Dettagli Recensione

 
Il mantello
 
Il mantello 2021-01-27 12:04:10 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    27 Gennaio, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Memoria e dolore

«Non hanno inventato nessuna parola per una sorella rimasta senza sorella.»

Margherita è scomparsa prematuramente, Margherita è stata colpita da quel male incurabile che l’ha portata via con sé in quell’anno 2016 che ha spaccato i cuori e lacerato le anime. Ognuno ha reagito alla perdita in modo diverso ma tra tutte, colei che più ne ha percepito il dolore è stata Marcela, colei che cerca di esorcizzarlo, quel male che sente dentro, con l’isolamento ma soprattutto con la scrittura.
Ricordi, parole, immagini, memoria, perdita. In un prima e in un dopo Margherita, in quel di un legame tra sorelle conflittuale quanto profondo, ma che non deve essere dimenticato ecco perché va esorcizzato ma senza smettere di soffrire perché smettere di sentire il dolore equivarrebbe a dimenticarla.
Ricomincia a fumare, Marcela, dopo dieci mesi di assoluto e rigido rigore nell’intento di smettere. Ricomincia a ricordare. E verga, annota, scrive, prende appunti. Compone e compone. Ci fa destinatari di questo quaderno di appunti e pensieri in cui è il legame tra quelle due donne adesso separate da un confine mortale a rendere ancora possibile quel che non è più possibile.

«Negare la morte? Il mondo è dei vivi e di come si affratellano, di come si legano con i morti. L’ unica cosa importante è lei tra i viventi, la sua memoria. La morte, dove sta la morte? Dov’è la sua vittoria? Non regalerò la vittoria alla morte, continuerò a scrivere.»

E pur non negando la morte, pur non negando la vita, pur non negando il lutto prende forma e corpo “Il mantello” opera di grande intensità a firma di Marcela Serrano. Sembra quasi di trovarsi di fronte a un quaderno di pensieri e aforismi; eppure, in queste pagine c’è dolore, sentimento, c’è la traccia di un legame che mai verrà mancando.
Tutto ha luogo nell’intimità più profonda del ricordare e dell’animo, in uno scrivere che è catarsi e catena. Buona lettura!

«Ho letto qualcosa poco tempo fa, non ricordo dove, sulle creature rammendate.
I sofferenti non sono altro che questo, gli afflitti.
Rammendati.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un'estate
Le schegge
Perdersi
Dipendenza
Gioventù
Infanzia
Nuoto libero
Il ragazzo
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Primo sangue

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232