Dettagli Recensione

 
Ritratto di donna in cremisi
 
Ritratto di donna in cremisi 2016-04-15 21:18:05 lapis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    15 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il copyright resta inglese

Come quelle torte dalla ricetta segreta, che tanti provano a imitare, magari cercando di attualizzarle al gusto moderno, così in molti hanno provato a riprodurre quella miscela magica di romanticismo e senso di attesa di cui Jane Austen detiene il copyright. E in “Ritratto di donna in cremisi” certo riconosciamo il gusto di alcuni ingredienti che compongono la famosa ricetta da cui ha preso ispirazione.

Innanzitutto le atmosfere, raccontate attraverso i piccoli eventi che caratterizzano la vita elegante dell’aristocrazia di fine Ottocento. Il ghiaccio e il freddo della Svezia sostituiscono la campagna inglese ma ritroviamo i balli, gli abiti ricchi di sete e merletti, i pic-nic e i ricevimenti, teatro di scambi di battute vivaci, malintesi e baci rubati (vedi alla voce modernizzazione).
Poi i protagonisti, ben caratterizzati e lontani dagli stereotipi della perfezione. Beatrice è una diciottenne lentigginosa, dai rossi capelli ribelli e dall’intelligenza vivace. Rimasta orfana, viene accolta nella casa degli zii, un ambiente chiuso e retrogrado in cui la sua autonomia di pensiero e la sua ribelle indipendenza sono mal visti e continuamente sottoposti a punizione. Seth è un giovane dall’aspetto austero, un arrampicatore sociale senza scrupoli e dalla dubbia moralità, testardo e orgoglioso.
L’amore sboccia in poche pagine ma Beatrice è costretta ben presto a rinunciarvi. In nome dell’imposizione familiare, che la vuole sposata al ripugnante e perverso conte di Rosenschiold per le proprie trame di potere. In nome di una minaccia, che la costringe a un triste destino per proteggere l’adorata e remissiva cugina Sofia. Le pagine si infittiscono così di equivoci, incomprensioni e inganni orditi da finti amici e perfidi familiari e al lettore non rimane che lasciarsi trasportare dalla scorrevole narrazione per scoprire se l’amore, negato e celato, riuscirà infine a superare difficoltà e dolori.

Ciò che però caratterizza le storie austeniane è la raffinata e sobria lievità delle vicende, delle atmosfere e dello stile: i sentimenti sono solo accennati e lasciati all’immaginazione, come un soffio che permea tra le righe. Non c’è violenza, non c’è passione, non c’è crudeltà. Simona Ahrnstedt non ha invece la stessa grazia e delicatezza: calca la mano sulle situazioni, delinea sentimenti forti, eventi drammatici e sofferenze a tratti crude. Alle parole manca forse un po’ di ironia. Ad alcuni personaggi mancano sfumature, soprattutto ai cattivi, che risultano monoliticamente perversi e malvagi.

Ma cosa è giusto chiedere a un romanzo rosa? Coinvolgimento, sentimento, evasione. E in questo il romanzo risponde di certo alle aspettative: ti trascina nel vortice di questo amore contrastato facendoti sognare per qualche ora ed impedendoti di staccare gli occhi dal romanzo fino all’ultima pagina. E allora, ben venga anche questa Jane Austen svedese e moderna.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
alle appassionate del genere
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella recensione Manuela, condivido il tuo commento!
Anche se molto lontana dalla Austen, comunque tiene il lettore incollato al romanzo ;-)
Fede
In risposta ad un precedente commento
lapis
16 Aprile, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Hai proprio ragione Fede, davvero coinvolgente! Credo tra l'altro di averlo letto al momento giusto: dopo una serie di romanzi dai temi difficili, cercavo un po' di romantica evasione :)
Grazie per la tua recensione, che me lo ha segnalato.
Ciao, Manu
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Una buona madre
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La maschera di marmo
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù