Dettagli Recensione

 
Oltre l'incerto limite
 
Oltre l'incerto limite 2014-02-03 14:57:13 Yami
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Yami Opinione inserita da Yami    03 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dodici piccoli capolavori

La prefazione, redatta dell'autrice stessa, rappresenta un perfetto biglietto da visita dell'opera che, a mia volta, mi accingo a presentarvi: tramite essa, Tina Caramanico ci presenta il suo progetto, ci offre una prima analisi interpretativa dei racconti che la compongono, promettendo emozioni, riflessioni ed esperienze autentiche. E così è, infatti.
"Oltre l'incerto limite" contiene dodici racconti, suddivisi in sei coppie tematiche intitolate "Origini", "Identità", "Innocenza", "Conoscenza", "Sogni" e "Futuro" e tutti accomunati dal medesimo filo conduttore, che è per l'appunto il "limite".
Ogni racconto appartiene a un genere letterario diverso o per meglio dire, non essendo propriamente inquadrato in determinati confini di genere, ne richiama alcuni elementi caratteristici, ma in modo piuttosto relativo.
Questi i racconti:
- "S-confini", che con ironica ci fa riflettere sul fatto che "in quanto a pregiudizi razziali, tutto il mondo è paese";
- "Martedì Grasso",amaro, oscuro ma profondamente affascinante;
- "Io no", una battaglia contro se stessi per se stessi;
- "Due", con le inquietudini e i timori di chi si vede derubare del proprio io;
- "Erika e il mare", tragico e carico di malinconia;
- "Maria era una strega", crudo e terribile come la realtà;
- "La casa del padre", indefinito come l'ombra dell'inquietudine e del sospetto;
- "Al Girasole", impregnato del rimpianto per un sogno rincorso ma mai soddisfatto;
- "Adele", con il suo desiderio rincorso a tutti i costi;
- "Al bivio", con le sue indecisioni decisive;
- "La vita nuova", con le incertezze future.

Dodici storie rese affascinanti da tecnica narrativa semplice ma molto efficace.
Benché sia possibile intuire e prevedere la direzione che prenderanno le storie man mano che si avviano alla conclusione, queste non perdono il proprio fascino né la presa che suscitano sul lettore.
La lettura dell'intera raccolta scorre con piacevolezza in un paio d'ore, forse anche meno.
Concludo rivolgendo i miei complimenti all'autrice: ultimamente è sempre più difficile leggere qualcosa di così alto livello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri