Arte Arte

Arte

Saggistica

Editore

Casa editrice

«Il mio amico Serge ha comprato un quadro» annuncia Marc, da solo in scena, ad apertura di sipario. «È una tela di circa un metro e sessanta per un metro e venti, dipinta di bianco. Il fondo è bianco, e strizzando gli occhi si possono intravedere delle sottili filettature diagonali, bianche». Subito dopo Marc viene a sapere dallo stesso Serge che il quadro bianco a righe bianche è stato pagato duecentomila franchi: cosa che Marc giudica grottesca, poiché secondo lui è «una merda». Un terzo amico, Yvan – che ha già abbastanza guai con i preparativi del suo matrimonio –, non prende posizione, venendo accusato dagli altri due di pusillanimità e doppiezza. Così, la serata che i tre decidono di trascorrere insieme si trasforma in un regolamento di conti, in un gioco al massacro: il quadro bianco a righe bianche diventa il rivelatore da cui affiorano a poco a poco nevrosi, risentimenti e rivalità, mentre le parole si fanno sempre più velenose, sempre più acuminate, fino a ridurre in macerie la fragile impalcatura di un rapporto fondato sull'egoismo, la vanità e l'ipocrisia. Yasmina Reza, di cui conosciamo la penna affilata e lo sguardo chirurgico, tocca in questa commedia nera vette di comica crudeltà, si diverte e ci fa divertire – perché ridiamo molto, anche se sempre più a denti stretti, a mano a mano che da sotto la maschera buffa del théâtre de boulevard vediamo spuntare la malinconia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuti 
 
4.0  (2)
Approfondimento 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Arte 2021-02-06 11:31:07 Antonella76
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    06 Febbraio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gioco al massacro in stile Reza



Ma quanto è brava la Reza in questi giochi al massacro!?!
Solo lei riesce ad essere così divertente e crudele allo stesso tempo, solo lei riesce, utilizzando pochissimi elementi, a creare situazioni di grande impatto psicologico/sociale.
Tre uomini, un quadro... e il trionfo dell'ipocrisia, delle rivalità, delle nevrosi, dell'incomunicabilità, celati sotto la morbida coperta dell'amicizia.

Una tela bianca, con sottili filettature bianche, da duecentomila franchi.
- "Un'opera d'arte moderna".
- "Una merda".
- "C'è un pensiero dietro".
E il valzer dei risentimenti taciuti.

Su di una tela bianca puoi vederci qualsiasi cosa, anche la fine e la rinascita di un'amicizia, e questa storia lo dimostrerà.

Piece teatrale sarcastica, raffinata, tagliente.
Dentro ci siamo tutti noi, con i nostri difetti, le nostre convinzioni (sbagliate), le nostre miserie negate.
Ma la Reza ce le mostra tutte, e noi non possiamo far altro che sorridere a denti stretti e ammettere tutto.
Leggiamo Yasmina Reza, ci fa bene.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Arte 2019-01-22 09:54:36 DanySanny
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    22 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando dico per me, intendo oggettivamente.

Il primus movens è una tela bianca, rettangolare, tanto neutra e piatta da sembrare metafisica. Eppure quella tela è costata duecentomila franchi, una cifra spropositata anche solo a sillabarla. A ben guardarla, da quel bianco emergono delle sottili linee oblique, fitte e appena in rilievo, e un certo sentore di rosso, più che sfocato, ma pur sempre presente. No, in effetti la tela non è bianca, è un coacervo di emozioni e risentimenti che su questo spazio vuoto scandiscono il tempo della dissoluzione. Perché l’arte contemporanea è solo il pretesto per far esplodere le ipocrisie, la rabbia, l’odio che hanno tenuto insieme i tre amici di questa storia. Un pretesto che è però tanto scarno quanto efficace, tanto muto quanto scenicamente esplosivo perché fa da controcanto alle liti che fin da subito tessono le fila della fine. E se aleggia l’atmosfera dell’assurdo, è perché a volte davvero è l’insignificante accidente del concreto, un quadro, un piatto sbagliato, un vestito poco apprezzato, a far crollare gli edifici più solidi.

Da più parti questo dramma di Yasmina Reza, già autrice di Dio del massacro, è stato definito una commedia amara, ma, a dire la verità, non si ride mai, nemmeno a denti stretti. La scrittura tagliente scava con corrosiva tenacia nelle pieghe fangose dei personaggi e ne fa risaltare le contraddizioni, costringe i tre amici in una stanza della tortura che non lascia loro scampo perché quella tela è talmente fuori da ogni logica che tutto diventa possibile. Non conosce il correttivo dell’ironica Yasmina Reza, no, piuttosto dispiega l’umorismo sfigurante, l’amplificazione teatrale della scena, per creare un vuoto in cui far risuonare, ancora di più, la caduta di quei veli semitrasparenti, impalpabili, che attutiscono le torsioni difficilissime delle relazioni umane. E anche il finale, in cui alcuni hanno visto uno spiraglio di luce, celebra invece l’eutanasia di un rapporto non più possibile.

Quello che più si apprezza di questa opera teatrale, è la scrittura intelligente di Yasmina Reza, la disinvoltura con cui scrive pensando al pubblico, la percezione di come ogni singola frase sia ideata per essere recitata e non semplicemente letta. E allora le variazioni di tono che potrebbero far storcere più di qualcuno, in realtà, si rivelano calibrate alla perfezione. L’atmosfera godottiana, la rarefatta impalpabilità della scena, ben si adattano alla semplicità della trama e, paradossalmente, riescono a rifinire un’atmosfera apparentemente spoglia. L’unico problema è che se in Beckett la sospensione è l’unico spazio possibile per l’attesa, qui invece è una sorta di gabbia che impedisce alla scrittura di sollevarsi da se stessa. Detta altrimenti, “Arte” resta un buon libro, piccolo, denso, aterogeno, ma proprio in questo suo essere ripiegato su se stesso, pensato e concluso, è in un certo senso “facile” e alla fine della lettura lascia un vago senso di insoddisfazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri