L'angelo tacque L'angelo tacque

L'angelo tacque

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Nelle settimane che in Germania seguono la fine della guerra, Hans Schnitzler torna al suo paese, e lo trova segnato da una rovina che è anche e soprattutto morale. I sopravvissuti sembrano murati in un sentimento di egoismo e di indifferenza. Il reduce troverà un barlume di solidarietà e di affetto soltanto in una donna che ha perso il figlio da pochi giorni, e sopravvive vendendo al mercato nero il poco che le è rimasto. Su questa "Germania anno zero" veglia un angelo che sembra non avere più parole, e tace sulla freddezza e sulla brutalità che sono scesi sul mondo. Scritto negli anni '40, sulla base di una evidente esperienza autobiografica (il giovane Boll tornava dal fronte russo), questo romanzo è stato pubblicato nel 1922, dopo la morte dell'autore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'angelo tacque 2019-01-12 17:54:35 archeomari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    12 Gennaio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Speranza tra le macerie

Quando raggiunse il grande atrio pieno di luce, Hans esitò: a sinistra c’era l’angelo sorridente, che la prima volta, di notte, gli aveva dato il benvenuto. Hans si fermò a guardarlo: sembrava che la figura gli facesse cenno gli sorridesse dal fianco, e si girò lentamente verso di lei, ma quegli occhi fissi guardavano lontano e il giglio dorato non si muoveva, solo il sorriso sembrava rivolto a lui, e Hans accennò ad un sorriso di rimando. Solo allora, con la figura in piena luce, vide che il sorriso dell’angelo era un sorriso di dolore”.


Vi capita di innamorarvi di un autore e di cercare tutte le sue opere in maniera ossessiva? A me è capitato con Böll. Mi piace tantissimo e questo libro è uno dei più belli che io abbia letto quest’anno.
Titolo originale Der Engel schwieg opera giovanile scritta tra il 1949 e il 1951, ambientato nell’immediato dopoguerra in Germania. Manoscritto rimasto inedito per decenni.
L’editore all’epoca non volle pubblicarlo. La Germania era cambiata e i tedeschi volevano dimenticare la passata miseria. Il libro contiene già tutti i temi, i motivi, la poesia che esploderanno nelle sue opere dell’età matura.
Böll è un autore che sa unire poesia e delicatezza ad una forte critica sociale che mette in risalto le strutture dell’ingiustizia e delle contraddizioni sociali, tradendo una aperta simpatia per i poveri e gli afflitti.
“Non si racconta niente della guerra, né tantomeno degli avvenimenti del dopoguerra. Heinrich Böll mostra solo gli uomini di quel tempo. Con loro scopriamo quanto sia importante riuscire ancora a sentire almeno il soffio dell’anima, essere colpiti almeno da un raggio d’amore, conservare ancora accesa la luce eterna delle fondamenta della fede. Attraverso una storia d’amore, limpida e fragile, sperimentiamo l’assenza di retorica nella generazione dei reduci, che sa che in questo mondo non esiste patria” (Middelhauve)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri