Dettagli Recensione

 
Le osservazioni
 
Le osservazioni 2015-07-22 13:05:05 Anna_Reads
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    22 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Osservando Bessy...

Le Osservazioni – Jane Harris

SPOILER

Volevo leggere "I Gillespie", dopo la belle recensioni lette, ma in biblioteca non c'era e ho scelto l'unico disponibile della stessa autrice.
"Le osservazioni" appunto.
Scozia, 1863. La giovane Bessy (da non confondere con "la vecchia Betsy" :D ), irlandese dal torbido passato e con una "famiglia" (leggasi madre che si spaccia per la sorella) decisamente disastrata alle spalle, arriva in una piccola tenuta scozzese e un po' per caso, un po' per desiderio viene assunta come domestica da miss Arabella. La quale miss è piuttosto bizzarra. Sta infatti scrivendo un libro (Le osservazioni, appunto) in cui cerca di dare consigli su come trovare la "perfetta servitù"; per farlo, con molto "positivismo" studia le persone che prendono servizio presso di lei, le invita a scrivere un diario, e prova anche a fare qualche studio sulla loro fisionomia per cercare (e creare) "la serva perfetta".
Bessy, che ha imparato a scrivere e leggere piuttosto bene, entra – apparentemente – nella grazie della signora e le si affeziona molto; subisce anche una sorta di "fascinazione".
Poi, riuscendo, casualmente, a leggere qualche capitolo delle "Osservazioni", invece, scopre che la padrona la sta semplicemente studiando, ha scarsa stima di lei, e rimpiange amaramente Nora, una delle precedenti cameriere, scomparsa misteriosamente.
Bessy decide di vendicarsi e combina uno scherzo alla padrona, facendole credere che la casa sia infestata dal fantasma di Nora. Lo scherzo riesce talmente "bene" che la padrona quasi impazzisce e la stessa Bessy finisce per credere al fantasma.
In tutto questo il Padrone ha mire di carriera politica e fa costruire… una fontana, il pastore locale è in realtà il vecchio depravato che ha messo nei guai Nora e via fino al – più o meno – happy end finale che vede Bessy e Arabella riunite (seppur in una sorta di manicomio, dove Arabella è ospite e Bessy cuoca).
Le 450 e passa pagine del libro si leggono abbastanza bene e molto velocemente e va considerato il fatto che si tratti di un'opera prima. Nonostante questo, non mi ha convinto molto.
In primo luogo, viene scritto in prima persona, attraverso la voce di Bessy che molto spesso si rivolge direttamente ai lettori (spesso apostrofati come "ragazzi"), il ché alla lunga stufa, anche perché appare abbastanza artificioso, un pretesto per dare al testo un tono spontaneo e colloquiale, una sorta di "calco" del parlato. Personalmente trovo questo effetto (che non viene certo inventato dalla Harris) poco realistico e – appunto – alla lunga seccante (a meno che tu non sia Paul Auster, ma qui il discorso è diverso); allo stesso modo mi hanno convinto poco le parole e le espressioni popolari/volgari inserite qui e là (una serva ex prostituta 15enne, nata a metà '800 che scrive pagine e pagine con lessico forbito e sintassi perfetta, e ogni tanto scrive "cacca" giusto per ricordarci il taglio "popolare" del racconto. Non funziona,secondo me).
Altra pecca è che la struttura del romanzo sia troppo "evidente". O meglio, l'effetto che cerca l'autrice è troppo smaccato: qui voglio creare suspence. Allora, prima di tutto accenno a una cosa torbida/misteriosa faccio dire alla voce narrante che non ne vuole parlare perché è troppo torbida/misteriosa e che lo farà dopo se proprio sarà necessario.
50 pagine et voilà, ecco la cosa torbida/misteriosa. Questo stratagemma si ripete diverse volte, tanto che alla fine te lo aspetti. Ovviamente tutti gli autori fanno così, ma qui è proprio evidente e – alla lunga – anche qui, stanca.
Comunque, per essere l'opera prima di un'autrice giovane (nata nel 1961), direi che non mi ha fatto un'impressione pessima e che leggerò il famoso "Gillespie and I".
Poi ci aggiorniamo.
Ad Maiora.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non ha trovato i Gillespie :)
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Salve Anna. Ho trovato molto gradevole il tuo commento e ben motivate le critiche.
Non conosco l'autrice. Mi pare che l'idea di partenza non sia male, ma i difetti che hai riscontrato sono gravi per un testo che abbia qualche ambizione.
In risposta ad un precedente commento
Anna_Reads
23 Luglio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, sei sempre gentile :)
I difetti non sono pochi, è vero, non tali da non concedere una prova d'appello (ma neppure così lievi da precipitarsi a farlo). Ho letto pareri entusiastici su "I Gillespie" e prima o poi lo leggerò.
A quel punto vedremo...
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù