Less Less

Less

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Problema: sei uno scrittore fallito sulla soglia dei cinquant’anni. Il tuo ex fidanzato, cui sei stato legato per nove anni, sta per sposare un altro. Non puoi andare al suo matrimonio, sarebbe troppo strano, e non puoi rifiutare, sembrerebbe una sconfitta. Sulla tua scrivania intanto languono una serie di improbabili inviti da festival ed editori di tutto il mondo. Domanda: come puoi risolvere entrambi i problemi? Soluzione: accetti tutti gli inviti, se sei Arthur Less. Inizia così una specie di folle e fantasioso giro del mondo in 80 giorni che porterà Less in Messico, Francia, Germania, Italia, Marocco, India e Giappone, riuscendo a frapporre migliaia di chilometri tra lui e i problemi che si rifiuta di affrontare. Cosa potrebbe andare storto? Tanto per cominciare, Arthur rischierà di innamorarsi a Parigi e di morire a Berlino, sfuggirà per un pelo a una tempesta di sabbia in Marocco e arriverà in Giappone troppo tardi per la fioritura dei ciliegi. In un giorno e in un luogo imprecisati, Less compirà i fatidici cinquant’anni: questa seconda fase della vita gli arriverà addosso come un missile, trascinando con sé il suo primo amore e anche l’ultimo.

Recensione della Redazione QLibri

 
Less 2018-05-24 13:07:53 Antonella76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    24 Mag, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

More "Less" for all...



Arthur Less è un uomo che fugge.
Fugge dalla perdita del fidanzato (che si sposa con un altro), dal fallimento del suo ultimo romanzo (che nessuno vuole pubblicare), dal suo cinquantesimo compleanno (che lo terrorizza), ma più di ogni altra cosa fugge da se stesso...
Alle soglie della mezza età, non si sente ancora pronto a lasciar andare la giovinezza e quindi scappa, corre lontano per non farsi raggiungere dalla vecchiaia e dalla solitudine.
Ma si sa, puoi anche girare mezzo mondo, prendere aerei, attraversare città, deserti e tempeste di sabbia, alla fine, il "tempo" ti troverà, ovunque tu sia...e insieme ad esso anche tutti i problemi che pensavi di aver seminato.
Arthur Less è un novello Peter Pan, incapace di crescere, inadeguato, imbranato, un po' vigliacco...
La sua adorabile goffaggine, insieme ad una narrazione lieve ed ironica e ad un finale riuscitissimo, mi hanno conquistata e mi hanno fatto superare fasi della lettura piuttosto noiose.
Perché lo ammetto, questo tipo di romanzo un po' rocambolesco, non è esattamente nelle mie corde, ma sono comunque contenta di averlo letto, di aver fatto la conoscenza di questo personaggio così imperfetto, così ingenuamente inconsapevole di ciò che gli sta intorno, da riuscire a trasformare la tragedia in commedia, ogni volta.
È un perdente che alla fine vince sempre.

Questo libro, nella sua leggerezza, è un viaggio alla ricerca di se stessi, un voler dimostrare che possiamo vivere anche senza il nostro "abito blu con la fodera fucsia", quello in cui ci sentiamo sicuri, quello che ci protegge e ci identifica, e dentro il quale spesso ci nascondiamo.
Togliamoci i nostri abiti blu, spogliamoci delle nostre paure e del nostro senso di inadeguatezza, e teniamoci la nostra spontaneità, il candore con cui guardare il mondo e la capacità di amare...

E infatti questo è anche un libro sull'amore, sull'eterna diatriba tra passione bruciante e quotidianità...
"Cos'è l'amore? Una cosa buona e cara? Oppure fuoco e fiamme?"
O forse "il trucco sta nel non innamorarsi"?

Premio Pulitzer 2018, con questa motivazione: " Un libro generoso, musicale nella prosa e ampio in struttura e portata, sul diventare grandi e sulla natura essenziale dell'amore".
Sottoscrivo, ma, ad onor del vero, io preferisco il Greer de "La storia di un matrimonio", più intenso e profondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Less 2018-06-19 21:30:24 Simona P.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Simona P. Opinione inserita da Simona P.    19 Giugno, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una commedia piacevole che fa pensare

Questa ultima creazione del pluripremiato scrittore americano Andrew Sean Greer, è una commedia simpatica, ironica, brillante ma anche riflessiva, caratterizzata da uno stile scorrevole, fresco, giovanile, brioso ma anche articolato, ricco di metafore e simpatiche similitudini. L’autore presenta in terza persona la particolare biografia di Less, scrittore non realizzato, insoddisfatto, omosessuale, dotato di linguaggio pungente e battuta pronta, oppresso da tanti pensieri e terrorizzato dal suo prossimo compleanno, i cinquant’anni. Per evitare e fuggire dal matrimonio del suo ex amore (nove anni insieme), con un altro signore, Less decide di girare il mondo per fare lezioni, conferenze, incontri, dibattiti; mentre vengono descritte le vicende del protagonista che si dimena in rocambolesche avventure per New York, Torino, Messico, Berlino, Parigi, poi Marocco, India, Giappone, si aprono continui sprazzi narrativi sul suo vissuto, flashback in cui emergono pezzi, non in ordine cronologico, della sua vita; ne emerge così un vissuto complesso, una personalità fragile, insicura, sofferente, inoltre varie storie d’amore, tradimenti, soggiorni passionali, avventure, quotidianità, ricordi e il poeta di fama internazionale Robert Brownburn. Il lettore si lascia così trasportare dolcemente dai viaggi di Less, alternati alle digressioni che arrivano spontanee e che si inseriscono perfettamente nel tessuto narrativo; come se, alla soglia dei cinquant’anni si dovesse fare un cambiamento di vita, ma anche i conti con il passato, attraverso un riaffiorare spontaneo dei ricordi. Lo scrittore si serve di vari gli espedienti narrativi, analessi, prolessi, figure retoriche e soprattutto uno stile duttile, barocco, ironico, un pasticcio linguistico e semantico come la vita, come il nostro vissuto, come i ricordi che affiorano. Si tratta di una scrittura molto personale che forse il lettore all’inizio fa fatica a seguire e apprezzare ma che, una volta afferrata, non la può lasciare. Finale interessante e indovinato.
Molto belle anche le pagine descrittive delle varie città in cui Less è invitato, sembra di essere a Parigi con lui quando si perde nei quartieri, tra musei, caffè e un croissant burroso alla mandorla.
Un libro ricco di tutto, viaggi, cene tra intellettuali, pettegolezzi tra omosessuali, letteratura, discussioni di arte, disquisizioni più o meno profonde, riflessioni personali; soprattutto, secondo me, un libro piacevole e divertente ma che fa pensare e sorridere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il basilico di Palazzo Galletti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri