V2 V2

V2

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Novembre 1944. L'ingegnere tedesco Rudi Graf si trova in una cupa cittadina sulla costa olandese occupata dai nazisti per sovrintendere al lancio dei missili V2 su Londra. Nessuno meglio di lui conosce quelle macchine mortali. Fin da bambino ha sognato di inviare un razzo sulla luna. Invece, con il suo amico Wernher von Braun, ha contribuito alla creazione di quest'arma sofisticatissima, capace con la sua testata da una tonnellata di viaggiare a tre volte la velocità del suono. Disilluso e preoccupato, Graf deve obbedire: Hitler ha ordinato la fabbricazione di diecimila missili e nessuno può fermare il suo tentativo disperato di evitare la sconfitta. Kay Caton-Walsh, ausiliaria dell'aeronautica militare britannica, è scampata per poco all'orrore dell'esplosione di uno di questi brutali strumenti di terrore civile e, armata solo di un regolo calcolatore e delle tavole dei logaritmi, partecipa con altre donne a una missione in Belgio, da poco liberato dai tedeschi, finalizzata a localizzare e distruggere le basi di lancio dei V2. In una corsa contro il tempo, le vicende dei due protagonisti viaggiano in parallelo su fronti opposti. Ma in guerra è difficile capire di chi ti puoi fidare. In questo nuovo romanzo ricco di dettagli storici, personaggi reali e grande atmosfera, Robert Harris torna a raccontare al lettore una delle pagine meno esplorate della Seconda guerra mondiale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
V2 2020-11-02 14:52:34 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    02 Novembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I missili V2

«Ho trascorso gli ultimi dieci anni della mia vita accanto al mare, pensò, sempre con l’odore dei pini nelle narici e il sapore di sale in bocca, ad ascoltare i gabbiani e a fissare la vastità del cielo.»

Siamo nel mese di novembre del 1944. La guerra è in corso e si sta fronteggiando su più versanti. Da un lato la Germania sta bombardando Londra con i nuovi V2, missili di ultima generazione, ancora instabili su alcuni fronti ma estremamente utili dall’altro stante il fatto che la testata da una tonnellata che li caratterizza è capace di viaggiare a tre volte la velocità del suono, dall’altro la Gran Bretagna sta studiando una offensiva per fermare il nemico germanico. Ad averli studiati e a contribuire a farli partire è Rudi Graf, ingegnere, che in quel di una cupa cittadina olandese occupata dai nazisti ne sovraintende i lavori e gli sviluppi. Non può far altro che obbedire, i bombardamenti sono ogni giorno più numerosi, il nemico deve essere abbattuto.
Al contempo, Kay Caton-Walsh, ufficiale ausiliario dell’aereonautica militare britannica e con una relazione con un uomo sposato suo collega di lavoro, scampa a un attacco V2 proprio mentre è con Mike. La sua posizione è adesso compromessa: il legame sentimentale è giunto al termine, quel rifiuto al seguirlo in ospedale è tanto crudo e duro quanto la necessità che lei se ne vada da Londra. Ecco perché il suo talento per la matematica si riscoprirà essere utilissimo; i missili tedeschi vanno fermati e quale miglior modo se non quello di intercettare le basi di lancio. Come? Individuandone con una serie di calcoli logaritmici e con un regolo la traiettoria di partenza sfruttando quell’unico punto debole plausibile…
Due fronti paralleli quelli di Rudi e Kay in cui nulla è come appare e in cui il vero e il falso, nonché la possibilità di fidarsi delle persone e delle informazioni giuste, sono concetti tanto labili quanto fragili. Due strade parallele che arriveranno a incontrarsi con la più amara delle verità.

«Spesso le cose più difficili da vedere erano quelle che avevi davanti agli occhi»

Quello proposto da Robert Harris è un elaborato corposo che non manca di toccare e conquistare il cuore degli appassionati di storia e del genere letterario. Il titolo è stato scritto dall’autore quasi interamente durante il lockdown imposto dalla pandemia Covid-19 per un lasso totale di quattordici settimane ma trae spunto e origine da una voce realmente esistita nella storia; quella di Eileen Younghusband ufficiale del Women's Auxiliary Air Force (WAAF) venuta a mancare nel 2016 e realmente impiegata nella missione belga per la determinazione delle traiettorie dei missili. Il tempo a disposizione per effettuare suddetti calcoli non poteva superare i sei minuti dai dati forniti dal radar in quanto soltanto questo breve lasso avrebbe potuto permettere agli aerei della RAF di colpire le basi mobili prima del loro spostamento da parte dei nazisti. Eileen fu tra le migliori calcolatrici di queste elaborazioni.
Robert Harris, con la sua solita e ormai consueta penna, riporta alla luce un dato storico radicato nel nostro passato e crea una perfetta sintesi tra realtà e finzione. Se da un lato siamo coinvolti da quella che è la vicenda che è portata avanti dalle voci narranti, dall’altro siamo affascinati e incuriositi da quello che rappresentavano questi missili e dal periodo storico esaminato.
La lettura è dunque estremamente piacevole, incuriosisce chi legge fornendogli al contempo gli strumenti necessari per una riflessione sulle molteplici tematiche trattate che vanno dal ruolo femminile nella guerra, ai preconcetti, ad una analisi da una diversa prospettiva di una parte del secondo conflitto mondiale forse meno nota.
Godevole e capace di solleticare la curiosità del conoscitore. Una riconferma della bravura dell’inglese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri