Il ballo Il ballo

Il ballo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Con la naturalezza di un classico, Il ballo mescola i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l'ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell'adolescenza. In poche pagine, con una scrittura scarna ed essenziale, Némirovsky riesce a raccontare un dramma dell'amore, del risentimento e dell'ambizione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 25

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (25)
Contenuto 
 
4.3  (25)
Piacevolezza 
 
4.5  (25)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ballo 2018-04-12 10:31:26 lapis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    12 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Festa di fiele

Lucidiamo ogni superficie con ambizione ed egoismo. Facciamo risplendere ogni specchio di frivoli desideri. Accordiamo gli strumenti della cattiveria. Perché qui, in casa Kampf, c’è un ballo da allestire!

Quello che colpisce di questo racconto di Iréne Nèmirovsky è, prima di tutto, la totale assenza di sentimenti positivi. L’autrice prende il suo pennello di parole e, con tratti brevi, delicati ma incisivi, tratteggia scene di vita di una famiglia parigina di inizio secolo, quella stessa quotidianità e quello stesso presente da lei stessa vissuto e conosciuto. E lo fa senza abbellimenti, senza pietà, senza veli. Poche immagini capaci di condensare e restituire tutte le emozioni, i rancori, le meschinità di una società che appare più ambiziosa e vuota che mai, dove nemmeno i rapporti familiari sono capaci di tenerezza, piegati dalla smania di successo e dall’egoismo.

Un ballo.

Per Rosine Kampf quel ballo è l’occasione per consacrare la sua nuova condizione economica e, dopo tanti anni di miseria e grigiore, sentirsi finalmente parte di quel mondo luccicante sognato solo da lontano. Sfoggiare lusso, vestiti, gioielli. E, soprattutto, essere ammirata - invidiata dalle donne e corteggiata dagli uomini. Protagonista finalmente sulla scena del successo che merita di conquistare.

Per la figlia Antoinette, invece, quel ballo significherebbe l’ingresso alla vita, quella vita che scalpita per iniziare. Perché quattordici anni non è più l’età per dormire come i fanciulli, ma per indossare un abito spettacolare, sfoggiare le proprie rosee gote, danzare musiche inebrianti. Ed essere ammirata da un giovane amore. Protagonista finalmente sulla scena della vita che merita di vivere.

È così che un ballo si può trasformare nell’occasione per far emergere quel ribollire sotterraneo di tensioni, gelosie e rabbia. Vietare ad Antoinette di partecipare al ballo diventa una forma di subdola vendetta verso quella ragazzina, colpevole di avere qualcosa che non si può comprare, la giovinezza. E altrettanto feroce sarà il gesto di ribellione di Antoinette, capace di una crudeltà ancor più fredda e implacabile.

Una semplice circostanza, apparentemente banale e priva di significato, diviene la cartina al tornasole capace di svelare non solo la rivalità tra le due protagoniste, ma anche un ritratto spietato e beffardo della società dell’epoca, dominata dalla brama di notorietà, ricchezza, apparenza. E che per questo si rivela a tratti così tristemente e spaventosamente simile alla realtà che ci circonda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il ballo 2017-12-01 14:13:32 antonelladimartino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    01 Dicembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Adesso siamo ricchi

Questo racconto di Irène Némirovsky è un gioiellino al veleno, crudele nella sua bellezza, prezioso per la densità dei suoi dialoghi rivelatori, che in poche distratte parole distruggono maschere e apparenze. Del resto, nell’ambiente che circonda la piccola Antoinette, l’ipocrisia è fragile come carta velina.

Antoinette ha quattordici anni, e desidera con feroce intensità di esplorare le gioie della vita adulta, in particolare quelle del sesso e dell’amore. Vuole brillare, gioire, uscire dalle paludi di impotenza e di noia dell’infanzia. Suo padre, “un piccolo ebreo scarno con gli occhi di fuoco”, è riuscito improvvisamente ad arricchirsi, ma questo per lei si traduce soprattutto in nuove pretese da soddisfare: regole da mettere in pratica, lezioni noiose, imposizioni e critiche: Antoinette deve imparare a muoversi, a parlare, soprattutto a mentire sulla povertà trascorsa.

Rosine, madre di Antoinette ed ex “dattilografa del capo”, è determinata a prendersi la rivincita sugli anni passati ad attendere l’arrivo di una nuova vita: la ricchezza è finalmente arrivata, ma la sua freschezza è agli sgoccioli e lei è ansiosa di spremere il meglio da quel che le rimane, di salvare il salvabile e godere il godibile, di “vivere”, di essere finalmente “felice”. E sua figlia Antoinette, ormai in età da marito? Lei deve rimanere fuori dai piedi. I baci rituali del risveglio e della buona notte che le somministra sono un rituale ormai svuotato di significato.

Malauguratamente, Antoinette e Rosine, madre e figlia, condividono e lo stesso preciso, identico e luccicante ideale di felicità: l’amore, anzi, “l’amante”, talmente usuale da rappresentare un’istituzione nella società francese del tempo. Madre e figlia, la stessa ansia, lo stesso desiderio.

Un desiderio che presto potrebbe realizzarsi: stanno per organizzare il primo, lussuosissimo, costosissimo ballo, che comprenderà ex prostitute sposate, arricchite e ripulite, blasonati e arricchiti, mariti e gigolo (“sono decorativi”), truffatori e corruttori, donne sposate e signorine acide per diffondere l’invidia... Un ballo che riflette fin nei minimi particolari la vastità del degrado che circonda la piccola famiglia appena arricchita: il sogno luccica ancora e produce ancora desiderio, ma mostra già il potenziale distruttivo.

Al ballo ci saranno tutti e di tutto, tranne Antoinette. Rosine è determinata: sua figlia dormirà in uno stanzino, in fondo al corridoio. La frustrazione della ragazza è direttamente proporzionale alla sua voglia di mordere i primi frutti della vita sessuale. Ma la madre non capisce, si illude, minimizza.
“La domerò, puoi giurarci...”
“Un ballo. Non ti inorgoglisce l’idea che i tuoi genitori diano un ballo? Non sei molto sveglia, temo, povera figlia mia”.
La rabbia di Antoinette produrrà effetti devastanti. E rivelatori. La famiglia ha conquistato il denaro, ma rimane priva non soltanto di valori e di affetti, ma perfino di solidarietà, obiettivi comuni, miti da conservare, apparenze da salvare.

Una piccola storia tragica, scandita da un ritmo perfetto e inesorabile che si consuma in un tempo breve, ma sufficiente a spaccare superfici ed esporre illusioni, brutture, miserie. Lo stupore della giovanissima protagonista di fronte alla fragilità degli adulti, quei mostri che tanto teme e tanto odia, riflette l’enormità della desolazione, della sconfitta di un’intera società.

Nelle opere successive non mancano i barlumi di speranza e di tenerezza, ma qui la penna di Némirovsky dimostra un’intelligenza lucida e spietata, che ferisce con il suo sarcasmo e non conosce perdono, redenzione, delicatezza. Da non perdere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi dello stesso autore, letteratura francese contemporanea,
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2016-09-06 05:08:33 Antonella76
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    06 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Feroce...



Ma che meraviglia...
Della Nemirovsky avevo letto e apprezzato moltissimo "Suite francese", ma questo racconto, in una manciata di pagine, forse forse mi ha dato molto di più...
Ci ho trovato dentro una feroce ironia nei confronti di coloro che inseguono disperatamente lo status sociale di "ricchi", e un altrettanto feroce attacco alla figura materna, quella incapace di guardare oltre il proprio "io", concentrata sempre e solo su se stessa, affamata di considerazione altrui e inutili riconoscimenti, ma completamente anaffettiva nei confronti della sua stessa figlia, oserei dire anche gelosa.
Qui ci troviamo di fronte ad un dispetto adolescenziale che si trasforma in una vendetta fatta a regola d'arte, dettata dalla mancanza d'amore, dal dover essere sempre e solo spettatrice muta dell'ego smisurato della donna da cui, invece, ci si aspetterebbe amore e dedizione.
Si assiste alla volontà di iniziare a "vivere" da parte di madre a figlia, ma per una questo significa emergere dall'anonimato della povertà, per l'altra ribellarsi all'autorità genitoriale che la schiaccia pesantemente.

"Era l'attimo, l'istante impercettibile in cui si incrociano "sul cammino della vita": una stava per spiccare il volo, l'altra per sprofondare nell'ombra. Ma non lo sapevano."

Questo piccolo romanzo, fortemente autobiografico, ci dà la misura di quanto burrascoso fosse il rapporto della scrittrice con la propria madre...
Una scrittura elegante, raffinatissima, ma anche affilata, tagliente, ironica e dissacrante.
Un piccolo gioiello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2015-07-19 13:45:47 Giu_Bi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giu_Bi Opinione inserita da Giu_Bi    19 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La danza dell'invidia

Come si può, in nemmeno cento pagine, rivelare così tanto delle emozioni umane più sotterranee, della rivalità tra donne, dell’insicurezza che si tramuta in distruttività? La Némirovsky lo fa brillantemente ne “Il Ballo”.
Lo stile dell’Autrice, asciutto e impeccabile, appare davvero attuale nonostante il romanzo non sia poi così giovane; i dialoghi sono carichi di espressività, che emerge attraverso una colloquialità mai banale ma che, anzi, stride piacevolmente con le brame di elevazione sociale dei protagonisti, rivelandone immediatamente la prosaicità. Alla lettura si scatenano emozioni vivaci e talvolta sgradevoli, come accade quando ci si pone di fronte alle verità scomode.
L’invidia è il sentimento che fa da filo conduttore nel Romanzo, e determina pienamente i pochi – ma significativi – momenti di snodo che decideranno l’esito della vicenda.
La signora Kampf non può ammettere che la figlia Antoinette stia crescendo e diventando, a propria volta, una donna. Essa desidera troppo ardentemente di risarcirsi della mortificazione passata attraverso la ricchezza appena acquisita, e forse prova rabbia verso la figlia, vissuta invece come più “fortunata”. “Ah, credi di fare il tuo ‘debutto in società’ l’anno prossimo! Chi ti ha messo questi grilli per il capo? Sappi, mia cara, che io comincio soltanto adesso a vivere, capisci, io, e che non ho intenzione di avere tra i piedi una figlia da marito…”.
Antoinette, chiamata ostinatamente “bambina” nonostante i suoi quattordici anni, a propria volta non può comprendere il rancore, l’astio, il desiderio di rivalsa della madre; “mai Antoinette aveva visto negli occhi della madre quello sguardo freddo di donna, di nemica”. A quel punto, ogni donna che goda della propria indipendenza e femminilità diviene altrettanto ostile ad Antoinette; la governante inglese che incontra segretamente il suo amante diviene la goccia che fa traboccare il vaso: il dramma di non essere vista, di sentirsi esclusa da un mondo adulto di delizie che sembra non volerla accettare, scatena la distruttività di Antoinette che, in un parossismo di invidia, sembra decidere che tutte le altre donne debbano soffrire quanto lei: tutte, a partire dalla madre.
Intuiamo infine che Antoinette crescerà arida e priva di rimorsi proprio come la madre; la Némirovsky sembra voler suggerire il peso e l’ineluttabilità di certe “eredità affettive”, in cui il cerchio del rancore e del disconoscimento è destinato a perpetrarsi senza possibile soluzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2015-06-21 13:30:55 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    21 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

parenti serpenti

A volte in poco più di cento pagine vngono racchiuse tanti di quegli spunti che non si trovano neppure in tomi da migliaia di pagine.
E' il caso di questo romanzo breve scritto nel 1928 da una scrittrice nata a Kiev che decide di ambientarlo nella sua patria di adozione: la città di Parigi.
Direi che i temi trattati sono ancora piuttosto attuali; le traversie di una famiglia arricchita, per di più di origini ebraiche, che cerca di farsi accettare dall'alta società. Ma la parte centrale del libro sono il rapporto tra questa madre sperduta in un mondo nuovo e per certi versi tornata come una bambina che cerca di farsi notare dai grandi, e la figlia. Una figlia che ha quattordici anni e quindi ha già il suo bel da fare con la crisi adolescenziale. Il desiderio di essere al centro delle attenzioni della madre e l'innata competitività tra donne la porterò a fare uno scherzo crudele alla madre. Calcolato con cura e portato avanti con precisione il piano della ragazza riuscirà perfettamente a centrare l'obiettivo di mortificare la madre. Del resto solo chi ci conosce bene sa che cosa può farci veramente male.
Un bel libro, che si lascia leggere con leggerezza, ma che è tutt'altro che leggero. Lungo quanto basta per contenere una bella storia, ma non troppo da dare spazio a fronzoli o descrizioni inutili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2015-04-24 21:10:52 Vincenzo1972
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    24 Aprile, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mors tua, vita mea...

Che forza, Irene! Che stile! Una potenza espressiva che ti travolge e ti avvolge, come un'onda dell'oceano quando insegue un surfista nella sua spirale d'acqua e lo trascina con sè, lo conduce lungo la sua scia e lui non può far altro che lasciarsi trascinare, sino alla fine, sin quando l'onda gli si abbatterà addosso con tutta la sua forza, spegnendosi.
E così come un'onda esaurisce la sua potenza nel giro di pochi secondi, allo stesso modo l'impeto di Irene si concentra in un centinaio di pagine, un racconto che si legge e si vive tutto d'un fiato, impossibile interromperne la lettura perchè una volta catturati dall'onda non è facile uscirne, praticamente soggiogati dalla sua forza cinetica, dalla progressiva accelerazione verso l'epilogo finale.
E' il primo libro che leggo di Irene Nemirovsky (e di certo non sarà l'ultimo) ma mi ha affascinato a tal punto che non ho potuto fare a meno di approfondire la conoscenza di questa donna, che sarà stata sicuramente una grande donna, forte, passionale, ribelle, un animo sensibile ma non debole, combattivo e certamente sincero, istintivo; perchè altrimenti non sarebbe riuscita a rendere così 'vivi' i suoi racconti, c'è un cuore che batte tra quelle pagine, c'è uno stomaco che si contorce per la rabbia, per l'odio verso chi le è più vicino, in primis i genitori, dai quali riceve incomprensione piuttosto che amore, accecati come sono dalla propria meschinità e menefreghismo.
E leggendo la sua biografia, percorrendo le tappe della sua breve ma intensa vita (come un'onda), si intuisce facilmente l'inquietudine e il desiderio di rivalsa da cui era tormentata: la nascita a Kiev nel 1903, gli anni dell'adolescenza trascorsi in fuga dalla rivoluzione russa prima in Finlandia, poi a Stoccolma ed infine in Francia dove vivrà sino al suo arresto da parte dei nazisti, nonostante la sua conversione al cattolicesimo, e la morte nel 1942 ad Auschwitz dove era stata deportata.
Due lingue, il russo e il francese, parlate alla perfezione; due culture, Oriente ed Occidente, assimilate ma in equilibrio instabile nella sua personalità; due religioni, ebraismo e cattolicesimo, mai veramente vissute spiritualmente anzi quasi rigettate e derise nelle loro contraddizioni.
Ma è nella descrizione dei suoi personaggi che Irene palesa la sua straordinaria vena narrativa:
ne 'Il ballo', la protagonista Antoinette (inevitabile considerarla alter-ego dell'autrice Irene dopo aver letto la sua biografia) è la figlia quattordicenne dei coniugi Kampf, lui banchiere ebreo che grazie ad investimenti ben calcolati riesce ad accumulare una grande ricchezza tanto da consentire alla famiglia il passaggio nell'alta società, quella dei ricchi e dei titoli nobiliari, e lei donna arrivista, ambiziosa e vanitosa, che dopo anni di sacrifici e rinunce che la vita 'borghese' le impone, può finalmente dar sfogo alla sua cupidigia, esaudire tutti i suoi desideri, anche quelli più futili, repressi per anni, in particolare quello di entrare di diritto nella società che conta.
E quale migliore occasione per farsi conoscere se non quella di organizzare un ballo, una cerimonia nella sua nuova residenza a cui avrebbero partecipato ben 200 invitati selezionatissimi, gente sconosciuta ma dai titoli altisonanti e che avrebbero confermato definitivamente il passaggio del signor e signora Kampf ad una nuova vita. E già, ma Antoinette? La signorina Antoinette, nel pieno della sua adolescenza è animata da quell'ardore tipico di una ragazza che si sente ormai donna, pronta e desiderosa di dismettere definitivamente i suoi vestitini da bambina, ormai troppo stretti, soffocanti quasi. Ma nessuno in famiglia sembra capirla, nessuno avverte il suo trambusto interiore anzi la madre per prima continua a trattarla come una bambina, una stupida bambina, che col suo broncio perenne, col suo atteggiamento disubbidiente ed indisciplinato non fa altro che aggiungere problemi, solo problemi, alla signora Kampf distogliendola dalla sua unica preoccupazione, il ballo, che la consacrerà nell'olimpo dell'alta società.
Antoinette soffre, medita, piange, il suo odio si amplifica nella crescente indifferenza dei suoi genitori sino ad esplodere alla prima occasione che le si presenta per mettere in atto la sua vendetta, tremenda quanto efficace vendetta.
E l'abbraccio finale è una sconfitta per entrambe, per la madre che vede crollare il suo castello faticosamente eretto e per la figlia che assapora senza pietà il gusto della vendetta, senza il minimo senso di colpa, lasciando quindi intravedere quello che diventerà Antoinette, una donna identica alla madre, una seconda signora Kampf:
'Era l'attimo, l'istante impercettibile in cui si incrociavano "sul cammino della vita": una stava per spiccare il volo, l'altra per sprofondare nell'ombra. Ma non lo sapevano. Eppure Antoinette ripetè piano: Povera mamma.. '

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2014-08-24 08:18:05 pupa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
pupa Opinione inserita da pupa    24 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La mamma e l'adolescente

Il tema autobiografico della madre arida d’amore verso la figlia, ed innamorata del piacere, del lusso e dello sfarzo che tragicamente poi le si ritorcerà contro è il leitmotiv preferito dall’autrice e ripetuto anche in un altro racconto. Ne Il ballo, quindi, abbiamo una bimba che si affaccia all’adolescenza nella fastosa casa che i genitori si sono dati dopo una oscura e redditizia manovra del capofamiglia, che ha proiettato la famiglia dalla più triste modestia ad una vita di lussi. Ma, si sa, il denaro non basta per essere soddisfatti, bisogna che gli altri lo vedano, lo percepiscano, ne assaggino il gusto e il profumo. Quale miglior occasione se non uno sfarzoso ballo dove invitare la créme de la créme della società. Che poi a ben guardare si riduce a qualche funzionario, una manciata di vecchie signore e qualche astuto cicisbeo, perché è in questo demi-monde che la madre pesca per scrivere gli inviti, ma la vita dell’alta società è in salita e da qualche parte si deve pur cominciare. Un ballo è anche l’occasione per una fanciulla di fare il suo debutto in società, se non fosse che l’accidia della madre vuole relegare la piccola, nella fatata notte che potrebbe vederla finalmente rifulgere di luce propria, in un angusto sgabuzzino. Ma quasi per caso la bimba innescherà il diabolico meccanismo che la libererà per sempre dell’oppressione genitoriale e vedrà finalmente smascherati i due per quel che sono: dei miserabili, volgari arricchiti. E qui la narrazione incrocia un altro dei temi cari all’autrice: il denaro fatto con troppa facilità, o con espedienti poco puliti, non può portare alla felicità, è un denaro di cui non si può godere. Il breve romanzo ha la consistenza e la levità di un racconto ma riesce a mettere in scena una ricca complessità di sentimenti e situazioni degna di un romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2014-04-07 21:19:19 MarcelloDC
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
MarcelloDC Opinione inserita da MarcelloDC    07 Aprile, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

14 anni

Quando penso che l'opera della Nemirovsky è rimasta nel dimenticatoio per più di 60 anni, inevitabilmente mi chiedo cos'altro ci stiamo perdendo adesso e forse scopriremo tra chissà quanto altro tempo.
Quando invece penso alla triste, inspiegabile fine che questa ragazza sensibile e promettente ha fatto, unita dal destino a milioni di altri innocenti, i pugni si stringono per la rabbia.
Sto divagando, meglio parlare di questo piccolo capolavoro.
"Il ballo" è stato scritto nel 1928 ed ambientato nell'alta società parigina, nel lussuoso appartamento di una famiglia arricchita di origine ebraica.
Il fatto che i Kampf non siano ricchi di origine, ma che lo siano diventati grazie alle speculazioni in borsa del capofamiglia, è un dettaglio non di poco conto.
Antoniette, la protagonista, è una ragazzina di 14 anni che, secondo i costumi dell'epoca, viene trattata come una vera e propria bambina. Rosine, sua madre, è tutt'altro che amorevole nei suoi confronti: mal sopporta la presenza della figlia, che preferisce affidare ad una bambinaia inglese, concentrandosi di più sull'apparire ricca e di alta classe nonostante le sue umilissime origini.
Il signor Kampf è un personaggio di contorno, che appare completamente soggiogato dai voleri della moglie.
Antoniette, come molte sue coetanee di oggi, odia i suoi genitori. Il suo odio è intenso, è un vero e proprio disprezzo nei confronti di due persone che percepisce come ridicole e spregevoli, nel loro continuo affannarsi nel cercare di sembrare ricchi e potenti.
Odia anche la sua bambinaia, personificazione delle catene imposte dalla madre che la costringono ad essere una bambina anche ora che non si sente più tale.
Il rancore di Antoniette esplode allorquando la madre decide di dare un grande ballo per debuttare nell'alta società. I preparativi sono maniacali, nessun dettaglio viene trascurato, e Antoniette viene suo malgrado coinvolta nella preparazione dei quasi 200 inviti da spedire ad altrettanti Conti, Marchesi e compagnia bella. Ma quando chiede di poter partecipare alla serata, prontamente si scontra contro il muro della madre che non vuole sentire ragioni a riguardo.
A quel punto, nonostante la tenera età, riuscirà mettere in atto una vendetta che, seppur impulsiva, si rivelerà "diabolica".
"Il ballo" , complice anche la sua brevità, è folgorante. Fortemente autobiografico, mi ha riportato ai miei 14 anni, quando il mondo intero era il mio nemico e sognavo di avere 10 anni di più, di essere indipendente.
Quei 10 anni sono passati in fretta e purtroppo di tornare indietro non se ne parla. Forse questo piccolo libro mi è piaciuto così tanto proprio per questo: Antoniette avrà per sempre 14 anni, sarà per sempre in conflitto con il mondo che la circonda. E per quanto riguarda me, non dovrò fare altro che rileggermi "Il ballo" per ricordare come ci si sente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2014-03-27 08:09:26 MATIK
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    27 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il ballo.

«Vorrei morire; Dio fa' che io muoia... Dio mio, Madonnina, perché mi ha fatta nascere tra loro? Puniteli, vi prego... Puniteli una volta e poi muoio in pace...»
Nonostante la brevità, anche questa volta Iréne, riesce a farci capire quanto soffre chi non viene amato, la sofferenza acuta, profonda, agghiacciante di chi viene rifiutato dalla propria madre, che pensa solo al bene di sé stessa, ad eccellere e spiccare all'interno della società che la circonda, senza curarsi delle persone che le stanno accanto: figlia e marito.
"Nessuno le voleva bene, non una sola anima al mondo... Ma non si rendevano conto, ciechi, idioti, che lei era mille volte più intelligente, più splendida, più profonda di tutte queste persone che osavano crescerla, educarla, istruirla... Dei volgari parvenu, ignoranti... Ah! Come aveva riso di loro tutta la sera, senza che se ne accorgessero, ovviamente... Poteva piangere o ridere sotto i loro occhi, non si sarebbero degnati di vedere niente... Una figlia di quattordici anni, una ragazzina, qualcosa di spregevole e basso come un cane... Con quale diritto la mandavano a dormire, la punivano, la insultavano? "Ah! Vorrei che morissero".
Antoinette, la figlia non amata, questa volta assaporerà dolcemente e crudelmente la sua vendetta nei confronti della madre, per tutta la sua adolescenza è stata messa nell'ombra ed in occasione del grande evento, "il ballo", si prenderà la sua rivincita, e, vedrà per la prima volta la madre sconfitta, debole e umiliata, come lo è stata lei per tanti anni.
"Era l'attimo, l'istante impercettibile in cui si incrociavano "sul cammino della vita": una stava per spiccare il volo, l'altra per sprofondare nell'ombra. Ma non lo sapevano. Eppure Antoinette ripeté piano: «Povera mamma...»"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama Iréne!
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-09-12 08:17:27 Melandri
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Melandri Opinione inserita da Melandri    12 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ACQUA CHE TOGLIE E RESTITUISCE

Come tante altre volte è successo, ho scoperto qui Irène Nemirovsky, tamponando leggermente le infinite mancanze del mio mondo letterario.

Colpita, ecco come mi sento. Colpita da questa autrice che in poco più di 80 pagine è riuscita a girare un cortometraggio di parole talmente evocativo che al termine della lettura ero marchiata da un ghigno beffardo e compiaciuto.

La brevità di questa opera è certamente insufficiente affinché la mia fantasia abbia già dato volti ai protagonisti, ma talmente intenso e conduttore da avermi trasmesso in mezz’ora l’empatia con Antoinette.

Questa quattordicenne, (nella mia mente un po’ Carrie di S.King devo ammettere…), sbocciata da poco nell’adolescenza, subisce con rabbia crescente le frustrazioni di una madre e di un padre che, improvvisamente arricchitisi, le trasmettono con ogni gesto e parola la sua inadeguatezza in un mondo ricoperto di pareti bianche e mobili color bronzo.

La rabbia di Antoinette si trasforma in pensieri di vendetta, con l’enfasi e l’intensità di una ragazza giovanissima a cui pare che venga tolto il futuro dei suoi sogni.

La rabbia di Irène si manifesta in questo libro nei confronti della sua gente con una piccola ma affilatissima freccia alla superficialità e alla pochezza borghese.

“Se ti danno uno schiaffo, porgi l’altra guancia….Il bel mondo è la migliore scuola di umiltà cristiana”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-08-30 13:29:54 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    30 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’iniziazione

Ne “Il ballo” Irène Némirovsky utilizza la formula dell’iniziazione per scatenare furore e fulmini su uno dei conflitti che caratterizzano le sue opere: quello tra madre e figlia, in una concezione del rapporto “che non prevede reciprocità e condivisione e neppure complicità, ma solo concorrenza e esclusività” (dalla prefazione di Maria Nadotti).
Storia, società, etnologia e antropologia pullulano di “riti di passaggio”: l’investitura del cavaliere nel medioevo, “i balli delle debuttanti” o le feste di addio al celibato in epoca più recente, la cerimonia accademica del conferimento della laurea, i riti che certe etnie riservano alla fase del passaggio all’età adulta … in fondo sono tutti esempi della medesima struttura.
E un rito di passaggio è anche quello che Rosine Kampf (“Un bel giorno, erano diventati ricchi, così, all’improvviso, lei non aveva capito come”) vuole inscenare per introdursi nella “bella società” parigina: organizza un ballo al quale invita amici, conoscenti e chi più ne ha più ne metta (“… inviti … Ne spedisco circa duecento, capisci?” “Solo al secondo o al terzo si può fare una cernita… Ma questa volta bisogna invitarne a bizzeffe…”). Per transitare – da arricchita (“dopo il geniale colpo fatta alla borsa da Alfred Kampf”) – insieme al marito Alfred (“un piccolo ebreo scarno con gli occhi di fuoco”) nella “società che conta”.
I preparativi fervono in modo febbrile e Rosine è eccitata (“Sono tre notti che non dormo; sono a pezzi, sento che sto per impazzire!”): poi finalmente giunge la serata del fiabesco ballo (“La cameriera stava disponendo sul letto il vestito per il ballo, di lamé argentato con fitte frange di perle, le scarpe che brillavano come gioielli, le calze velate di mussolina”), da celebrare in pompa magna (“Con la grande tavola in mezzo, piena di selvaggina, pesce in gelatina, ostriche sui vassoi d’argento …”).
Ma qualcosa va storto, perché Antoinette (“C’erano dei momenti in cui odiava a tal punto gli adulti che avrebbe voluto ucciderli, sfigurarli, o almeno poter gridare…”), la figlia quattordicenne (“Con quale diritto la mandavano a dormire, la punivano, la insultavano?”), ci mette lo zampino, si vendica (“Camminava verso il salone, come un assassino novello attratto dal luogo del delitto”) e rovina la festa alla madre. Del resto, non tutte le iniziazioni … riescono alla perfezione!
Gran finale in equilibrio tra tragedia, ipocrisia e indifferenza (“Ma Antoinette non era commossa; provava una sorta di sdegno, di indifferenza sprezzante”): “Come si può piangere così, per una cosa simile … E l’amore? E la morte?”
Il racconto è tanto crudele quanto efficace nello smascherare meschinità e sottili giochi di psicologia familiare e umana.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... testi di antropologia o etnologia.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-07-21 21:16:41 silvia t
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    21 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il ballo

Leggere questo racconto è come sbirciare dal buco della serratura, rubare istanti di vita privata di una famiglia che da un momento all'altro si trova a far parte dell'alta società e coglierne tutti gli aspetti, i più gretti e meschini, i più assurdi e patetici.
Al di là della trama che è piuttosto concisa, essendo il racconto composto da solo ottantatré pagine, quello che colpisce è la caratterizzazione dei personaggi; in generale ciò che salta all'occhio è la totale assenza di un personaggio positivo, nessuno degli attori ha lati positivi, ma solo un insieme di difetti che li rendono così ridicoli e così reali.
Il punto di vista è neutro, l'autrice racconta questo squarcio di vita per come si svolge, senza introdurre giudizi morali, ma lasciando al lettore il compito di farsi una sua opinione.
Lo stile della Némirovsky è così pulito e asciutto che cattura e trascina, il registro così ironico a descrivere una situazione drammatica non può che risultare accattivante e piacevole.
La forza di questo stile sta soprattutto nei dialoghi, primi fra tutti quelli che si svolgono fra marito e moglie; sono così realistici e così azzeccati da rimanere vivi nella memoria; il rapporto che è sottolineato in modo più netto è quello madre-figlia, ma io credo che quello coniugale sia molto più interessante, infatti è attraverso questo che si comprende la personalità della signora Kampf e come sia potuta arrivare ad essere ciò che è.
Altri piani di lettura possono essere scorti, sviscerati, ma io credo che sia un racconto che si deve gustare con semplicità, così come è scritto, non stupendoci troppo per lo squallore morale che viene descritto, per come questo sia presente in tutte le generazioni della famiglia, quasi come, quello sì, una tradizione.
Lo consiglio a tutti, poiché mi ha davvero stupita sia per la modernità dello stile che per il coraggio del contenuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-07-18 10:12:07 Illary
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Illary Opinione inserita da Illary    18 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SCHADENFREUDE

Antoinette è una quindicenne di buona famiglia. I signori Kampf sono borghesi arricchiti che cercano di entrare nella buona società parigina attraverso l'organizzazione di un prestigioso e suntuoso ballo che celebrerà il loro ingresso nel "bel mondo". La signora Kampf è una madre crudele ed arcigna che maltratta la figlia umiliandola sudbolamente. Antoinette saprà riprendersi una gustosissima e tremenda rivincita sui due inetti genitori.

La scrittura della Nemirovsky è chiara, schietta e diretta. Nel libro si delinea fortemente il suo disprezzo per il culto borghese dell'apparire tipico dei primi decenni del novecento. L'insofferenza dell'autrice verso l'ostentazione della ricchezza e la frivolezza traspaiono nettamente in tutto il romanzo.
Una lettura veloce e scorrevole che trasporta nel primo dopoguerra con una rapidità sconcertante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-07-17 17:28:18 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    17 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piatto freddo e delittuoso della vendetta

Questo è il romanzo che vi dà il benvenuto (un po' freddino, a dire il vero) nel mondo misantropo ed antiborghese della Nèmirovsky. Che oserei definire la 'Fallaci di Kiev', per il modo di scrivere tagliente, dissacrante e ferocemente polemico che ricorda da vicino la storica giornalista italiana.

Sulla scia dell'hobbesiano 'Homo uomini lupus' e di una mentalità pessimistico-femminista, 'Il ballo' si può definire come un romanzo d'indagine psicologica, attraverso il quale la famiglia Kampf, appartenente alla classe borghese, verrà umiliata con ferocia inaudita.
"I Kampf erano sempre stati di una vanità e di una prodigalità folli…", e l'autrice li mostra come l'alter-ego della società post-Prima guerra mondiale, assetata di denaro e desiderosa di soddisfare il proprio bisogno di un alto tenore di vita.

Lo sgretolamento dell'ambito sentimentale ed il disfacimento delle relazioni familiari sono in primo piano, così come l'esaltazione dell'antieroe (donna, in questo caso specifico) provoca una opprimente sensazione di squilibrio e di malessere durante la lettura. Il personaggio principale, Antoinette, avrà il compito morale di distruggere la reputazione della propria madre Rosine, e l'autrice le permetterà di muovere i propri passi seguendo un doppio filo tematico: il disprezzo per la madre frivola ed il rifiuto della classe borghese a cui appartiene, idee peraltro pienamente condivise dalla Némirovsky stessa.
Gli altri protagonisti, sempre tutti ristretti ai membri della famiglia ed alla servitù, risulteranno inesorabilmente schiacciati su loro stessi, e l'autrice sarà chirurgica nell'additare i loro peccaminosi vizi dell'avidità e dell'ostentazione di una ricchezza apatica, fine a sé stessa e che finirà per divorarli a poco a poco.

Una scrittrice ebrea che nutre odio e rancore verso la classe borghese ebrea. È una delle tante contraddizioni che aleggiano intorno a questo romanzo dal tono grottesco e pre-decadente, ma dal sapore coinvolgente e frizzantino. Lettura assolutamente consigliata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-05-27 16:07:52 Cristina72
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    27 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Povera mamma...”

E' un racconto che possiede le caratteristiche di un sogno ad occhi aperti scaturito dall'odio viscerale di una quattordicenne, non più bambina e non ancora adulta, sola in quella terra di nessuno che è l'inizio dell'adolescenza. Ma Antoinette non è un'adolescente qualunque, possiede già in potenza la sensualità di una donna e un'intelligenza acuta che le permette di giudicare gli adulti con spietata cognizione di causa.
“Non sei molto sveglia, temo, povera figlia mia”, sospira spesso Rosine, madre odiosa e odiata.
Il sapore salato e amaro di lacrime di umiliazione è una costante nelle scene di vita familiare, ma sono lacrime che non scorreranno impunemente, e Rosine, donna dalla rabbiosa voglia di godersi una vita di lussi arrivati forse troppo tardi, da carnefice diventerà la vittima perfetta.
La figlia entra senza difficoltà nella sua mente limitata e ne scandaglia i pensieri: il desiderio di un amante, l'angoscia di scorgere i primi segni di vecchiaia davanti allo specchio, la paura di essere presa in giro da chi dovesse scoprire che non è nata ricca.
I suoi vezzi da parvenue, come quello di dare del lei al marito in presenza dei domestici o di addobbarsi di gioielli dalla testa ai piedi, diventano inutili e patetici di fronte al giudizio implacabile di Antoinette - e alla sua implacabile vendetta.
Il giorno del ballo, organizzato in gran pompa per entrare ufficialmente negli ambienti che contano, segnerà l'inizio di qualcosa per entrambe: una comincerà a vivere “ricca del suo avvenire”, l'altra, “raggomitolata su stessa”, a morire.
Spettatrice e attrice, la ragazzina si godrà gli effetti dello sfacelo di cui è artefice, con “una sorta di sdegno, di indifferenza sprezzante” che stupisce chi non conosce già la sensibilità furiosa della Némirovsky e dei suoi personaggi.
La battaglia è vinta, la vendetta è compiuta: Rosine è finalmente distrutta, umiliata, annientata...
E' il momento di concedere al nemico, con una carezza senza affetto, l'onore delle armi: “Povera mamma...”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"La disubbidienza" di Moravia, le altre opere della Némirovsky.
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-05-01 20:17:08 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    01 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CI SONO MADRI E NON MADRI.

Ho iniziato a conoscere l'autrice Irene Nemirovsky col libro "La preda" , che mi ha coinvolto tantissimo a livello emotivo.
Un'autrice figlia di ebrei , che fu deportata ad Auschwitz e che prima di andarsene salutò le figlie con un "arrivederci".
Il ballo è un libro a carattere autobiografico e tratta del rapporto contrastato tra una madre vanesia e crudele con la figlia di quattordici anni.
Siamo in Francia ai tempi del charleston e delle boa di piume...
La madre (???...o meglio un' adolescente mai cresciuta) in questione è talmente presa dalla nuova ricchezza acquisita dal marito, attraverso delle operazioni bancarie, talmente invaghita del nuovo ambiente aristocratico al quale vorrebbe far parte a tutti gli effetti , da non prestare minimamente la giusta cura e attenzione alla figlia.
Dopo aver vissuto per molti anni in un misero appartamento , la famiglia si trasferisce in una casa lussuosa dove regna la ricchezza...dove abbondano mobili costosi, vasellami giapponesi e cinesi...dove l'apparire ha la netta priorità rispetto all'essere.
Per questa madre , la figlia Antoinette rappresenta solo un ostacolo, una presenza indesiderata , pur affermando che le assomigliava ai tempi della sua predolescenza...La figlia, che non si sente accettata e che viene continuamente sminuita anche in pubblico ( la situazione più avvilente per una ragazza...come lo sarebbe anche per qualsiasi persona), soffre terribilmente e vive col desiderio di voler eclissare la figura materna...
Sarà il desiderio dei genitori di organizzare un ballo per debuttare nella nuova società di cui vorrebbero far parte ,e che dovrebbe garantire alla madre la possibilità di cominciare a "vivere", l'occasione che garantirà ad Antoinette di potersi vendicare...
Un momento in cui l'una potrà spiccare finalmente il volo e per l'altra di sprofondare definitivamente nell'ombra.
La lettura mi ha trasmesso molta tristezza, ma credo che offra la possibilità di riflettere su una tematica sempre attuale...quella che riguarda madri che anzichè entrare pienamente nel proprio ruolo con senso di responsabilità, preferiscono cercare di impossessarsi di quella vita, che reputano di non aver mai avuto la fortuna di avere...
E in questo modo la catena della sofferenza...anzichè fermarsi, continua a perpetuarsi...di madre in figlia...inesorabilmente...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama Irene Nemirovsky...a chi desidera riflettere sul ruolo della madre.
Trovi utile questa opinione? 
300
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-04-29 19:29:17 cuspide84
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    29 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA MACCHINA DELLA VENDETTA

La giovane Antoinette ha quattordici anni, vive praticamente reclusa in casa, se ne allontana giusto per le lezioni di pianoforte quando non è costretta a vivere all'ombra della madre, arricchitasi da poco grazie ad un colpo di fortuna del marito.

Rosine, la madre della fanciulla, non ha niente delle persone di rango elevato cui si considera appartenere: anzi, come ogni donna non nata con un certo lignaggio, vive in una casa arredata con mobili costosi, super lussuosa e ricca degli oggetti più rari e alla moda; lei stessa si agghinda di ori e di lustrini cercando di apparire e di essere quella che non è e che non potrà mai essere.

Ma arriva per Antoinette il momento del riscatto che tanto attende: il ballo indetto dalla madre per mostrarsi alla società parigina in tutta la loro, o meglio la sua, ricchezza!

Ma Rosine ha in serbo per la figlia una serata del tutto diversa da quella che si aspetta quest’ultima... è troppo piccola per poter partecipare ad eventi del genere, per cui ad una certa ora dovrà andare a letto nel ripostiglio, perché la sua camera verrà utilizzata per l’agognato ricevimento! Ma la giovane ha in serbo una vendetta… scaturita per caso e non premeditata… una vendetta che lascerà la madre del tutto a bocca aperta!

In questo breve romanzo l’autrice ha la capacità di mostrare non solo l’ostile e travagliato rapporto che s’instaura tra mamma e figlia, tra chi vuole uscire dal guscio e iniziare a vivere la propria vita e chi ha capito di aver ormai passato il proprio tempo e lotta per riaverlo, ma ha anche il merito di descrivere le piccolezze cui erano soggetti i ricchi della società parigina dell’epoca di stesura del romanzo e di esprimere la propria rabbia e le proprie esperienze personali, di cui per giunta veniamo a conoscenza nella prefazione, che ci descrive in maniera dettagliata la vita, le opere e le idee di questa singolare autrice di origini ebraiche, la cui vita si perde tra le ceneri di Auschiwtz nel 1942.

Un classico che non può mancare nella vostra biblioteca (e costa solo 99 cent!!!! Non lasciatevelo sfuggire!!).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-04-19 07:49:29 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    19 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Presto, figlia mia, gli ospiti stanno per arrivare

Parvenu = Persona che si è elevata rapidamente a una condizione economica e sociale superiore, senza avere tuttavia acquistato le maniere, lo stile, la cultura (...); questo è quanto in parte leggerete sulla mitica Treccani a proposito di "parvenu" parola francese spesso usata come un insulto da chi,snob, vuole rimarcare anche a parole la differenza di stile e cultura da chi sta insultando, se invece desiderate capire e approfondire la psicologia di un "parvenu" non c'è, credo, in Letteratura, esempio migliore de "Il Ballo" della Nemirovsky. In poche pagine e pochi personaggi , Rosine e Adolf Kampf, la figlia adolescente Antoinette,tanto "argent" e un avvenimento: il ballo, che dovrebbe sancire l'entrata della famiglia nell'alta società parigina, sintetizza tutto quello che sono gli arricchiti, con le loro smanie, paure,insicurezze, meschinità, mediocrità, inconsistenza di fronte alla nobiltà di nascita, quella che non si compra , ma che spesso anche i poveri dimostrano di avere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-04-17 20:18:41 maria68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
maria68 Opinione inserita da maria68    17 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Rosine" pessimo modello

Il dubbio che assilla molte neo mamme è: "sarò una buona mamma?"
Mi sento di rassicurare tutte, rispondendo "certo che SI!!!" se starete lontano dal modello Rosine.
Ma chi è Rosine?
È uno dei tre personaggi principali che riempiono le pagine di questo breve ma significativo racconto scritto da I. Némirovsky
Rosine non rappresenta l'idea che nel mondo reale si ha di "Mamma". È una donna che si distingue per l'insensibilità, la freddezza con cui tratta la figlia sua antagonista nella bramosia, alquanto ossessiva, di essere accettata nei salotti della "buona società" ed è per questo che deciderà di organizzare un ballo con il benestare di Alfred suo marito, che si è arricchito giocando in borsa. Lui soprannominato dai colleghi "fuoco" in casa non mostra affatto di avere spina dorsale, assecondando integralmente la moglie  senza obiettare su molte decisioni che hanno semplicemente del ridicolo. Dalla lettura del libro si percepisce che Rosine è una donna insoddisfatta. Purtroppo la sua frustrazione lei la riverserà sulla figlia Antoinette non perdendo mai l'occasione di inveire contro di lei, sia fisicamente che psicologicamente, perchè l'unica colpa se colpa si può attribuirle è quella di essere ancora "giovane", sì perché la paura di Rosine è non arrivare in tempo con l'età per varcare la soglia di quel mondo fantastico e che nessuno possa più accorgersi di lei...
Con un po' di fantasia immagino che tu Rosine nella realtà esisti, allora mi rivolgo a te
Tua figlia ha bisogno di te, ORA. Devi sapere che all'età  di tua figlia noi genitori siamo il loro rifugio. Ti è stato dato un dono, quello di essere mamma, accoglilo perché non c'è cosa più bella nel aver generato un figlio ed è meraviglioso vederlo crescere. Sappi che quando lascerà il nido tu vivrai di ricordi, ricordi bellissimi che ti accompagneranno anche quando sarai più in là con gli anni ma la gioia più bella e quella di vedere tua figlia serena, allora ritorna in TE e accompagna tua figlia mano nella mano lungo la strada della vita, molte volte impervia ma sicuramente minore se percorsa insieme alla sua Mamma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-04-10 15:05:00 MrsRiso13
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
MrsRiso13 Opinione inserita da MrsRiso13    10 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

étoile

Delizia di 83 pagine che descrive in maniera impeccabile e arguta un dramma familiare scaturito dal rapporto madre-figlia e dall’esigenza di un riconoscimento formale in società, quando si è degli “arricchiti”.
La quattordicenne Antoinette, bramosa di crescere é contrastata dai genitori “parvenue” interessati più ad emergere nel mondo dei ricchi che a essere dei “buoni genitori”. Spesso vittima delle ingiustizie materne, trova in quel ballo tanto atteso, il modo per vendicarsi.
Con poche azzeccate parole, vengono caratterizzate due donne, il padre è un personaggio sullo sfondo quasi del tutto assente, che apparentemente in contrapposizione, hanno l’animo segnato dalle stesse paure e dalla stessa solitudine. Due generazioni a confronto, ma accumunate dagli stessi obbiettivi: la ricerca dell’emancipazione, dell’amore e dell’accettazione da parte di una società, che fin’ora le ha ignorate. Purtroppo entrambe, vedendosi sfuggire le proprie occasioni e imputando all’altra il fallimento dei propri sogni, si danno battaglia in una guerra senza né vinti né vincitori.
I sentimenti (odio, amore, paura di non aver vissuto a pieno, timore degli anni che passano..) e il modo in cui sono espressi catturano il lettore e lo coinvolgono in una storia intensa e a tratti crudelmente divertente, come la vita “reale” certe volte è.
Una piccola perla da gustare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-04-05 16:22:35 Sharma
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    05 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mamma e figlia

Completata la lettura di questo racconto, purtroppo la mia saliva si è impastata al fiele.
Mi capita sempre quando le protagoniste dei libri sono donne e mamme che non adempiono al loro compito. Donne acefale, frivole, belle statuine che assolutamente non sanno biascicare un minimo discorso. Donne che purtroppo hanno scelto di avere dei figli senza avere un minimo amore da dare. Perché le società in tutti i tempi ha partorito donne del genere? Domanda senza risposta, posso solo biasimarle ed odiarle.
Per non parlare dell'aristocrazia, livello sociale abietto e parassitario, non ha mai dato nulla alla società se non spore velenose che si liberano nell'aria. Ma c'è di peggio dell'aristocrazia ossia quella fascia di società, proprio quella di cui ci parla la Némirovsky, quella degli arricchiti, che esprimono un vuoto intellettuale ed umano.
La sorprendente famigliola descritta dall'autrice si sono arricchiti, ma proprio tanto, grazie ad una fortunosa giocata in borsa del capo famiglia. La moglie ha sublimato all'ennesima potenza il suo essere inappropriata al nuovo ruolo appiccicatale addosso, dove tratta l'unica figlia con distacco, fastidio ed indifferenza verso la povera ragazza. Deve fare solo quello che la mamma dice e lo impone con fare autoritario e dittatoriale non tenendo per nulla presente o in considerazione le esigenze della quattordicenne, men che meno l'affetto che tanto le manca. Così accade che per esigenze di copione questa nuova famiglia benestante deve dare un ballo per certificare e ufficializzare la loro entrata in società, ma in tutto questo progetto la figlia scopre, suo malgrado, che lei non rientra nei programmi e quindi non vi può partecipare. Naturalmente con tanta sofferenza e con grande compatimento da parte del lettore, lei riesce a vendicarsi. Siamo dalla sua parte, sono dalla sua parte ma......accade qualcosa, si rende conto che per la realizzazione del suo piano potrebbe essere accusato qualcun altro e lei, proprio esattamente come tutta la sua famiglia priva di qualsiasi morale, non se ne preoccupa affatto, pensa solo a se stessa.
Il resoconto di tutto ciò non è altro che una famiglia in frantumi, inutile che semplicemente si potrebbe cancellare con un colpo di spugna e stiamo pur certi che nessuno ne sentirebbe la mancanza, soprattutto la società!
Consigliatissima la sua lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-03-24 13:42:52 Angelica Elisa Moranelli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Angelica Elisa Moranelli Opinione inserita da Angelica Elisa Moranelli    24 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ossessioni generazionali

Di Irène Némirovsky avevo già letto “Jezabel”, un romanzo straordinario, in cui il vero capolavoro è la maniera in cui l’autrice sa trattare i suoi personaggi. In Jezabel l’ossessione della madre per la giovinezza porta alla rovina la figlia e anche se stessa. Ne “Il ballo” il tema è più o meno lo stesso: la rivalità fra madre e figlia, la prima ossessionata dalla nuova posizione sociale ottenuta con l’imprevista ricchezza del marito (il tema del parvenu, che resterà sempre un “povero”, per quanti sforzi possa fare per dimostrare il contrario), la seconda ossessionata dalla voglia di “liberarsi” dal giogo familiare, di essere “adulta”, padrona delle proprie scelte. La madre ragiona in termini di spettacolarizzazione: il ballo che si appresta ad organizzare è il vero ingresso nella buona società, è la testimonianza (o il tentativo) di uscire dall’indeterminatezza per affermarsi pubblicamente. Attorno all’organizzazione meticolosa del ricevimento, con l’orchestra, il buffet, gli inviti, si sviluppa l’ossessione della donna per la propria giovinezza, trascorsa in massima parte a desiderare ciò che possiede soltanto ora che non è più giovane. Un amante, essere ammirata, cominciare a vivere: la signora Kampf desidera quello che non ha avuto quando era giovane, lo desidera così tremendamente che non ha alcuno scrupolo a perseguire il suo fine.


Antoinette segue la madre nella preparazione del ricevimento ma, con orrore, si rende conto, quando gli inviti stanno già per partire, che la sua presenza non è prevista al ballo. L’occasione che aspetta da una vita per “cominciare a vivere”, essere ammirata, innamorarsi (più o meno gli stessi desideri della madre, solo che in Antoinette sono perfettamente naturali in quanto Antoinette è giovane!) è già sfumata. Così, sola e piena di rancore, la quattordicenne si prenderà la sua subdola vendetta.

In una manciata di pagine Irène Némirovsky traccia il profilo psicologico di due generazioni a confronto, entrambe in bilico: quella della madre, fra un’insoddisfatta giovinezza e una temuta maturità e quello della figlia, fra una soffocante infanzia e una luminosa giovinezza. I giovani vincono, perché hanno più tempo. Eppure, anche i giovani sono destinati a giungere davanti al confine spaventoso della decadenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2013-03-07 19:09:21 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    07 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piacere

Questo racconto per quanto piacevole non è il migliore di Irene. La madre, una ricca parvenu piena di boria e di ambizione, è descritta e osservata dalla impietosa figlia adolescente. La donna è descritta con evidente astio e antipatia; i suoi modi sono vistosamente grossolani e sgradevoli e la sua affettazione di nobiltà è recitata male, piena di cadute di stile. La donna verrà smascherata dalla ragazza. Il padre resta sullo sfondo, non è un personaggio ben delineato anche se sicuramente è meno negativo della donna, per lo meno per qualche sprazzo d'ironia, per non essere così dipendente dal successo e dall'approvazione altrui. Sicuramente il mondo presentato nel romanzo è vistosamente falso e preoccupato solo del piacere, con un desiderio di vivere così smanioso che porta i personaggi ad arrampicarsi gli uni sugli altri pur di assaporarne un po', incuranti di affetti e sentimenti. Il racconto ha il sapore e la freschezza di una confidenza, si legge in un lampo. Però manca quella riflessione, quella ricercatezza della scrittura che ho trovato in altre sue opere.
Casualmente ho letto lo stesso giorno anche Lady Susan della Austen, breve romanzo epistolare in cui compare una madre simile. Forse l'accostamento mi ha reso più esigente. La Austen ha un equilibrio, una scrittura che trova difficilmente uguali. Certo Irene ha scritto opere,. come David Golder, infinitamente migliori. Però il racconto è da leggere, è bello comunque. Forse l'obiettivo sembra più lo sfogo personale che il romanzo in sè e in un certo senso si avverte la differenza nel tipo di scrittura rispetto a David Golder. Magari può piacere anche di più a qualcuno appunto per questo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Irene: consiglio David Golder ma questo libro assomiglia per il modo in cui è scritto molto più a Jezabel e al vino della solitudine.
Lady Susan Austen
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2012-09-07 00:28:52 Vincenzo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Vincenzo    07 Settembre, 2012

Il Ballo

Ho letto il libro in appena mezz'ora e, a parte l'amarezza di averlo già concluso, mi ha sorpreso come un libro così breve possa essere così essenziale e profondo al contempo. Essenziale nello stile, che non si presenta però eccessivamente scarno e profondo nel contenuto morale della storia. L'Odio può mai racchiudersi in una bambina di appena quattordici anni, che si suppone non conosca nulla della vita, men che meno dell'Odio o del Rancore? Ebbene sì!
E' sorprendente come l'autrice riesca a sintetizzare in così poche pagine l'Odio, il desiderio di potere, la superficialità e la vacuità della società aristocratica!
Leggetelo! Lo consiglio vivamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ballo 2012-05-01 08:20:03 Sara S.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sara S. Opinione inserita da Sara S.    01 Mag, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un piccolo capolavoro

"Il ballo" rappresenta la perfezione del romanzo! La storia conta appena 83 pagine (con scrittura abbastanza grande), lo si legge in un paio di ore al massimo, ma nonostante la sua estrema brevità, riesce a catturare il lettore immediatamente e a coinvolgerlo nella storia con una intensità unica. Lo stile di scrittura dell'autrice è semplice, essenziale, con precisione chirurgica descrive i suoi personaggi scandagliando le loro emozioni e il loro essere, dando un'immagine talmente vivida e veritiera che sembra di averceli davanti in carne ed ossa. La tematica del romanzo è incentrata su una rivalità madre e figlia, sulla voglia di "vivere la mondanità" che bramano entrambe con urgente necessità, e che per ottenerla sono disposte a tutto. La madre, trovandosi alla soglia del decadimento fisico, vuole assolutamente recuperare il tempo perduto ed è disperata all'idea di avere dovuto attendere così tanto per poter "vivere", ma pensa che ora è finalmente arrivato il suo momento. La figlia invece, alle soglie dell'adolescenza, crede che sia invece un SUO diritto vivere la "vita". Non vuole sprecare nemmeno un minuto della sua giovinezza e odia i suoi genitori per il tempo che le fanno perdere in attività da "bambina" che per lei hanno il solo scopo di umiliarla. Entrambe hanno le loro colpe. La madre infatti è così accecata dal raggiungimento dei suoi obiettivi che tratta male la figlia e la considera meno di un oggetto. La figlia, dal suo canto è ammorbata dal seme dell'egoismo che caratterizza la sua età, e il fatto di avere così un cattivo rapporto con la madre certo non la aiuta a placare la sua ira. Ma il momento della rivalsa giungerà presto, sarà un ballo a mettersi di mezzo tra le due. E la vendetta farà il suo ingresso con conseguenze disastrose.
In questo romanzo l'autrice, oltre alla tematica della rivalità tra le due protagoniste, dona un ritratto sagace e beffardo sulla borghesia francese, evidenziandone vizi e difetti, con un risultato eccellente e altamente esplicativo della società frivola, pettegola e ridicolmente piena di sé che caratterizzava quegli anni.
Il lettore assiste impotente alla tremenda escalation della storia con un po' di apprensione. L'ironia della sorte aiuta a sdrammatizzare e a rendere il tutto diabolicamente divertente. Un piccolo capolavoro!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri