Narrativa straniera Romanzi Riccardin dal ciuffo
 

Riccardin dal ciuffo Riccardin dal ciuffo

Riccardin dal ciuffo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice
Amélie Nothomb rivisita in chiave contemporanea la popolare fiaba francese resa celebre dalla versione di Charles Perrault. Il giovane principe Déodat è incommensurabilmente brutto ma possiede un’intelligenza e uno spirito fuori del comune, mentre la bellezza divina dell’incantevole Trémière si accompagna a un ingegno limitato. Il destino farà incrociare le loro strade… Selezionato per il Prix Jean-Freustié, Riccardin dal ciuffo è un romanzo acuto e divertente sull’inafferrabilità dell’amore e sui molti misteri della natura umana.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Riccardin dal ciuffo 2017-12-04 10:26:00 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    04 Dicembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 04 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Deodato e Altea

«La sofferenza e l’ingiustizia sono sempre esistite. Con le migliori intenzioni, quelle di cui è lastricato l’Inferno, l’età moderna ha prodotto atroci pomate verbali che, al posto di curare, estendono la superficie del male e creano un’irritazione permanente sulla pelle dell’infortunato. E al suo dolore si aggiunge anche una nuvola di mosche» p. 22

Con “Riccardin dal ciuffo” Amélie Nothom ripropone la fiaba di Perrault per affrontare quello che è un po’ un vecchio cliché, ovvero, il tema dell’amore che insorge nel brutto ma intelligente e nella bellissima ma mediocre sino ad arrivare a trasformare ciò che esteticamente non piace in un qualcosa di irresistibile e viceversa.
Protagonisti dell’opera sono Deodato, figlio di Enide e del cuoco Onorato e sin dalla nascita sgraziato, orribile ma dall’intelligenza senza fine, e Altea, figlia di Rosa e Gelsomino, dai caratteri bellissimi ma da tutti considerata poco acuta, da tutti tranne che dalla nonna Malvarosa la quale vede nella piccola molteplici possibilità.
Nel rispettivo percorso di vita il duo è messo a dura prova dal crescere, ciascuno è sottoposto a scherzi brutali e atroci di quei coetanei che giudicano in base alle apparenze e/o si fanno divorare dall’invidia. Perché se il brutto suscita compassione, il bello irrita, disturba, incattivisce. Col passare degli anni, lui diventa ornitologo e lei modella di gioielli e d’alto borgo. La chiave della salvezza è quella via di mezzo dove una piacevolezza vaga non infastidisce nessuno. Il tutto conduce ad un epilogo caratterizzato dal lieto fine e dall’ottimismo, dalla speranza.
Magistralmente scritta e in perfetto stile francese, il componimento è una favola piacevole che si fa concludere in nemmeno una giornata. Non credo possa definirsi la testimonianza migliore con cui conoscere questa autrice ma sicuramente è un testo che favorisce la riflessione.
In conclusione; gradevole, non indimenticabile, poetico, novellato.

«Non ne sentiva un particolare bisogno. In questo, la sua condotta era estremamente nobile: l’amicizia non serve a colmare un vuoto. Nasce quando si incontra l’essere che rende possibile una relazione sublime. […] Se Deodato fosse stato un aspirante messia, avrebbe tradotto questo segno in termini di simbolo divino. Ma aveva la tendenza rara di vedere le cose per ciò che sono e di trovarle formidabili per questo.» p. 40-41

«Le persone intelligenti che non sviluppano questo accesso all’altro diventano, nel senso etimologico del termine, degli idioti: esseri centrati su sé stessi. L’epoca in cui viviamo rigurgita di questi idioti intelligenti, il loro simpatico club fa rimpiangere i bravi imbecilli di una volta. » p. 12

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Riccardin dal ciuffo 2017-03-08 05:19:54 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    08 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento: 08 Marzo, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

È un superdotato! Un precoce! Un genio!

Amélie Nothomb ripropone Riccardin dal ciuffo, la fiaba di Perrault che tratta il tema della metamorfosi che l’amore può produrre, trasformando il brutto in bello e il mediocre in intelligente.

Deodato è figlio di Enide e Onorato e fin dalla nascita è brutto da far paura (“Sembrerebbe che la natura abbia deciso di rifornirmi di ogni orrore”). Brutto e sgraziato sì, ma intelligente (“È un superdotato! Un precoce! Un genio!”), e di un’intelligenza particolare (“L’intelligenza è anche una capacità di adattamento”)…

Altea, ha il nome di una rosa!; nasce da Rosa e Gelsomino (Amélie sembra attribuire ai nomi un significato che disegna storie nella storia): è bellissima, ma non propriamente acuta.

I due – per motivi opposti – patiscono gli scherzi spesso atroci dei coetanei e, tra mille sofferenze e malversazioni, nonostante la crudele regola sociale per la quale “Il molto brutto a volte suscita un po’ di compassione; il molto bello irrita senza pietà. La chiave del successo sembra essere in una vaga piacevolezza che non possa dare fastidio a nessuno”, individuano il loro percorso professionale: lui nella scienza ornitologica, lei nella moda di alto bordo.
Riuscite a immaginare il finale? Il lietofine, nella post-fazione, la stessa Amélie in versione di allibratore-lettore di Balzac lo dà 6 a 100…

Dopo la sonora stroncatura di Michela Murgia (http://www.raiplay.it/video/2017/02/quotRiccardin-dal-ciuffoquot-di-Am233lie-Nothomb-2ab231de-4d77-401d-b32e-dd216faa89b1.html), cosa possiamo dire noi seguaci della Nothomb? Che la amiamo di quell’amore incondizionato e “a prescindere” del quale si parla nel suo ultimo racconto? Ma così daremmo ragione a Michela Murgia!

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... i romanzi di Michela Murgia??? O i precedenti di Amélie?
Buona giornata delle donne
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La cercatrice di corallo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Parlarne tra amici
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Sorprendimi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini che restano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita riflessa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In
In
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Davanti agli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sera a Roma
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lo spirito della fantascienza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hotel Silence
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La grande truffa
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il diavolo nel cassetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri