Dettagli Recensione

 
La signorina Tecla Manzi
 
La signorina Tecla Manzi 2012-12-02 04:36:50 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“La signorina Tecla Manzi” di A. Vitali – Commento

La mano di Andrea Vitali pennella il ritratto de “la signorina Tecla Manzi” con sfumature gialle. La nubil-donna è un’icona tipica della poetica umoristica e umana dell’autore bellanese. Perché Tecla non è una velina (figura peraltro tipica della nostra sciagurata epoca, mentre il romanzo di Vitali è situato negli anni trenta, con retrospettive sino agli inizi del secolo), bensì “una donnetta secca secca come un missoltino”. Per i non comaschi, preciso che il ‘missoltino’ è l’agone essiccato, da mangiare con la polenta secondo la tradizione culinaria lariana. La signorina ha inoltre un passato di follia strisciante (è stata una pittrice di dubbio talento e una mistica visionaria), che getta molti dubbi sulla credibilità delle sue affermazioni.
La storia muove da alcuni eventi, che si intrecciano nella caserma dei carabinieri di Bellano. Questi i fatti:
1) “la Tecla” denuncia il furto di un oggetto kitch, apparentemente di nessun valore: un quadretto raffigurante il “Sacro Cuore di Gesù”;
2) il becchino del paese, tal Sabino Frascati, scopre con orrore che è stata violata la tomba di uno spregevole strozzino, in vita macchiatosi di molti peccati. I carabinieri, tuttavia, accertano che la salma non può appartenere all’usuraio, perché nella tomba profanata giace … il cadavere di una donna;
3) nella vicina Vendrogno un sedicente guaritore, specializzato in esorcismi vermifughi, richiede la recita di una formula anti-regime. Occorre pertanto indagare per accertare uno degli illeciti più frequenti in epoca fascista: il reato d’opinione.
Il drappello dei carabinieri è composto dal comandante pro tempore, il sardo brigadiere Mannu, dal siciliano appuntato Misfatti e dall’intellettualmente modesto Locatelli, giovane bergamasco con un passato di bracconiere.
Dunque: tre filoni di indagine, tre inquirenti e … tre fratelli Manzi. Oltre alla zitella Tecla, dominano la scena il fratello muto “dal viso grossolano e rincagnato”, collaboratore dell’usuraio, e il redivivo Nello che, fuggito dalla sua strana famiglia, ha simulato di essere rimasto vittima di un crollo al traforo del Sempione.
Sullo sfondo, l’atmosfera lacustre di Bellano e delle Prealpi.
Il finale è “alla Vitali”: con sorpresa e riflessione etica.
Il romanzo è divertente, forse un po’ troppo fitto di personaggi e situazioni. Lo stile è quello al quale l’autore ci ha abituati: rapido, accattivante, faceto e condito di umorismo.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri