Dettagli Recensione

 
La strada. Diari di un vagabondo
 
La strada. Diari di un vagabondo 2012-06-04 07:03:12 mikyfalco
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
mikyfalco Opinione inserita da mikyfalco    04 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

On the road=Vivere

Ai primi di settembre incontrai un mio vecchio amico per un caffè.
Dopo i cordiali saluti iniziali e discorsi sui giorni andati,ad un certo punto,mi guardò fisso negli occhi e mi disse: “Domani parto per l’America”.
Nei suoi occhi leggevo gioia,emozione,come sempre nelle persone prima di un viaggio.
Nei miei c’era puro stupore quando continuando mi descrisse il suo progetto:partire senza una meta precisa,senza prenotazione,senza soldi,solo con due biglietti di aereo,uno per l’andata e uno per il ritorno fissato dopo sei mesi.
Ovviamente ai miei occhi,così come agli occhi di molte altre persone,sembrava un pazzo,un incosciente,un irresponsabile.
Prima di lasciarmi mi consigliò di leggere “La Strada” di Jack London e lì avrei trovato le risposte alle mie domande sul suo viaggio.
Pochi mesi dopo,mentre lui era in giro per le terre d’America,in una libreria di Milano,dove mi trovavo per un colloquio di lavoro,mi capita tra le mani proprio quel libro:offerta speciale,lo prendo.
Iniziai a sfogliarlo da subito,incuriosito nel cercare le risposte che pochi mesi prima avevano annebbiato la mia mente.
Per le cinque ore seguenti,dalla partenza da Milano fino al mio arrivo a Napoli,i miei occhi non si sono staccati un attimo dalle pagine.
Un mix perfetto di avventura e sentimentalismi,di realtà lontane e vicine al tempo stesso,raccontate in modo esemplare da un perfetto realista come London.
Un’autobiografia avventuriera dei suoi anni giovanili quando vagabondava per l’America,presentandosi come “hobo” (Termine di uso comune per indicare i vagabondi),patendo la fame,il freddo,la precaria salute,la povertà,ma emozionandosi per le piccole cose.
La capacità di inventarsi storie per mendicare cibo o “trattamenti”,la determinazione di saltare da un vagone all’altro di un treno merci per eludere i controlli,la furbizia di far amicizia con le persone giuste che nei momenti difficili hanno il potere di salvarti da lavori forzati.
I latini dicevano “carpe diem”,oggi si ripete di continuo “Vivi l’attimo” (semplice traduzione dal latino),altri,fedeli al mito di Morrison ripetono “Vivi come se dovessi morire domani”.
London,invece,ci apre un modo di pensare completamene nuovo “Vivi come se non sai cosa potrà accaderti,sii pronto a tutto”.
E’ questo il segreto di essere un vagabondo:in fondo un vagabondo esiste un po’ in tutti noi,solo che la ragione lo relega in un angolo nascosto.
Solo chi ha coraggio decide di rischiare e assapora emozioni nuove.
Sono cambiate tante cose da quando il mio amico è partito per gli Stati Uniti.Ora ho capito i suoi “perché” e sono in trepidante attesa di conoscere i suoi racconti quando ritornerà.Intanto ho già progettato qualcosa di simile anche per me,per il momento il mio viaggio è stato tra le pagine di questo libro,sintetizzato perfettamente in una frase del libro stesso : “la più grande attrattiva della vita da vagabondo è l’assenza di monotonia” .

Michele Falco

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo
Il libro del mare