Per la gloria Per la gloria

Per la gloria

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il capitano Cleve Connell, pilota di caccia distintosi nella Seconda guerra mondiale, viene mandato in Corea a contrastare i MiG russi al confine con la Cina. Come tutti i colleghi di stanza nella base di Kimpo, Cleve ha a disposizione cento missioni per realizzare il sogno di abbattere cinque aerei nemici e diventare un eroe, con cinque stelle rosse sul fianco della carlinga. Il rischio è altissimo: il prezzo della gloria, non di rado, è la morte. Nonostante la bravura e la motivazione, le cose non vanno come Cleve aveva sperato: la fortuna premia anzi il pilota più arrogante, che abbatte inesorabile un MiG dopo l'altro, mentre Cleve sembra trovarsi costantemente nel posto sbagliato al momento sbagliato. Neanche l'amore, che fa la sua fugace, delicatissima comparsa durante una licenza, potrà sottrarlo alla sua sorte, beffarda eppure non meno eroica di quanto aveva sognato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Per la gloria 2016-06-08 16:36:41 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    08 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Destini già' scritti e desiderio di eternità'.

"Si muoveva trasportato dalla corrente del destino, in solitudine, solo come un uomo che muore. "
Il capitano Cleveland Connell è' un pilota di caccia inviato dagli americani nella guerra di Corea ( siamo nel 1950 ) a combattere i Mig russi. È' un uomo dotato di una certa compostezza, i cui occhi " ricettivi, profondi, quasi tristi, a volte impenetrabili, forse conoscevano il proprio destino."
Si e' costruito una certa fama, durante la seconda guerra mondiale, e' un pilota nato, talentuoso, guidato da una certa compulsione, che lo ha spinto ad "avvicinarsi alla morte per sentire poi un certo senso di purezza".
E' una vita segreta, la sua, vissuta in solitudine, con la consapevolezza, a 31 anni, di avere già' dato il meglio di se', e di essere in fase calante, come un atleta alla fine della carriera, tradito da quegli occhi che per un pilota sono l' essenza del proprio destino.
Una guerra, un codice di appartenenza, tutti i rituali dei piloti di caccia, quel cameratismo che sa quasi di pratica sportiva ma in fondo " così' vanno le guerre, tu spari a loro, loro sparano a te e non c'è' niente di giusto ". O forse la fortuna tesse le fila di un destino crudele.
Clive non e' spinto da un desiderio di sopravvivenza, lui e' venuto per affrontare il nemico con motivazione. Ma la guerra ed in particolare l' aviazione, ha delle regole ben precise, quello che conta è' il numero di aerei nemici abbattuti, quel numero cinque che separa la gloria dall' anonimato, che suscita " ammirazione, eccitazione, invidie ".
Quel confine sottile scolpisce le loro esistenze, i rapporti interpersonali, la quotidianità'.
Alla fine si insinua, nel pilota, un' idea ed un' ansia che consuma, la sottile separazione tra il vincere ed il perdere, in attesa di un evento, ed ogni missione è' una speranza, ormai non conta neanche il fine della guerra o la sua probabile fine.
Un senso di isolamento, di frustrazione, accompagna ogni missione fallita, come dopo una sconfitta. Non c'e' una zona neutra, che separa la conquista dal fallimento, e ci si sente " svuotati dal desiderio, sollevati dalla lotta, soli, sconfitti ". È' una sorta di disperazione dell' anima, ed ogni giorno si trascina nella speranza che qualcosa cambi.
Nel frattempo le missioni si susseguono e quel numero 100 ( le missioni da compiere ) si avvicina senza alcun risultato tangibile.
Eppure basta un attimo, un momento di gloria, per risollevare un destino segnato, per ridare vita e speranza. O almeno così' si pensava, ma i fantasmi ritornano.
Cleve è' a capo di una squadriglia, all' interno della quale vigono regole militari ed umane inclinazioni, arrivismo, eroismo, imprudenza, solidarietà', simpatie, a volte amicizia.
Pelle in questo senso, è' la sua antitesi, giovane, sfacciato, imprudente, dannatamente incosciente e scorretto. Agisce al di fuori delle regole, ma è' ricordato ed amato perché' abbatte ripetutamente i Mig nemici. Diventa il suo incubo e la sua dannazione, ma è' considerato dai colleghi un eroe, dall' opinione pubblica il proprio eroe.
Vicende pietosamente umane si intersecano ad atti di guerra, inseguimenti, combattimenti, voli al limite, nemici invisibili che si confondono, si perdono, si abbattono, è' una lotta disumana per il raggiungimento dell' agognata " Gloria ", l' essere ricordati per sempre.
Salter disegna, con il proprio esordio letterario ( 1956 ) quello che è' diventato un classico della letteratura di guerra, tracciando vicende autobiografiche ( per oltre dieci anni è' stato pilota nell' Aviazione militare americana ) ed esemplare e commovente è' la tormentata figura del protagonista, Cliveland Connell, pilota di caccia ed uomo dai sentimenti profondi, introspettivo, occhio vigile e critico sulle atrocità' di una guerra parallela, combattuta in cielo, nella quale il nemico appare invisibile, o si mostra improvviso, ti sorprende alle spalle, ti insegue per finirti, e vi è' un' alienazione di ogni contatto umano e tanto tempo per riflettere, a terra, quando l' inclemenza del tempo accompagna la ripetitività' dei gesti.
" Durante tutte le sue esperienze passate mai aveva pensato qualcosa di vagamente simile, cioè l' avere cercato il proprio destino ed il divino in ogni cielo per trovarli a terra ".
Il proprio percorso è' compiuto, non tornerà', come tutti quegli uomini conosciuti, apprezzati, frequentati, e persi, per sempre, un po' come quei giorni rimasti solo nella propria memoria, e quel grido non raccolto, un grido di aiuto e di disperazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
" Tutto quel che è' la vita " " Una perfetta felicita' "
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo