Narrativa straniera Romanzi L'inventore di sogni
 

L'inventore di sogni L'inventore di sogni

L'inventore di sogni

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un bambino sogna a occhi aperti e immagina di far sparire l'intera famiglia, un po' per noia e un po' per dispetto, con un'immaginaria Pomata Svanilina. Fin dalle prime pagine di questo libro ritroviamo il consueto campionario di immagini perturbanti che sono un po' il "marchio di fabbrica" di Ian McEwan. Peter Fortune è un sognatore a occhi aperti, un bambino sempre tra le nuvole, che inventa avventure rocambolesche e fantastiche per sfuggire alla noia e alla normalità della sua vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'inventore di sogni 2020-03-10 11:17:42 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    10 Marzo, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra sogno e realtà

«E così incominciò a scrivere alcune delle avventure che gli capitavano mentre guardava dalla finestra o se ne stava sdraiato a fissare il cielo. Da grande diventò un inventore e scrittore di storie e visse una vita felice. In questo libro, troverete qualcuna delle imprese accadute dentro la testa di Peter, trascritte con fedeltà assoluta all’originale»

Composto da otto racconti tutti di breve durata e tutti accomunati da un unico denominatore comune, il giovane protagonista Peter, il libro è disponibile sia in una edizione illustrata che non. È un testo che ci presenta sin dal principio un giovane con la testa tra le nuvole e la fantasia smisurata. La sua è una famiglia come tante, con tante abitudini e tanti comportamenti ordinari che si ripetono improcrastinabili. Peter è talmente concentrato nella sua prospettiva da arrivare a dimenticarsi anche della sorella nell’autobus.
Lo scritto scorre rapido tra le mani del conoscitore in particolare per quel che riguarda i passaggi inerenti al meraviglioso esemplare felino (seppur non sempre felici), tuttavia, non riesce a conquistare completamente il lettore. Da un lato perché le situazioni immaginate tendono ad essere eccessive, dall’altro perché è difficile coglierne il lato divertente essendo questo prevaricato da una prospettiva un po’ troppo macabra.
Un volume da leggere con i più piccoli che convince soltanto a metà.

«Gli piaceva mettersi giù all’altezza di William e poi andargli vicino vicino con la faccia a guardare la sua, quella faccia straordinaria diversa e bellissima, con ciuffi di pelo nero che si aprivano a raggio intorno al musetto, e i baffi bianchi leggermente piegati all’in giù, e i peli del sopracciglio sparati dritti come antenne della televisione, e gli occhi verde chiaro con quelle fessure strette come porte socchiuse su un mondo nel quale Peter non sarebbe mai potuto entrare.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inventore di sogni 2014-11-20 05:35:08 siti
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
siti Opinione inserita da siti    20 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Critica di un bambino al mondo adulto

Catalogato come libro di racconti per bambini e per ragazzi di prima adolescenza, il libro circola anche in edizioni finemente corredate di splendide illustrazioni.
Si tratta, in sostanza, di otto brevi racconti con unico protagonista Peter, un bambino di dieci anni. Il suo ritratto iniziale, offerto dall'autore, serve a fissarlo nella nostra mente come il classico bambino con la testa fra le nuvole, il resto dell'opera a esemplificare le sue incursioni oniriche nel vissuto quotidiano.

Una famiglia qualunque, abitudini e comportamenti stereotipati dal modus vivendi contemporaneo molto borghese e fin troppo scontato e Peter con le sue visioni ipercritiche.
Una qualsiasi scena quotidiana, nella sua ripetitività o anche nella sua straordinarietà, avvia lentamente
lo spunto per il passaggio di dimensione, quella del sogno ad occhi aperti, e lì la realtà viene trasfigurata.

In tali passaggi e nei successivi rientri di dimensione ho scorto il lato più gradevole della narrazione. Nel resto, pur consapevole che il bambino-lettore sarà estremamente divertito dalle situazioni immaginate da Peter, non vi ho trovato altro se non un probabile retaggio di un'autobiografica propensione all'immaginare con un gusto tendente al macabro (vedi "Svanillina", pomata che permette l'annullamento della famiglia) o, ancora peggio al sadico o al mito del bambino stile giustiziere dell'umanità.
Unica nota di piacevolezza nel racconto "Il gatto" di cui consiglio la lettura, soprattutto se, come me li amate, i gatti. Lì, il sentimento di fratellanza bambino-gatto misto al sogno e al brusco rientro nella realtà, oltre alla fantasia onirica di grande potenza descrittiva, mi hanno piacevolmente sorpresa ed emozionata.

Libro per bambini? Valutate voi.
Per me potrebbe esserlo se l'animo conserva ancora la capacità di leggere e di sognare in questi termini o, e qui mi salvo, se lo leggerete insieme ai vostri bimbi ma senza alcun approccio critico e semplicemente per giocare con la fantasia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri dell'autore, in particolare la prima produzione.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'inventore di sogni 2011-11-20 14:33:41 Paola
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Paola    20 Novembre, 2011

uscire ogni tanto da se stessi è educativo

Secondo Wikipedia, “L’inventore di sogni” è un libro per bambini. Il suo autore, Ian McEwan, in genere scrive tutt’altro che libri per bambini (sempre Wikipedia ci informa che è soprannominato “Ian macabro”, tanto per dare l’idea del personaggio). Dunque, “L’inventore di sogni” è per bambini nel senso che è breve, facile da leggere e il protagonista ha undici anni.
Inizia così: “Quando Peter Fortune aveva dieci anni, i grandi dicevano che era un bambino difficile. Lui però non capiva in che senso. Non scaraventava le bottiglie di latte contro il muro del giardino, non si rovesciava in testa il ketchup facendo finta che fosse sangue [...]. Mangiava di tutto, tranne, s’intende il pesce, le uova il formaggio e tutte le verdure eccetto le patate [...].“
Ma a Peter piace stare zitto, e gli piace stare da solo, e questo i grandi non lo capiscono. Peter sta immobile con lo sguardo perso nel vuoto, intento a creare mondi fantastici. Perché Peter è un daydreamer, un inventore di sogni.
I suoi sogni ad occhi aperti sono magici e irreali, ma non così assurdi. Spesso, ad esempio, Peter sogna di essere un altro: il Gatto William, il cuginetto neonato, oppure un “grande”, un se stesso di vent’anni con i peli sulle mani. Quando diventa un altro, Peter capisce molte cose.
Ad esempio, capita che la sorella Kate con una bacchetta magica lo trasformi nel cuginetto Kenneth: “... la sua attenzione fu attratta da un bel cubetto giallo che aveva accanto al piede. Giallo, giallo, giallo, gridava il cubetto. Lo sollevò portandoselo alla bocca e con tutta la sensibilità di labbra, gengive e denti ne esplorò il sapore legnoso, gialloso e cubettoso, finché non fu soddisfatto”. Per fortuna il vero Peter sogna solo di essere un neonato, senza mangiarsi veramente i cubetti di legno, ma quando il sogno ad occhi aperti svanisce, l’odiato incomprensibile cuginetto che si mette in bocca qualunque cosa gli diventa un po’ meno odioso e incomprensibile, anzi quasi simpatico. Uscire un po’ da se stessi e sognare di essere un altro è un esercizio quanto mai educativo. Bisognerebbe farlo anche da adulti, su prescrizione medica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri