Giorni in Birmania Giorni in Birmania

Giorni in Birmania

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Giorni in Birmania è il primo romanzo di George Orwell e nasce dalla sua esperienza diretta come membro della polizia coloniale degli anni Venti. Protagonista è il trentacinquenne John Flory, mercante angloindiano di legname che, insofferente dei codici di comportamento dei sahib bianchi e attratto dalla cultura orientale, si muove tra due mondi senza riuscire a trovare una propria collocazione. Al tema politico si affianca quello sentimentale: l'amore infelice di Flory per una donna con cui spera invano di porre fine alla propria solitudine.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Giorni in Birmania 2015-07-11 18:36:27 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    11 Luglio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oriente e Occidente

Come non definirlo “piccolo gioiello” il romanzo che Orwell dedicò al suo soggiorno birmano.
Una penna incredibilmente matura e ben definita fotografa un intreccio di storie ambientate nella Birmania ai tempi del dominio inglese.
Orwell con estrema maestria cattura i volti di culture differenti, partendo da immagini paesaggistiche e locali di una bellezza tangibile, descrivendo luoghi, colori e profumi colmi del sapore d'Oriente, di una terra lontana avvolta in tradizioni millenarie.
Dall'altro lato l'intrusione e la sopraffazione “dell'uomo bianco” tronfio di superiorità, borioso e irrispettoso, non interessato ad approcciare la diversità.

Il romanzo diviene una parabola umana, un racconto che si colora di un realismo deciso, sfociando in un mare di sofferenza, di ingiustizia, di degrado.
I volti degli uomini e delle donne che popolano il romanzo sono scolpiti nei lineamenti, segnati da smorfie di dolore, da mezzi sorrisi che anelano desiderio di amore o accettazione, da lacrime calde che solcano le guance dalla pelle scura o chiara.
E' una vita complicata quella che si vive nella colonia inglese, schiacciata quella degli indigeni da un clan di dominatori, scialba e monotona quella degli inglesi, padroni di una terra che sentono estranea e di cui rifiutano qualsiasi contaminazione socio-culturale.

Incredibilmente toccante e vero questo primo scritto di Orwell, denso di sentimenti, gonfio di lacrime e di interrogativi sulla condizione dell'uomo, sulla sua natura, sulle scelte e sulla capacità di autodeterminazione.
Un libro del 1934 che ancora oggi esprime contenuti preziosi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Giorni in Birmania 2014-10-03 18:15:39 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    03 Ottobre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo di differenze

E’ certo che nella propria mente ognuno di noi abbia un modo proprio di vedere la “normalità”. Quante volte ci siamo imbattuti in persone con atteggiamenti, idee, modi di pensare, modi di agire diversi da noi? Molto spesso probabilmente. Qual’è la nostra reazione? C’è chi risponde alla “diversità” con disprezzo, con indifferenza, con stupore e qualcuno con un raro rispetto.
Orwell nel suo “Giorni in Birmania” ci catapulta in un mondo, in una cultura completamente diversa dalla nostra, in una Birmania durante il periodo coloniale inglese, da lui perfettamente descritta perché vissuta sulla propria pelle come membro della Indian Imperial Police. La Birmania descritta dal suo racconto si discosta decisamente dalla nostra normalità non solo per la cultura estremamente differente del suo popolo, ma anche a causa degli europei e dagli indiani che popolano la Birmania di questo romanzo Orwelliano.
Uomini senza scrupoli, razzisti, ubriaconi, attaccati alle tradizioni e ad i luoghi comuni, donne prive di amor proprio ed interessate solo a prendere marito o a dare in mogli le proprie nipoti, ma anche un barlume di speranza per questa umanità con personaggi che nascondono un barlume di bene nel proprio animo, seppur non mancando di parecchi difetti anche gravi.
E’ una storia decisamente triste questa di Orwell, un saliscendi di speranza, abbattimento, accettazione dell’inaccettabile, il tutto attorniato dai profumi, i costumi e i paesaggi a volte gradevoli, a volte ripugnanti, ma sarà il lettore a giudicarli nell’uno o nell’altro modo.
E’ come se Orwell volesse metterci alla prova, presentandoci quella che è la realtà, birmana, ma anche dell’uomo in generale, come se volesse scrutarci nell’animo, interrogarci. Accetteremmo una cultura differente? Accetteremmo un amore non corrisposto o un matrimonio unilaterale accettato solo per convenienza? Accetteremmo un ingiustizia?
Forse è quest’ultimo l’interrogativo più grande, perché come al solito Orwell ci sbatte in faccia la realtà come nessun altro autore che ho incontrato finora. Le storie d’amore, le storie meravigliose, il lieto fine non gli appartengono, per lui esiste il reale, ma non lo si può definire un pessimista. Forse eccessivamente realista.
In questo suo libro ci mostra la realtà birmana, la realtà dell’uomo, in un miscuglio particolare di Oriente e Occidente nel quale non si riesce a distinguere il giusto e lo sbagliato, il vero dal falso.
Personalmente ci ho visto anche l’affermazione dell’inesistenza di una realtà assoluta, riguardo alla fede, al destino, al karma. Lui mescola tutto, la sua conclusione è un unione di tutto, a voler probabilmente suggerire che alla fine siamo tutti esseri umani e ,nonostante le differenze, tutti abitanti dello stesso strano e talvolta ingiusto mondo.

P.S. Potrebbe farvi nascere una voglia irrefrenabile di visitare l’Oriente, oppure spingervi a starvi lontano. Personalmente? Prenoterei domani il biglietto.

“Ma vivere la propria vita in segreto è una cosa che corrode. Si dovrebbe seguire la corrente della vita, non opporvisi. Sarebbe meglio essere il più cocciuto pukka sahib (gentiluomo bianco) che sia mai esistito, piuttosto che vivere solo e in silenzio, consolandosi in segreto con parole sterili.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anatomia di uno scandalo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri