Dettagli Recensione

 
L'inverno del mondo
 
L'inverno del mondo 2014-06-30 14:43:21 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MOLTO LOVE E POCO STOR..Y

Il bilancio complessivo dell’opera non può definirsi completamente positivo ed espressione di una lettura pienamente soddisfacente. Pur se ben costruita ed avvincente vari sono gli elementi dissonanti e di dubbio in questa.
In primo luogo i personaggi che avevano reso il primo capitolo della trilogia affascinante ed entusiasmante vengono lasciati a loro stessi, fungono da cornice per l’introduzione dei nuovi, guarda caso i figli, senza nulla approfondire sugli avvenimenti che si sono seguiti negli anni che intercorrono tra il concludersi del primo grande conflitto e il secondo. L’autore si limita a dirci che sono invecchiati e a descriverci brevemente la posizione sociale che hanno raggiunto (modus operandi che a mio parere, verrà utilizzato anche nel terzo ed ultimo capitolo della trilogia). La loro vita viene sminuita quasi fosse inutile lasciando l’amaro in bocca nel lettore. Casualmente la maggior parte dei protagonisti si dà alla politica, elemento che seppur comprensibile ed utile per snodare i passaggi storici fondamentali, risulta pesante facendo perdere di suspence alla lettura..
In secondo luogo troppe sono le “cose” lasciate al caso. I fatti storici sono riportati prevalentemente dal punto di vista inglese (e nella seconda parte del romanzo americano); solo a tratti la narrazione si interseca con gli universi paralleli (russo, tedesco etc), visione un po’ restrittiva a mio giudizio. L’Italia fascista è a malapena citata, giusto per sottolineare la presenza del totalitarismo in Europa. Follet parla indistintamente di Fascismo, Nazismo, Franchismo e Stalinismo quasi a voler sottolineare che tra i detti regimi non sussiste differenza, che alla fine sempre di totalitarismo si tratta; quando sarebbe stato ben gradito un approfondimento storico atto, se non altro, a delinearne i caratteri principali.
La struttura del romanzo è prevedibile poiché ricalca esattamente l’impostazione data a “La caduta dei giganti”: stessi incontri tra protagonisti, stessi meccanismi di innamoramento, stesse sorti. Senza dover ricorrere ad un eccessivo sforzo di fantasia si è in grado di prevedere quali saranno le successive vicende. Sposo la scelta di Follet di spiegare la storia con l’utilizzo di personaggi trasmutati nell’epoca in cui i fatti sono narrati con una buona miscela di elementi storici veri, e per quanto abbia simpatizzato per molti di quelli presenti nel secondo capitolo, ho trovato che in alcune occasioni queste vicende fossero troppo presenti tanto da creare un surplus di informazioni di secondo piano che hanno appesantito la narrazione. Ethel, Maud, Walter, Billie, Grigorij sono entrati nel cuore del lettore radicandovisi con una facilità sorprendente senza forzature, viceversa nel secondo capitolo solo pochi (vedi Carla, Werner) riescono ad entrare nell’anima di chi legge.
Ancora, la narrazione ci descrive una Germania in cui la popolazione non si rende conto dei crimini contro l’umanità che si stavano ponendo in essere, elemento affascinante e storicamente riscontrato; ma, giunto a conclusione del Secondo Conflitto, lo scrittore liquida la tematica in poche “righe”. Pacifico è che ad oggi il tema dell’Olocausto è uno degli argomenti più dibattuti e risentiti e concordo nel focalizzare l’attenzione sulla Germania post bellica, sul paese in ginocchio, sulle decisioni prese dagli altri stati per la “questione tedesca” ma la scoperta dei campi passa tra le pagine silenziosamente, quasi impercettibilmente e solo per affermare che dopo la caduta del regime tedesco questi luoghi non sono rimasti inutilizzati poiché i russi se ne sono avvalsi. Calzanti sono i riferimenti alla popolazione ebrea, ovvero quei ragionamenti in cui sottilmente Follet evidenzia al lettore il paradosso della ricerca della purezza della razza ariana: si depura la società dalla “sporcizia” e solo dopo aver ripulito il sistema ci si rende conto di come questi uomini/donne/bambini fossero necessari alla stessa economia tedesca.
Ben narrata la parte in cui l’autore si dedica all’eliminazione dei soggetti portatori di Handicapp con relativa descrizione degli ospedali in cui questi venivano rinchiusi per poi essere uccisi e interessante la “fotografia” della Germania prima, durante e dopo il conflitto. E’ stato uno degli elementi che sinceramente ho più apprezzato.
Nel complesso, l’opera rimane interessante, degna e piacevole non riuscendo però a soddisfare le aspettative del lettore. Una buona prova vista la complessità della fase storica trattata che conferma le capacità di Follet che non riesce ahimé a fare quel “salto di qualità” in più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha letto "La caduta dei giganti" e a chi desidera approfondire un argomento storico ancora vivo.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Credo che più che negligenze di Follett, tu qui stia appuntando le TUE aspettative, che personalmente credo molto più alte dell'obiettivo dello scrittore, cioè di far ripercorrere alle famiglie un'epoca storica del secolo '900! In parte concordo con te ma, in altre credo che degli approfondimenti ulteriori avrebbero creato, una mole di lettura ed una sommatoria di nozioni che avrebbero fatto risultare il libro prolisso e troppo edulcorato! L'avrei vista durissima inserire nozioni storiche senza ricorrere agli interessi o ideali politici in un'epoca dove tutto era politicizzato, e secondo me la scissione netta tra le fazioni dell'Asse e dell'Alleanza era doveroso, per poter aprire senza problemi il capitolo "guerra fredda" che verrà trattato nell'ultimo libro della trilogia. Ripeto, hai dato molti spunti interessanti ma, credo che tu avessi troppe aspettative in questo che rimane un romanzo!
In risposta ad un precedente commento
Mian88
01 Luglio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Che le aspettative fossero alte non c'è dubbio e con un'opera come quella appena letta è normale che sia così. Semplicemente Follet calca un po' troppo la mano con le vicende amorose e non dei vari protagonisti e per quanto queste siano ben inserite nei relativi contesti storici, risultano a tratti pesanti e di scarso interesse rendendo la lettura lenta e farraginosa. Ciò che contesto è il fatto che in certi casi dia più rilievo ad elementi di secondo piano che all'obiettivo del libro. In generale un po’ di sintesi non avrebbe fatto male. Tutto qua. Che sia un romanzo è palese e che lo scopo fosse quello di far ripercorrere alle famiglie un'epoca storica del '900 è pacifico.
Sulla scissione netta tra le fazioni dell'Asse e dell'Alleanza sono d'accordo con te ed ho veramente apprezzato la "fotografia" della Germania prima, durante e dopo il Conflitto.
Come ho scritto Follet non si trovava davanti ad un compito semplice, il suo lavoro resta comunque buono e degno di un autore del suo calibro e per quanto offra al lettore spunti di riflessione regala anche elementi di perplessità. Poi è ovvio, come hai ben detto tu si tratta della MIA opinione e delle MIE aspettative.
Grazie di aver letto la mio parere in proposito e di aver commentato, mi ha fatto molto piacere “confrontarmi” con te!
Buona giornata :)
Maria, hai scritto una recensione bella ed equilibrata.
Penso di non leggere il libro, soprattutto per un preconcetto sull'autore. "I pilastri della terra " è una sua opera? Non mi è piaciuta affatto.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri