "Il Visconte di Bragelonne", tra l'epopea e il romanzo picaresco, il dramma e la commedia di costume, si svolge nella Francia radiosa di Luigi XIV. I quattro moschettieri - d'Artagnan, Athos, Porthos e Aramis - ormai avanti negli anni, si ritrovano su sponde diverse, ma il vincolo saldo dell'amicizia non viene meno anche nei momenti di più forte intensità drammatica. Sullo sfondo, intrecciati con le loro vicende, si sviluppano avvenimenti importanti per la storia europea.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il visconte di Bragelonne 2011-12-30 00:57:24 Luciano Soana
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Luciano Soana    30 Dicembre, 2011

Il visconte di Bragelonne

CONTIENE SPOILER

Libro di lunghezza enciclopedica, che risulta promettente nella parte iniziale, noiosa fino all'irritazione in quella centrale e deludente in quella finale. Parliamo di un libro di oltre 1200 pagine e quindi la lettura è comunque impegnativa.
La prima parte tutto sommato è gradevole e si pensa possa servire come premessa per quello che verrà dopo. Invece...
La parte centrale, lunghissima, è un condensato di amori e intrighi di corte fra una quindicina di personaggi pieno di dialoghi inutili e melensi, balli, lettere perse, amori perduti, gelosie. Sembra di leggere Novella 2000. Per di più a un certo punto tutte queste storie vengono abbandonate a vantaggio di una sola (quella fra Luigi XIV° e Madamigella de la Vallière) e anche questa storia viene di fatto abbandonata nella terza parte e non conclusa.
Nella terza parte assistiamo al celebre episodio della maschera di ferro (che si conclude in realtà molto in fretta; della serie tanto rumore per nulla) e alle sue conseguenze sulla vita dei quattro moschettieri.
I quattro moschettieri sono presenti nella prima e nella terza parte, mentre nella seconda sono praticamente assenti. Viene meno il valore dell'amicizia tra loro (in 1276 pagine non ce n'è una dove siano tutti quanti insieme), Aramis soprattutto, al di la delle dichiarazioni di amicizia, si trasforma in un continuo intrigante doppiogiochista e trascinando nel suo folle progetto Porthos che conduce alla rovina. Segue la morte (anche questa inadeguata) di tre dei quattro. E non a caso sopravvive Aramis. Porthos muore da traditore. Athos di dolore per l'eccessivo attaccamento simbiotico con il figlio, D'Artagnan muore al culmine delle proprie aspirazioni professionali, come neanche nei fumetti.
Raul di Bragelonne è l'eroe romantico incapace di trovare dentro di sè la forza di adattarsi a una realtà che non si configura come lui vorrebbe. E non è che ci fa una bella figura. Alla fine si salva solo lei: Luise de la Vallière che, come dice alla fine, avrebbe dato la vita per Raul, ma non poteva dargli il suo amore, troppo travolta suo malgrado dalla figura del re e incapace di resistere alla chimica dell'attrazione

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
I tre moschettieri e Vent'anni dopo
Trovi utile questa opinione? 
04
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il visconte di Bragelonne 2011-12-12 08:46:20 enro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enro Opinione inserita da enro    12 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il visconte di Bragelonne

Inizierei questa recensione dividendo il romanzo, composto da 1200 pagine circa, in 3 tronconi da 400 pagine.
Le prime 400 pagine partono fortissimo sulla scia di "Vent'anni dopo" e sono molto avvincenti con la restaurazione di un monarca straniero.
Le 400 pagine centrali sono estremamente utili alla storia ma presentano soprattutto balli e vita di corte, che anche se ben presentata, mi ha un pò stancato. Comunque è ben fatta e ci mostra uno scorcio del passato.
Le 400 pagine finali riprendono il ritmo e l'azione dell'inizio con corse inseguimenti e battaglie..e un pò di tristezza.
Quindi come opera la considero un Capolavoro e direi che Dumas, in tutta la trilogia dei moschettieri non ha mai perso l'ispirazione.

Parlando dei nostri personaggi dico solo che sono solo "cresciuti" perchè proprio non invecchiano. Un pò più separati si intrecceranno con vicende personali. Mancano nella parte centrale del romanzo e sinceramente questo si fa un pò sentire.

La scrittura e lo stile sono a mio modo di vedere perfetti. Dumas mantiene il romanzo sempre frizzante e si legge in maniera molto scorrevole.

L'unica pecca di questo romanzo è la sua collocazione come termine della trilogia dei moschettieri..eh, mi ero affezionato, ed ora non posso più leggerli.

Come nei precedenti capitoli ho cercato la frase "Tutti per uno, uno per tutti" ed è presente in un momento molto toccante del libro, citata tra due nostri eroi. Quindi il conto per questa frase che ha fatto il giro del mondo ed è conosciuta da tutti è di due su tre libri..incredibile.

Consigliatissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Vent'anni dopo
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo