Narrativa straniera Romanzi Preghiera per Cernobyl
 

Preghiera per Cernobyl Preghiera per Cernobyl

Preghiera per Cernobyl

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

«Questo libro non parla di Černobyl’ in quanto tale, ma del suo mondo. Proprio di ciò che conosciamo meno. A interessarmi non era l’avvenimento in sé, vale a dire cosa era successo e per colpa di chi, bensì le impressioni, i sentimenti delle persone che hanno toccato con mano l’ignoto. Il mistero. Černobyl’ è un mistero che dobbiamo ancora risolvere. Questa è la ricostruzione non degli avvenimenti, ma dei sentimenti. Per tre anni ho viaggiato e fatto domande a persone di professioni, destini e generazioni diversi. Černobyl’ è il principale contenuto del loro mondo. Esso ha avvelenato ogni cosa che hanno dentro, e anche attorno, e non solo l’acqua e la terra. Tutto il loro tempo. Questi uomini e queste donne sono stati i primi a vedere ciò che noi possiamo soltanto supporre... Più di una volta ho avuto l’impressione che in realtà io stessi annotando il futuro».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Preghiera per Cernobyl 2020-03-11 14:39:42 cristiano75
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cristiano75 Opinione inserita da cristiano75    11 Marzo, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cernobyl vs Corona Virus

Un tre settimane fa, prima che tutta la situazione precipitasse e ci trovassimo reclusi in casa, da un giorno all'altro, avevo comprato questo libro a Roma.
Ora leggendolo, nel mio isolamento domiciliare, quello che mi sconvolge sono le tantissime similitudini, con quello che accadde quella maledetta notte di tanti anni fa. Allora ero bambino e solo di sfuggita potevo comprendere l'incubo e l'orrore che si stava propagando per tutta Europa.
Ora in piena crisi Corona Virus, tante immagini mi tornano alla mente, sfogliando le pagine di questo atroce reportage, che l'autrice, con immane coraggio ha scritto, vagando come un fantasma tra i fantasmi, tra le terre desolate intorno al reattore, dove nascosti come selvaggi, braccati dalla milizia, la gente si era rifiutata di essere deportata e attendeva silenziosa e sola il sopraggiungere dell'estrema libertà che a noi tutti dona la morte.

Le similitudini con il nostro tempo, sono nel senso di impotenza che si vive ora alle prese con questo virus, ancora non del tutto conosciuto dalla comunità scientifica e medica.
Il camminare per strade deserte, il guardarsi già a decine di metri di distanza con occhi feroci e cattivi, pensando che quello che a breve andremo a incrociare o che si è seduto di fronte a noi in metro, sia un untore, un probabile portatore del virus.
Il senso di sfiducia nei confronti delle autorità, che ogni giorno sembra non riescano a dare una risposta unica e decisa alle limitazioni negli spostamenti.
A Cernobyl, come scrive il premio Nobel, di questo libro, accadde la stessa cosa. Le persone venivano recluse in casa.
Venivano considerati dei reietti gli scampati al reattore, erano isolati socialmente (un po come sta accadendo ora, con il Nord d'Italia visto come un lazzaretto), portavano addosso la vergogna per un qualcosa che non erano stati minimamente responsabili.

La morte aleggia in ogni pagina, si fa presente in ogni pensiero e riflessione.
Qualche mattina fa ero in fila (a distanza di sicurezza da altri esseri, come se fossimo tutti appestati, come i contaminati della maledetta centrale nucleare) per comprare qualcosa al supermarket. Non si sentiva voce, saluto, solo si scrutava la diffidenza negli occhi della gente, il cercare di tenersi il più lontano possibile l'uno dall'altro, un clima da incubo che mi ha mestamente accompagnato verso casa.
In giro nessun bambino, pochissime auto, qualche temerario in bici....in lontananza cupo si vedeva la sagoma dell'enorme ospedale Gemelli.
In questo clima da tragedia mi sono venute in mente le parole di un Genio dell'Umanità, di un Illuminato che vedeva, provava, pensava cose che sono state alla portata di pochi uomini esistiti e penso a Tolstoj, Gogol, Platone, Socrate, insomma questi eletti da Dio:

"Io vorrei farti dormire, ma come i personaggi delle favole, che dormono per svegliarsi solo il giorno in cui saranno felici. Ma succederà così anche a te. Un giorno tu ti sveglierai e vedrai una bella giornata. Ci sarà il sole, e tutto sarà nuovo, cambiato, limpido. Quello che prima ti sembrava impossibile diventerà semplice, normale. Non ci credi? Io sono sicuro. E presto. Anche domani. Guarda, Natalia, il cielo! È una meraviglia!"
-Le notti bianche-
FEDOR DOSTOEVSKIJ

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Preghiera per Cernobyl 2015-12-09 17:14:39 cuspide84
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    09 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA TRISTE REALTA' NASCOSTA

Se vi dico Cernobyl cosa vi viene in mente? La tragedia della centrale nucleare? Le vittime e le terribili immagini dei bambini e delle persone con gravissimi e irrecuperabili problemi di salute?

Cernobyl è ben più di tutto ciò. Cernobyl è un paese distrutto, condannato, morto, vivo, senza speranza.

In questo libro, premio nobel per la letteratura 2015, l'autrice ha racchiuso interviste e racconti ascoltati in prima persona dalle persone protagoniste di questa immane tragedia: parlano le mogli delle vittime, i bambini, gli abitanti delle zone limitrofe, gli scienziati, gli insegnanti, le persone ingaggiate per pulire....come se le radiazioni e le scorie nucleari si potessero semplicemente prendere e raccogliere per buttarle via così, senza nessuna conseguenza!

Tutti hanno qualcosa da dire, tutti hanno perso qualcosa o qualcuno: è straziante la lettura delle loro testimonianze, viene voglia di prendere le autorità e sbatterle dentro la zona proibita. Tutt'ora e per secoli le radiazioni continueranno ad avere il loro devastante effetto sulle persone, sulle cose, sugli animali, sul mondo circostante.

La cosa peggiore è che la gente non sapeva cosa fosse accaduto, ancora spera in un mondo migliore perchè la vita loro malgrado è andata avanti; nemmeno noi sappiamo laggiù che cosa succede, non abbiamo la più pallida idea di cosa sia successo e delle conseguenze che ci sono state... leggere questo libro è come prendere uno schiaffo, incredibile, terribile, devastante.

Da leggere assolutamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage