Dettagli Recensione

 
Senilità
 
Senilità 2018-12-09 10:57:27 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    09 Dicembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da rivalutare

Rileggo Svevo a distanza di più di un ventennio dalla sua prima lettura, Senilità, in particolare perché risvegliata nell’interesse da un intervento del Professor Gino Tellini, ordinario di Letteratura italiana nell’università di Firenze, che acclama questo romanzo come un capolavoro. Ringrazio dunque la passione del professore che mi ha permesso un riavvicinamento e un percorso di conoscenza dell’opera, sicuramente migliorato.
È un romanzo perfetto per struttura e stile, capace di far penetrare il lettore in quell’inerzia emotiva ed esistenziale del protagonista, la Senilità, in modo tale da far provare distanza immediata, disgusto e noia: Emilio, il protagonista è una macchietta perfetta, è tutto ciò che nessuno di noi vorrebbe mai essere, compendiando invece ciò che forse siamo tutti, nell’intimo. Chi di noi non si maschera, non si illude, non si compiange, non si trincera dietro falsa identità, chi di noi, in fondo, non si sente inadeguato rispetto alle pressioni sociali, e non ha una sfera di vissuto disfunzionale, in un qualche modo? Penso nessuno, ne sono fermamente convinta, poi ognuno nel corso dell’esistenza si crea un’identità: c’è chi subito riesce in questo, cristallizzando spesso il suo Io in qualcosa di assolutamente lontano da se stesso e chi fatica, sopravvive, si lagna, si nasconde, non emerge, e paradossalmente riesce a giungere a più fine conoscenza. Emilio, il caro Emilio, è ormai un uomo, mascherato da intellettuale, in realtà un semplice impiegato, ingabbiato, al par del Belluca pirandelliano, in una sfera privata che lo costringe al ruolo del fratello amorevole. In realtà è, nella sua incapacità di vivere, scosso da forti pulsioni sessuali, risvegliate in lui da una donna di facili costumi, idealizzata per mitigare i sensi di colpa che prova rispetto all’esperienza la cui realtà ha fin da subito subodorato. È un uomo che è amico di un vincente, Stefano Balli, egregio contraltare di ogni sua fisima. Il romanzo è tutto giocato sulle antitesi, procede lento nell’intreccio, sfianca, svilisce, portando a perfetto processo mimetico il lettore che invecchia nel frattempo fino a rinvigorirsi quando l’eroe, rinnegando tutta la sua identità precedentemente costruita, assurge al tono del più volgare degli uomini e insulta la sua Angiolina, dandole della poco di buono, lui ancora svilito, smunto, assediato, torturato dal senso di colpa per la sorella, sua brutta copia, ormai in fin di vinta. Colpisce apprendere sempre dal Tellini nella monografia da lui dedicata a Svevo (Gino Tellini , Svevo, Salerno editrice) che questo libro venne letto dall’autore alla moglie durante il loro viaggio di nozze, sigillando così definitivamente una donna molto conosciuta a Trieste per i suoi costumi libertini e frequentata, a suo tempo, anche dallo stesso scrittore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella recensione, Laura. Anch'io ho letto "Senilita' " più di un ventennio fa...





In risposta ad un precedente commento
siti
10 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Chiara, spesso capita di leggere più per dovere che per piacere, e allora certi percorsi è necessario rifarli.
Ottimo commento, Laura. Come te e Chiara, anch'io ho letto "Senilità" tantissimi anni fa. Sarebbe interessante analizzare i motivi per cui Svevo si legge soprattutto al liceo o in giovanissima età, e poi lo si trascura nelle letture più mature. In ogni caso, la tua recensione mi ha fatto venire voglia di riprenderlo in mano, e insieme a lui anche "La coscienza di Zeno" e "Una vita".
Belle osservazioni, Laura. Rileggere libri belli è fonte di continue positive sorprese.
In risposta ad un precedente commento
siti
10 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Giulio, sono contenta: autori così lontani dall'età giovanile vanno necessariamente rivisti in età adulta, sono più comprensibili.
In risposta ad un precedente commento
siti
10 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, correvo il rischio di averne un pessimo ricordo mentre sono sempre stata più indulgente con "La coscienza di Zeno". Una vita? Da rivedere, anch'esso!
"Ange e Giolona, il sogno e la realtà". Per me alcune pagine di Svevo sono indimenticabili.
In risposta ad un precedente commento
siti
12 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Giolona, il Balli la sapeva lunga, in compenso... Condivido le tue impressioni, una parte del romanzo, quella iniziale l'ho ascoltata in mp3 scaricando le tracce da "Ad alta voce", bella esperienza che ha reso certe atmosfere indimenticabili.
Anch'io l'avevo letto tantissimo tempo fa, ai tempi della scuola! Gran bel romanzo e, come sempre, recensione molto bella! :)
In risposta ad un precedente commento
siti
18 Dicembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura! Ti è arrivata la mia mail?
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il garofano rosso
Vita
La ballerina
Eleonora d'Arborea
Satiricon
L'illusione
L'uomo è forte
La bella di Cabras
Il marchese di Roccaverdina
Una giornata
Una vita
Suor Giovanna della Croce
Dopo il divorzio
Il podere
Con gli occhi chiusi
Geografia. L'Italia