Dettagli Recensione

 
Giorni in Birmania
 
Giorni in Birmania 2014-10-03 18:15:39 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    03 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo di differenze

E’ certo che nella propria mente ognuno di noi abbia un modo proprio di vedere la “normalità”. Quante volte ci siamo imbattuti in persone con atteggiamenti, idee, modi di pensare, modi di agire diversi da noi? Molto spesso probabilmente. Qual’è la nostra reazione? C’è chi risponde alla “diversità” con disprezzo, con indifferenza, con stupore e qualcuno con un raro rispetto.
Orwell nel suo “Giorni in Birmania” ci catapulta in un mondo, in una cultura completamente diversa dalla nostra, in una Birmania durante il periodo coloniale inglese, da lui perfettamente descritta perché vissuta sulla propria pelle come membro della Indian Imperial Police. La Birmania descritta dal suo racconto si discosta decisamente dalla nostra normalità non solo per la cultura estremamente differente del suo popolo, ma anche a causa degli europei e dagli indiani che popolano la Birmania di questo romanzo Orwelliano.
Uomini senza scrupoli, razzisti, ubriaconi, attaccati alle tradizioni e ad i luoghi comuni, donne prive di amor proprio ed interessate solo a prendere marito o a dare in mogli le proprie nipoti, ma anche un barlume di speranza per questa umanità con personaggi che nascondono un barlume di bene nel proprio animo, seppur non mancando di parecchi difetti anche gravi.
E’ una storia decisamente triste questa di Orwell, un saliscendi di speranza, abbattimento, accettazione dell’inaccettabile, il tutto attorniato dai profumi, i costumi e i paesaggi a volte gradevoli, a volte ripugnanti, ma sarà il lettore a giudicarli nell’uno o nell’altro modo.
E’ come se Orwell volesse metterci alla prova, presentandoci quella che è la realtà, birmana, ma anche dell’uomo in generale, come se volesse scrutarci nell’animo, interrogarci. Accetteremmo una cultura differente? Accetteremmo un amore non corrisposto o un matrimonio unilaterale accettato solo per convenienza? Accetteremmo un ingiustizia?
Forse è quest’ultimo l’interrogativo più grande, perché come al solito Orwell ci sbatte in faccia la realtà come nessun altro autore che ho incontrato finora. Le storie d’amore, le storie meravigliose, il lieto fine non gli appartengono, per lui esiste il reale, ma non lo si può definire un pessimista. Forse eccessivamente realista.
In questo suo libro ci mostra la realtà birmana, la realtà dell’uomo, in un miscuglio particolare di Oriente e Occidente nel quale non si riesce a distinguere il giusto e lo sbagliato, il vero dal falso.
Personalmente ci ho visto anche l’affermazione dell’inesistenza di una realtà assoluta, riguardo alla fede, al destino, al karma. Lui mescola tutto, la sua conclusione è un unione di tutto, a voler probabilmente suggerire che alla fine siamo tutti esseri umani e ,nonostante le differenze, tutti abitanti dello stesso strano e talvolta ingiusto mondo.

P.S. Potrebbe farvi nascere una voglia irrefrenabile di visitare l’Oriente, oppure spingervi a starvi lontano. Personalmente? Prenoterei domani il biglietto.

“Ma vivere la propria vita in segreto è una cosa che corrode. Si dovrebbe seguire la corrente della vita, non opporvisi. Sarebbe meglio essere il più cocciuto pukka sahib (gentiluomo bianco) che sia mai esistito, piuttosto che vivere solo e in silenzio, consolandosi in segreto con parole sterili.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Che bello , lo leggero'.
Mi inquieta solo il tuo finale, perche' io di voglia irrefrenabile e torturatrice ne ho fin troppa per conto mio.
:-(
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
04 Ottobre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@cub: beh chi dice che prima o poi non ci si potrà andare? :D
Trovo molto bella la citazione in chiusura, il modo di esprimere quel concetto tutto sommato non così nuovo...
interessantissimo!
lo leggerò, bella segnalazione Valerio!
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
06 Ottobre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Thanks :)
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
06 Ottobre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Concordo...
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri