Dettagli Recensione

 
Falsa testimonianza
 
Falsa testimonianza 2019-01-10 08:28:19 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La trattativa stato mafia romanzata

La presunta trattativa stato-mafia, avvenuta in tempi lontani, considerata da un punto di vista romanzato, è al centro dell’ultimo libro di Salvo Toscano, intitolato Falsa testimonianza.
Siamo nel dicembre 1993 a Palermo. L’eco delle stragi, in cui hanno perso la vita i giudici Falcone e Borsellino, non si è ancora spento. Tangentopoli ha fatto le sue vittime eccellenti e Berlusconi sta preparando la sua discesa in campo in politica. A Palermo si respira una strana aria: servizi segreti, servitori dello Stato ad alto livello, massoneria, mafiosi pentiti o no, pare strano stringendo un accordo per fermare la moria dovuta alle recenti stragi. Qualcuno sta venendo a patti con il nemico da combattere. Se lo domanda il maggiore Giannini, l’uomo giusto.
“Uno che con informatori, infami e spioni ci sapeva fare come nessun altro. Era il suo mestiere e aveva dimostrato di conoscerlo. (…) Giannini, all’apparenza un baffuto quarantenne spezzino dall’aria mite, vagamente somigliante al suo concittadino omonimo prediletto dalla Wertmuller.”
Non è semplice entrare e sconfiggere la filosofia mafiosa, per c’è:
“la strategia del sommergibile, che naviga nascosto e riemerge solo in casi di estrema necessità, rimaneva il faro della filosofia mafiosa predicata dallo Zio, con l’immancabile farcitura di riferimenti a Dio e alla famiglia, capisaldi della mendace mitologia dell’uomo d’onore vecchio stampo che imbellettava i suoi messaggi sgrammaticati.”
Tutto inizia dalla cattura di Schillaci, latitante e fedelissimo del vecchio boss, lo zio Calò Bonfiglio. Particolare ancora più strano: la cattura e le sue modalità vengono descritte identiche, due anni prima, in un racconto che ha partecipato ad un concorso letterario indotto dalla Pro loco. Lo scrittore è Rosario Di Bella, che subito dopo subisce uno strano furto nella sua abitazione. Stesso furto perpetrato anche nei locali della Pro loco. Qualcuno ha costruito , con abilità, un castello di menzogne, ma ha commesso un errore. E il maggiore Giannini è sulle sue tracce.
Un romanzo intrigante, ben elaborato e costruito con metodo e perizia nella sua trama. Una delle tante ombre che hanno segnato il nostro Paese è descritta minuziosamente e con rara abilità conoscitiva. Al termine resta un che di amaro, di grigio, che attanaglia le coscienze. Nel complesso un’ottima lettura, veramente accattivante.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri