Narrativa straniera Romanzi Lo scarafaggio
 

Lo scarafaggio Lo scarafaggio

Lo scarafaggio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Jim Sams si sveglia da sogni inquieti per ritrovarsi trasformato, dallo scarafaggio che era, in un essere umano. Nel corso della notte la creatura che fino al giorno prima sfrecciava tra mucchi di immondizia e canaline di scolo è diventata il più importante leader politico del suo tempo: il primo ministro inglese. Tuttavia, forte della grande capacità di ogni scarafaggio di sopravvivere, Jim Sams si adatta rapidamente al nuovo corpo. In breve presiede le riunioni del Consiglio dei ministri, dove si rende conto che gran parte del suo Gabinetto ha subito la stessa sorte e che quegli scarafaggi trasformati in umani sono più che disposti ad abbracciare le sue innovative idee di governo. I capi di stato stranieri sembrano sconcertati dalle mosse arroganti e avventate di Jim Sams, a eccezione del presidente degli Stati Uniti d'America, che lo appoggia con entusiasmo. Qualunque riferimento a fatti realmente accaduti e persone realmente esistenti non sembra da escludere. Con l'intelligenza, lo spirito e la caustica ironia che gli sono inconfondibilmente propri, Ian McEwan rende omaggio al genio di Franz Kafka e alla tradizione satirica inglese che ha in Jonathan Swift il suo più eminente rappresentante. Questa metamorfosi al contrario diventa una lente attraverso cui osservare un mondo ormai del tutto sottosopra. «Il populismo – scrive McEwan nella postfazione – ignaro della sua stessa ignoranza, tra farfugliamenti di sangue e suolo, assurdi principîi nativistici e drammatica indifferenza al problema dei cambiamenti climatici, potrebbe in futuro evocare altri mostri, alcuni dei quali assai piúù violenti e nefasti perfino della Brexit. Ma in ciascuna declinazione del mostro, a prosperare sarà sempre lo spirito dello scarafaggio. Tanto vale che impariamo a conoscerla bene, questa creatura, se vogliamo sconfiggerla. E io confido che ci riusciremo».


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lo scarafaggio 2020-05-19 18:56:34 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    19 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Presente e futuro tragicomico

Questa novella di Ian McEwan non è rintracciabile nella sua produzione letteraria, non ne possiede le qualità caratterizzanti ( di trama e personaggi, profondità di indagine socio-politica, introspettivita’... ).
Scordiamoci i romanzi più noti e prendiamola per quello che e’, come ci dice l’autore nella postfazione, ...” un’ invenzione tragicomica necessaria nel momento in cui la disperazione incontra lo sberleffo “..., con riferimento a un evento e a un periodo nefasto e assai noto ( la Brexit ) della recente storia britannica, un omaggio al genio di Franz Kafka nella metamorfosi inversa uomo-insetto e nel nome del protagonista, una vicinanza ammirata e uno sguardo più profondo alla satira politica di Jonathan Swift che ha raggiunto la sua massima espressione nel pamphlet dal titolo “ Una modesta proposta “.
Questo quanto, il resto un racconto non particolarmente vivo, piuttosto piatto, una satira poco convincente, il confine tra uomo e scarafaggio superato da un’ uniformità indefinita a contorno di un eccesso di teoria economica poco includente e astrattamente persuasiva.
Ecco l’ invenzione letteraria, l’ Inversionismo, un neo indirizzo politico-finanziario fondato su populismo, demagogia, impraticabilità, odio, menzogna, sostenuto da un referendum indetto dai conservatori durante la campagna elettorale del 2015, che ha goduto del sostegno di poveri e anziani per ragioni evidenti, animata da un livello variabile di zelo nazionalista.
Il modello prevede un cambiamento di rotta del flusso finanziario, una purificazione dell’ intero sistema economico britannico a sovvertire le basi del reale, laddove si guadagna spendendo e si paga per avere un lavoro, una ruota populista che ben presto inizia a girare.
Jim Sams, un semplice scarafaggio, vissuto tra scarichi e canaline di scolo, nutrendosi di scarti di cibo e di escrementi, si sveglia suo malgrado nell’ immane corpo del primo ministro britannico, con un campo visivo ridotto, un testone ingestibile, quattro arti inamovibili, un pezzo di carne scivolosa in bocca e un colorito azzurrino smorto. Superato l’ iniziale disgusto riconosce l’ irriconoscibile, attingendo a quello spirito di adattamento insito nella propria specie, una coerenza lontana dagli irragionevoli desideri umani.
D’ improvviso pare ricordare, l’ accettazione del nuovo se’ per lui motivo d’ orgoglio, un unico scopo, l’ approvazione del disegno di legge inversionista osteggiato da frange di cronologisti, da dissidi interni, da teorie complottiste, dalle principali nazioni europee, ma non dal Presidente americano, unico alleato di riferimento.
Lo attorniano gli altri, una schiera di fratelli e sorelle, subito riconosciuti attraverso il velo della loro superficie umana.
Ma quanto di umano e quanto di scarafaggio in questa inversione e commistione tragicomica? Identici i principi ispiranti, ... “ uniti dallo stesso coraggio indomabile e dalla voglia di vincere, sostenuti da valori semplici e emozionanti come il sangue e il suolo, pronti ad abbracciare un ideale mistico di nazione con la certezza del periodo di lacrime e sangue che verrà, affrancando il paese da una detestabile schiavitu’, un destino collettivo forgiato in quel momento...”
Il primo ministro, in passato uomo affabile ed esitante, raggiunta una completa metamorfosi caratteriale, sguazza nel presente, recita con orgoglio, ordina, congiura, si commuove, mente, indotto dalla propria essenza blattoidea compiaciuta e compiacente e da un pizzico di irrefrenabile ambizione “ umana “, disponendo di ....” una logica equilibrata e perfetta che nel corso di inimmaginabili distese di tempo gli ha garantito una buona capacità di adattarsi all’arte di sopravvivere come individuo e come specie “....
Ed allora perché approvare il disegno di legge inversionista? ... “ Perché si’ “... e quale l’ essenza del proprio agire? Una totale acrasia.
La nuova politica economica, in un caos politico indecente e autoreferenziale, intriso di trabocchetti, ingiurie, falsità, inabissamenti morali, improvvisi cambiamenti di rotta, allontanamenti, totalitarismo, sara’ finalmente maggioranza, troppo tardi per una inversione di rotta.
Il paese, trascinato nella rovina, vivra’ un futuro incerto, nefasto, repellente, qualcuno, deposta la scomoda armatura umana, ritornerà alla propria natura in attesa di un banchetto a palazzo, i più ( a detta dell’ autore ), ...” sperando in un difficile ritorno alla ragione, potrebbero doversi affidare al conforto di una risata “ ...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scarafaggio 2020-05-19 10:56:18 annamariabalzano43
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    19 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un pamphlet più che un romanzo.

Chi ha letto e conosce “A modest proposal for preventing the children of poor people from being a burthen to their parents or country” (Una modesta proposta per impedire che i bambini della gente povera siano un peso per i loro genitori o per il loro paese) che Jonathan Swift scrisse provocatoriamente nel 1729, come soluzione ai gravi problemi sociali ed economici dell’Irlanda sotto il dominio inglese, non stenterà a riconoscere la stessa vena satirica sferzante e impietosa in questa ultima breve opera di Ian McEwan, che può essere definita per le sue caratteristiche più un pamphlet che un romanzo. È d’altra parte lo stesso autore che nella sua postfazione confessa che le sue fonti di ispirazione sono state proprio le opere di Swift e “La metamorfosi” di Kafka.
Se infatti Swift proponeva come soluzione allo stato di drammatica povertà in cui versava il popolo irlandese di allevare i neonati della gente più misera fino al compimento di un anno di età , nutrendoli bene in modo da ingrassarli al punto giusto, e poi venderli come cibo prelibato per le tavole dei più ricchi, utilizzando al contempo la pelle per creare borse, scarpe, cinture ed altri articoli di una certa necessità, McEwan prende spunto da questa grottesca quanto macabra provocazione per creare il personaggio di Jim Sams, un Primo Ministro che altro non è che un ripugnante scarafaggio improvvisamente risvegliatosi in forma umana. Una trasformazione che bene si accorda con quella teoria dell’Inversionismo che Sams si impegna a far approvare dal Parlamento britannico per ovviare alla crisi socioeconomica in cui versa il paese. Un paradosso evidente se si considera che ogni cittadino dovrebbe pagare per le sue ore di lavoro piuttosto che essere retribuito, e nel contempo essere lui stesso ricompensato in denaro per le merci e i viveri acquistati. Un sistema propagandato con tutti i mezzi più populistici a disposizione dei politici politicanti, un sistema che avrebbe come scopo far girare il denaro e l’economia. Ed in questo è impegnato il partito conservatore di Sams che riesce a fare approvare l’Inversionismo, sia pure con una risicata maggioranza. È facile distinguere tra le righe un attacco alla Brexit, alla presa di distanza di McEwan da una decisione dovuta a una minoranza del Paese che costa assai cara alla Gran Bretagna. Approvato l’Inversionismo, Sams e il suo staff ritorneranno ad assumere le orrende spoglie originarie, destinati a strisciare come ogni blatta tra le immondizie e trovare rifugio negli angoli più remoti e putridi, rischiando ad ogni istante d’essere schiacciati e travolti.
Come sempre nella tradizione letteraria inglese non mancano momenti di comicità che rendono la satira più leggera. È certo che ancora una volta McEwan si afferma tra gli scrittori più quotati del Regno Unito, che raccoglie l’eredità del passato per adattarla al nostro tempo con intelligenza, originalità ed eleganza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scarafaggio 2020-05-16 10:48:14 Barbara
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Barbara    16 Mag, 2020

La metamorfosi inversa

Jim Sams è il protagonista di questo grottesco racconto e ovviamente, ogni riferimento al noto Gregor Samsa de Le metamorfosi di Kafka deve risultare al lettore come un semplice omaggio allo scrittore, uno spunto da cui è partito per poi fare un'inversione di marcia. Così mentre Kafka ci propone una metamorfosi da uomo a scarafaggio per giungere a sottolineare l'alienazione dell'essere umano, il senso di solitudine e di incomunicabilità sociale e familiare, Mc Ewan capovolge le cose e "inversione" diventa la parola chiave di questa narrazione. Invertita è la metamorfosi, perché qui ci mostrerà uno scarafaggio trasformato in uomo, e precisamente nel Primo ministro britannico; invertita è la drammaticità della storia, che qui diverrà a tratti comicità, se pur sempre colorata da profonda ironia; invertita è la rotta finanziaria e di sistema economico che il protagonista propone, per l'appunto "L'nversionismo", una nuova visione che riporterà la Gran Bretagna alla luci della ribalta, un simbolo mondiale di innovazione e potenza. Ovviamente un disegno "autolesionista" che
vede i dipendenti pagare per le ore di lavoro svolte, il denaro depositato in banca produrre interessi al negativo, il padrone di casa pagare i suoi affittuari, il tutto per generare un movimento continuo di denaro, a quanto proclamato! Un progetto così follemente ambizioso da produrre sgomento nelle altre potenze internazionali, da subito preoccupate per l'esito del loro export. Nella vicenda si intrecceranno altri eventi e intrighi che, con un giusto velo di sarcasmo, non saranno esenti dal generare in noi sospetti sulla realtà della res publica.
"...intrighi che accrescevano in lui la consapevolezza e la predisposizione ad assaporare la gioia della competizione politica allo stato puro, vale a dire del perseguimento dei propri fini con qualunque mezzo".
E così l'autore sceglie di nascondere il cinismo umano nelle fattezze di uno scarafaggio ripungante, regalandoci probabilmente una percezione più tollerabile di una "presunta" realtà;
Ma e' la sua amarezza che emerge in questo confronto tra Homo Sapien Sapiens e Blattodea, che diventa metafora di ciò che è accaduto in una Gran Bratagna che, puntando su populismo, complottismo e snobismo patriottico, ha saputo ad oggi offrire come risposta al perché dell'assurdità della Brexit solo un insulso "perché si!".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri