Nabateo lo Scriba Nabateo lo Scriba

Nabateo lo Scriba

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Imponente romanzo storico che ricostruisce magnificamente l'atmosfera delle terre dell'Impero bizantino al sorgere dell'Islam. È un caldo giorno di primavera del VII secolo quando nel Borgo a oriente del Delta egiziano, dove vive una piccola comunità cristiana, arrivano i mercanti arabi. Salama, il mercante di una famiglia chiamata «nabatea», poiché discendente dai Nabatei, il popolo dell'antica Petra, è venuto a prendersi Marya, una bella ragazza bianca come il cuore del grano, con occhi limpidi e grandi, ciglia spesse del colore delle notti d'inverno e folti e lunghi capelli. È venuto accompagnato dal fratello minore, noto ai mercanti come «lo Scriba», perché è colui che scrive i contratti commerciali, e come il «Nabateo», sebbene tutti loro siano nabatei. Al pensiero di vivere tutta la sua vita con Salama nel deserto e di lasciare sua madre e il Borgo, Marya si rattrista, tuttavia non si ribella al proprio destino.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nabateo lo Scriba 2015-02-20 18:59:18 franziska
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
franziska Opinione inserita da franziska    20 Febbraio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'alba dell'Islam

Questo romanzo, scritto da Youssef Ziedan, accademico egiziano esperto in filosofia islamica, ha tempi, modi, linguaggio diversi dai nostri, ma proprio per questo tanto più fascinosi e interessanti. Il racconto si dilata in paesaggi polverosi e assetati, schiacciati dalla calura diurna e raggelati dal freddo notturno. Qui il sole, nel suo cammino giornaliero, detta legge e impone a uomini e animali una vita dura e aspra.
Protagonista e voce narrante del libro, a dispetto del titolo, è una giovane donna egiziana di religione copta che vive in un piccolo villaggio ai margini orientali del delta nilota. Data in sposa a un arabo proveniente dagli insediamenti nabatei, vicino all’antica Petra, territori ancora dominati, nel settimo secolo, dall’impero bizantino, Marya vivrà qui lunghi anni della sua vita, mutando esternamente l’aspetto fino ad assumere quello di una vera araba, in realtà estranea a quell’ambiente ostico, mai veramente integrata, stordita e infelice.
Il libro è un romanzo: sviluppa una sua trama, conferisce a buona parte dei personaggi spessore psicologico. Tuttavia è anche un testo a carattere geografico perché, attraverso gli occhi di Marya,
scorre davanti ai nostri, il territorio levantino con tutti i suoi misteri, le sue meraviglie, le sue miserie.
Marya è una ragazza vivace, intelligente e curiosa, purtroppo, non per sua colpa ignorante; bagaglio culturale ed esperienze di vita sono scarni, costruiti per lo più sui rari e lacunosi insegnamenti trasmessi dal prete del villaggio natio e sui consigli avari e semplici di una madre vedova, impegnata nell’assistenza alla famiglia, a sua volta vittima di una società arretrata, chiusa alle esigenze femminili. Marya chiede, si informa, ottiene qualche risposta spesso non soddisfacente, capisce e non capisce (non ha gli strumenti per arrivare al cuore di problemi che le giungono per di più semplificati e incompleti). Tace, non esterna i suoi sentimenti, soffre; e mentre il desiderio di accrescere le sue conoscenze si amplifica, cerca tuttavia di adattarsi al nuovo ruolo di moglie che sente stretto e accetta tutte le limitazioni che le impone il marito, a cominciare dal velo integrale.
La giovane prende nota di usi, costumi, leggi del suo nuovo popolo, dedito ai commerci di lunga distanza. Osserva la vita delle donne, perennemente in attesa del ritorno degli uomini. Nel vuoto interiore che la opprime, sente su di sé la protezione della suocera, donna saggia e comprensiva, cui si affida, in assenza della madre. Molte altre figure femminili ruotano intorno alla protagonista, alcune semplici comparse, compagne di pochi giorni, altre più importanti e, fra queste, Laila, sua cognata. Laila è una donna delicata e dolce ma, all’occorrenza,dura e determinata, è la sua consigliera, la sua confidente, l’amica che l’aiuta a superare momenti difficili, a sopportare il marito rozzo e insensibile, ad apprezzare la vita in tutte le sue sfumature. Talvolta è misteriosa e sfuggente; apparentemente libera, in realtà è piegata alle leggi tribali come tutte. Perciò finirà con lo scomparire improvvisamente dall’orizzonte di Marya, lasciandola sola e desolata, incapace di capire che cosa veramente è accaduto.
E il Nabateo? Indicato nel titolo con quel termine “scriba“ che sembra definirlo una volta per tutte e relegarlo a una precisa e unica mansione, in realtà è figura molto più complessa. In un periodo storico di grandi cambiamenti, quando Maometto fonda la religione islamica e convoglia la rabbia e l’aggressività delle tribù interne oltre i confini della penisola arabica, il Nabateo incarna una visione della vita semplice, supportata da una propria filosofia spirituale, lontana da esigenze troppo concrete. Egli è uno spirito libero, un uomo gentile che parla a chi vuole ascoltare, risponde a chi fa domande, vive appartato e con modestia, ligio al proprio credo religioso, uno dei tanti diffusi nella sua terra, prima che il monoteismo islamico faccia nuovi e molti proseliti. L’avvento dell’Islam è gonfio di pesanti conseguenze anche per i Nabatei, che abbandonano le vie carovaniere e i commerci ormai insicuri per dedicarsi a nuove attività, fra le quali l’allevamento dei cavalli, necessari per la guerra. Nella tribù di Marya c’è fermento e preoccupazione nello stesso tempo: molti, e fra questi suo marito, si convertono. Il Nabateo, invece, non cambia, rimane fedele ai suoi valori, ma vive più isolato e silenzioso. Il suo sincero attaccamento alla tradizione, non compreso dai membri del gruppo, colpisce, al contrario, Marya che, da quando aveva fatto la sua conoscenza, era stata affascinata da una personalità così originale, tanto da percepire i discorsi dell’uomo come un balsamo per l’anima. Ora più che mai, nella difficoltà del momento, la donna sente che per lei lo scriba rappresenta quello che non ha, l’aggancio con un dimensione diversa che le permetterebbe di sopportare la dura realtà. La maturazione di quel legame speciale, che Marya sente rafforzarsi in sé, la condurrà, forse, a una svolta esistenziale la cui portata non ci è dato conoscere.
L’ultima osservazione che voglio fare, riguarda il linguaggio usato nel testo. Estremamente semplice, quasi elementare sia nelle descrizioni sia nei dialoghi, non molto frequenti, mi ha lasciata, all’inizio della lettura, perplessa. Eppure presto mi sono resa conto che nessun altro linguaggio, se non quello, avrebbe potuto rendere così bene il pensiero di una persona semplice ma capace di cogliere con attenzione tutto quanto le accadeva intorno. Gli stessi sentimenti trovano, nella essenzialità della scrittura una espressione piena, tanto da poter essere condivisi e interpretati in senso moderno.
Non mi resta che consigliare questo libro: paesaggi, protagonisti, eventi rimarranno impressi a lungo nella mente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti del romanzo storico
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo