Narrativa straniera Romanzi storici L'amore in un clima freddo
 

L'amore in un clima freddo L'amore in un clima freddo

L'amore in un clima freddo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Uno scintillante alone di glamour e di gossip ha sempre circondato le sei celeberrime sorelle Mitford, figlie del barone Redesdale, e Nancy, la maggiore in ogni senso, ne ha trasferito sulla pagina riverberi screziati di veleno. Questa micidiale comedy of manners, ambientata tra le due guerre, mette in scena gli impossibili Montdore, di ritorno da cinque anni in India dove il conte, ricchissimo, aristocraticissimo, congenitamente stolido come i suoi degni pari, era Viceré. La consorte, di una prosaicità adamantina, neanche fosse di origini borghesi o americane, sguazza nel bel mondo. E la figlia Polly, la debuttante più concupita dai giovani blasonati che affollano i balli della stagione, decide per capriccio di farsi impalmare dallo zio, Boy Dougdale, di lei molto più vecchio e da pochi giorni vedovo, maestro nell'arte del ricamo nonché per anni amante della madre. Diseredata ipso facto, si ritira con il marito a vivere "di stenti" in Sicilia. L'eredità passa così a uno spumeggiante cugino canadese, affermato gigolò per signori, e basteranno un paio di sue battute perché Lady Montdore, titillata nel suo organo vitale, la mondanità, si rituffi nel girone festaiolo. Dove finirà per tornare anche Polly, ormai tanto disincantata da reagire ridendo alle sue disgrazie: non per niente siamo in Arcadia, e mentre lei trova un consolatore, saranno ben altri scandali a scuotere tutta l'alta società.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amore in un clima freddo 2018-02-01 11:33:57 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    01 Febbraio, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tanto rumore per nulla

Confezionato dagli Adelphi in una splendida edizione color ghiaccio con su impressa un'incantevole foto d'epoca risalente al 1931 e ritraente 4 donne (tra cui la stessa scrittrice) dell'aristocrazia inglese in posa nei loro appariscenti abiti da ricevimento, -L'amore in un clima freddo- si presenta al pubblico come un romanzo che mai potrebbe passare inosservato, soprattutto esteticamente parlando.
Nancy Mitford, primogenita di sei figli appartenenti all'aristocrazia inglese minore, smessi i panni della "lady", si improvvisa novella Jane Austen divenendo acuta osservatrice del bel mondo e arricchendo il testo di molti elementi di sicura matrice autobiografica.
La narrazione è lasciata a Fanny, una giovane che attraverso la conoscenza di Polly Hampton, sua amica d'infanzia, osserva e vive in prima persona questo mondo ingessato fatto di apparenze e convenzioni.
Attraverso il suo racconto, viene fuori un ritratto frizzante e dinamico, una galleria di personaggi invischiati in situazioni talvolta fin troppo stereotipate. Osserviamo con la lente di ingrandimento l'aristocrazia dei primi del novecento anche se già in evidente declino.
La Mitford ne spia i caratteri, ne studia i comportamenti e ricopre il tutto con una patina di ironia che a tratti diviene sottile e pungente critica, come a suo tempo fece già Jane Austen ma con i risultati che conosciamo. Le caratterizzazioni non sono gonfiate, vengono fuori nitide e realistiche proprio perché rubate ai ricordi di quel mondo dorato che le apparteneva; vere e proprie ombre gloriose che furono, toccate da una penna estremamente delicata.
Per quanto riconosca alla Mitford la capacità di esposizione ed osservazione, nonché lo stile fresco e gioviale che invoglia alla lettura, non posso fare a meno nello stesso tempo di coglierne la pochezza dei contenuti. Purtroppo resto dell'idea che questa classe sociale abbia molto poco da dire ma tanto da vantare e nei discorsi, così come negli accadimenti, nelle cene di gala e nei già "visti e rivisti" scandali di costume, annoia se stessa ed anche il lettore.
A letture come questa preferisco di gran lunga uno sceneggiato di qualità come Downton Abbey.
Quindi sconsiglio questo romanzo ai più riservando un posto in prima fila solo a chi vuol farsi un'idea dell'aristocrazia dell'epoca o completare un percorso individuale di letture a tema.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri