Dettagli Recensione

 
La tregua
 
La tregua 2015-06-02 15:31:47 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    02 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Silenzio

Silenzio, solo silenzio.
Sfiorare il suolo del campo di Auschwitz fa male, fa rabbrividire.
Lo scorrere del tempo si è fermato in questa campagna polacca, riarsa dal sole nella stagione estiva e battuta da gelidi venti del nord nel periodo invernale.
Qua varcavano il cancello di ferro madri spaurite con una valigia in mano per contenere gli oggetti più preziosi e un bimbo da proteggere.
Uomini, giovani, adulti e anziani, resi inermi e segregati, selezionati sulla base dell'idoneità ad un lavoro bestiale oppure sterminati con metodi violenti, vessati come cavie, logorati dagli stenti e dalla fame.
Uno di quei visi che camminava tra i block del campo era quello di Primo Levi, tra i pochissimi sopravvissuti.
All'arrivo dell'armata russa quel cancello di ferro si apre; ne escono una manciata di denutriti e ammalati.
E' grazie allo scritto di Levi intitolato “La tregua” che conosciamo lo strazio del ritorno alla vita, dopo che gli occhi si erano riempiti di morte per mesi e mesi, dopo che le docce al ziklon B avevano assassinato migliaia di esseri umani, dopo che i forni crematori dei campo avevano bruciato montagne di corpi, dopo che la fame forzata aveva portato uomini donne e bambini ad una lenta agonia.

La penna di Primo Levi fotografa con minuzia e con grande cuore, il lungo percorso durato ben nove mesi per poter rientrare in Italia e riunirsi alla famiglia.
Un lungo viaggio attraverso un Europa falcidiata dalla guerra, ferrovie distrutte, villaggi rasi al suolo, il fisico minato dalla denutrizione e dalla malattia.
Il buio nell'anima e nel cuore, uomini che hanno negli occhi immagini indelebili.
Per alcuni il ritorno al nulla, niente casa e niente affetti, unici superstiti della propria famiglia.

Seppur meno letto rispetto a “Se questo è un uomo”, questa testimonianza è poderosa, per ricordare quello che fu “il dopo”.
Lo scritto è stilisticamente perfetto, tanto gradevole da leggere quanto duro è il suo contenuto.
Una lettura d'obbligo per ricordare, in silenzio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bellissima recensione Silvia; ho già letto lo sconcertante capolavoro "Se questo è un uomo", quindi questo tuo commento mi "ricorda" di leggere anche il seguito di quanto più orrendo la mente umana possa aver concepito. Grazie. Ciao.
Ferruccio
Recensione riuscitissima di un libro che meriterebbe maggior diffusione per la sincerità dell'autore e per far comprendere che l'orrore nazista accompagna chi l'ha subito anche dopo la fine della guerra.
Anch'io ho preferito questo libro rispetto il precedente perché parla di avvenimenti poco noti e con la capacità descrittiva notevole come è nel suo stile. Ciao
bellissima recensione, Silvia. Un tema sempre sconvolgente e drammatico.
Ciao Silvia, un commento importante come importante e' il testo commentato.
grazie a tutti per l'attenzione.
Un libro molto bello recensito egregiamente...a me colpì molto la delicatezza della prosa nonostante un'impostazione quasi da cronaca...un mix che solo i grandi della letteratura riescono a realizzare
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Parole nascoste
Ricordatemi come vi pare
Il fuoco che ti porti dentro
Il dolore non esiste
Dare la vita
Come d'aria
Tempesta
Vecchiaccia
Stirpe e vergogna
Proust e gli altri
Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza