Coral Glynn Coral Glynn

Coral Glynn

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


In una grande villa nella campagna inglese alla fine della seconda guerra mondiale, dove Coral, che al mondo non ha più nulla e nessuno, arriva per assistere nei suoi ultimi giorni la padrona di casa, e poi aiutare il figlio di lei, il maggiore Clement Hart, a guarire dalle ferite che il conflitto gli ha lasciato. In quelle stanze buie, gelide e spettrali come la campagna che le circonda, Coral e Clement arrivano in brevi momenti, con le parole, quasi a toccarsi. Ma ogni volta, dalla caligine che si insinua ovunque, qualcosa – un anello rubato, un inquietante gioco infantile, un misterioso profumo di fiori – si materializza, costringendo il desiderio e il bisogno a prendere una forma meno categorica dell’amore. È l’inizio di un viaggio lieve, doloroso e imprevedibile, difficile da raccontare e impossibile da dimenticare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Coral Glynn 2012-10-01 05:44:14 pirata miope
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
pirata miope Opinione inserita da pirata miope    01 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

COMMEDIA SENZA BUSSOLA


La commeda di costume inglese ( “comedy of manners”) alla Jane Austen ormai ha perso la bussola: i personaggi fanno le loro parti, improvvisando senza più un copione a disposizione, la ridente campagna, in procinto di essere invasa dalle villette a schiera, nasconde nelle radure boschive giochi sadici di fanciulli feroci, presi in prestito dai film dell’orrore, e guai a capitarvi per sbaglio mentre si passeggia. Nella commedia messa in scena da Cameron in “Coral Glynn” (2012) si cerca invano il baricentro: ognuno degli attori manca appunto di forza di volontà, a cominciare dalla protagonista, Coral Glynn, infermiera senza mezzi capitata in una dimora aristocratica per assistere la padrona di casa moribonda. La sua dovrebbe essere la classica figura di donna povera in lotta contro il pregiudizio sociale in nome dell’amore: infatti Clement, il figlio dell’inferma, morta la madre, attratto da lei, le chiede di sposarla e lei accetta. L’intreccio alla Jane Austen dunque parte, tuttavia non approda da nessuna parte: le distanza sociali sono un ricordo del passato, cosi come sentimenti quali l’amore, la passione e il bisogno di realizzare se stessi si concretizzano in nient’altro che in “una sensazione di vuoto...di qualcosa-una luce, o un suono dentro, nel profondo” che si affievolisce, si spegne e lascia soli nel buio. Un eco nel profondo che non è più in grado di fare da guida per nessuno: “come si fa a sapere se si vuole qualcosa o no?” si domanda Coral e questo vale per Clement, per Robin, di lui innamorato, per la di lui moglie, Dolly, per Laslo, l’amante londinese di Coral. Cosi si fugge da un destino segnato o da un ruolo prestabilito, ma non si sa se si vorrebbe farlo: si agogna a non rimanere soli, ma non si sa se si preferisce la solitudine, si tradisce l’amico di una vita, senza essere sicuri di averlo voluto. Morta la ragione e il cuore, non resta che andare là dove ti porta l’impulso: cosi il vento scompiglia le pagine del libro, cose e persone si dispongono alla rinfusa e si mettono in posa per una conclusione....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama l'autore e a chi ama la commedia di costume alla jane Austen di cui Corla Glynn è quasi una ripresa parodica.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Coral Glynn 2012-07-30 10:02:25 darkala92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    30 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Manca di spessore

Sono... non so dire come sono. Sorpresa? Scossa? Allibita? Delusa? Non saprei, effettivamente.
Forse più delusa, che altro. Mi aspettavo di certo molto altro da un libro con una premessa coi controfiocchi. Certo che sono imparziale, io.. Se fosse stato un libro Mondadori l'avrei bocciato categoricamente, mentre... Beh, son di parte, ma perchè ce l'ha davvero un potenziale questo libro..o meglio: ce l'aveva; il problema è che non è saltato fuori, non è emerso. E' rimasto nascosto, forse solo a me, o forse a tutti, chissà. Leggendo però altre recensioni mi rendo conto che i sentimenti provati con la lettura di P. Cameron sono molto simili tra di loro.
In questo libro manca il tocco magico.. è come se non fosse realmente finito; è come se mancasse qualcosa, un evento, un episodio.. manca qualcosa, sì. Una conclusione troppo frettolosa, un finale che effettivamente non è un vero finale..
Peccato, perchè l'idea era veramente carina, i colori della storia erano belli, ma purtroppo non sono state applicate le giuste sfumature. Peccato, davvero..

Entrando nel merito del libro, vorrei semplicemente mostrare (come una sorta di sfogo, diciamo) la mia non antipatia, ma diversamente simpatia per la protagonista, Coral Glynn. Mi aspettavo un personaggio differente: lei è infermiera, è vicina alla gente, è gentile, modesta... ma eccessivamente squallida. Coral non è adatta a vivere, non è realmente in grado di farlo. I suoi gesti sono sì gentili, ma allo stesso tempo rudi; non è adatta a vivere in un certo modo, non è in grado di comprendere i suoi limiti e quelli degli altri. E' la sua perenne pseudo-sofferenza che mi innervosisce. Prende determinate decisioni, ma poi non si comporta di conseguenza. Si lamenta di essere sola, ma il problema principale è lei che non è in grado di mantenere rapporti con la gente. Gioca la parte della vittima, incapace di dare una scossa alla sua vita..Vive per inerzia. Sembra finta e costruita in tutti i suoi comportamenti, fredda e distaccata da tutto ciò che le succede, eppure è infermiera, eppure ha toccato con mano il dolore, la sofferenza, ma nonostante tutto è pietrificata, è come se lei fosse lo spettatore di se stessa, della sua misera vita.

Non ammetto che qualcuno possa provare interesse ed entusiasmo per un personaggio simile. Anzi, per quanto mi riguarda e tanto per essere eleganti, mi sta proprio sulle balle. Evviva la sincerità! :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri