Narrativa italiana Fantasy Striges. La promessa immortale
 

Striges. La promessa immortale Striges. La promessa immortale

Striges. La promessa immortale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Zoe ha gli occhi gialli come quelli di un animale selvatico. Un giorno ha dovuto imparare a graffiare. Da allora è Zoe la cattiva e i suoi unici amici sono Chloe e il pianoforte. Solo quando si abbandona alle sue note Zoe riesce a lenire il dolore per la perdita di sua madre, morta in un misterioso incidente. Il suo cuore è una pietra. Fino a quando nella sua vita non irrompe Sebastian, un ragazzo dagli occhi di smeraldo. Eppure Sam, proprietaria della caffetteria Bloody Mary, la mette in guardia: Sebastian è pericoloso, e lei dovrà rinunciare al suo amore. Zoe è disperata: come può ucciderla l'unica cosa che l'abbia mai fatta sentire viva? La risposta è sepolta in un lontano passato in cui un Inquisitore arse sul rogo la stessa strega che lo infiammò d'amore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Striges. La promessa immortale 2013-05-17 11:11:23 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    17 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La strega muta-forma e l'angelo bianco...

Nell'antica Roma venivano denominati "strigi" gli uccelli notturni che portavano un oscuro senso di malessere o per dirla tutta, il temuto, odiato malocchio.
Nel buio Medioevo "strigi", gli uccelli notturni furono associati alle streghe, le donne che praticavano la magia e che erano in comunicazione con il demonio; strigi..erano i familiars...gli animali usati dalle streghe come ponte verso l'occulto...
Questo per ciò che riguarda la storia; il libro raccoglie queste leggende e le applica a un'affascinate trama che avvince il lettore dall'inizio alla fine..
Zoe è una ragazza atipica e selvaggia: i suoi occhi sono gialli, dorati, fosforescenti come quelli dei gufi, delle civette, degli uccelli notturni...
Il suo carattere è solitario, schivo, selvaggio...si trova nel mondo...ma vive in un mondo tutto suo, aggressiva perfino verso i suoi amici...finchè non incontra Sebastian di cui si innamorerà perdutamente, pur essendo stata avvisata che lui...probabilmente rappresenta un grave pericolo per lei...perchè è la reincarnazione di un inquisitore che secoli prima ha ucciso, bruciandola sul rogo, la donna di cui era innamorato, una strega...
Zoe scopre così di essere una strega, ma Sebastian candido come un angelo bianco....ha strappato via tutte le sue difese occulte...
Ce la farà Zoe a sopravvivere?
Può l'amore conciliare due entità opposte, senza sacrificio e dolore?
Angeli e demoni possono convivere senza problemi?
Consigliato e promosso a pieni voti.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri sulle streghe..
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Striges. La promessa immortale 2013-04-18 03:30:05 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    18 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Streghe e inquisitori

Zoe è una ragazza particolare. Al di là di una caratteristica fisica che la identifica rispetto a tutte le altre: ha gli occhi gialli. Come certi animali, tipo i gatti. O gli strigidi: gli uccelli rapaci e predatori. Civette e gufi, per intenderci.
Ma la sua particolarità risiede principalmente nel carattere e nella personalità. Zoe, la vita in greco, è scontrosa, si sente inadeguata, quasi una disadattata. E sarebbe anche sola (“Il giorno del mio compleanno era diventato l’emblema della mia solitudine”), se non fosse intensamente legata all’amica-sorella Chloe. Spesso e volentieri le due amiche frequentano anche Sam, una ragazza che gestisce la caffetteria “Bloody Mary”.
L’inquietudine di Zoe ha le sue radici in un fatto biografico: ha perduto la madre in un incidente. E prova rimorso, perché si sente responsabile dell’evento: “Mi sentivo come se qualcuno avesse strappato via una parte della mia anima dalla nascita, quella parte capace di farmi sentire libera”.
“Fino a quel momento la rabbia mi aveva impedito di accettare che l’avevo persa”.
Pagina dopo pagina, però, scopriamo che il motivo della ‘diversità’ di Zoe è anche strutturale: perché lei è … una strega. Una strega che interpreta con romanticismo, determinazione e conflittualità il suo amore per Sebastian. Perché il giovane, che ha occhi di smeraldo, fisico da statua greca ed è “bello da far male” è … un inquisitore. E perché “a volte i nemici somigliano ad angeli, ma celano l’anima di un demone”.
Barbara Baraldi trascina per mano, e da vera strega (“… alcuni di noi sono mutaforma”) imprigiona il cuore, attraverso una storia che si svolge su due livelli dimensionali: quello fantastico tra incantesimi, magie e agguati; quello umano e psicologico nella rappresentazione delle tensioni e delle dinamiche di un gruppo di studenti impegnati nella recita scolastica di … Paolo e Francesca.
In tutto questo, Barbara propone una concezione originale della strega (“ho cercato allo stesso tempo di recuperare un'atmosfera da "vecchia scuola", con streghe fortemente ispirate all'antica religione e ancorate alla tradizione nostrana ed europea in generale. Anche per questo alcuni nomi, come quello di Misha, sono scelti dalla tradizione est-europea”: sono parole dell’autrice!) che si colloca in posizione critica rispetto a persecuzioni, intolleranze e roghi di ogni tempo, pur duettando con le saghe del fantasy contemporaneo.
Il romanzo è ricco di riferimenti culturali di ogni tipo, soprattutto musicali e artistici.
Il linguaggio è diretto e attuale, indulge all’esterofilia (“l’angolo dedicato al bookcrossing”), sa creare atmosfere e comunica magia. Quella che serve per “spiegare le ali, e librarsi in un volo perfetto”…

Bruno Elpis

Nella home page del mio sito (www.brunoelpis.it) potete leggere la risposta dell'autrice al mio commento, con qualche anticipazione sul sequel di Striges.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La Chimera di Sebastiano Vassalli.
Under the pyramids di Lovecraft.
Harry Potter
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Striges. La promessa immortale 2013-02-20 22:37:46 Lady Aileen
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    21 Febbraio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dark

Striges è il primo volume di una nuova serie dark per adolescenti (anche gli adulti sapranno apprezzare) che mescola urban fantasy, tradizioni popolari e romance.
Si tratta di un romanzo autoconclusivo in quanto alcune questioni hanno la loro risoluzione (non posso dire altro altrimenti vi rovinerei la lettura) ma la storia della nostra protagonista non è giunta ancora alla fine.
La storia è ambientata a Milano (ben descritta) ed è raccontata in prima persona da Zoe (unico punto di vista), una ragazza di diciassette anni malinconia, taciturna, fredda e introversa. Ha perso la madre e con il padre non ha un buon rapporto, motivo per cui è quasi sempre libera di muoversi senza problemi. Zoe ha solo due amici: Chloe, l'amica d'infanzia e il pianoforte che le permette di esprimere i suoi sentimenti più profondi. Per tutta la sua giovane vita ha sempre avuto la sensazione che le mancasse qualcosa ma l'amore è l'ultima cosa che sta cercando, fino a quando non incontra Sebastian, un ragazzo misterioso e bellissimo.
Forse all'inizio alcuni aspetti (per esempio, l'amore impossibile tra due personaggi chiaramente agli opposti) possono dare una sensazione di déjà vu (soprattutto se abbiamo letto tutto o quasi di quello che è stato pubblicato fino ad oggi in ambito urban fantasy) ma finito il libro, ti accorgi che l'autrice ha saputo dar vita ad una storia appassionante e particolare.
Stavolta l'elemento fantastico è dato dalla presenza delle streghe e degli Inquisitori interpretandoli in maniera davvero originale ma con un fondo di verità (L'autrice ha svolto delle ricerche e dimostra di saper ben mescolare fantasia e realtà).
Ho apprezzato molto i riferimenti letterari e cinematografici, la caratterizzazione dei personaggi (assistiamo ad una vera e propria crescita del personaggio principale), la cura nelle descrizioni, lo stile scorrevole ed evocativo.
Sono molto curiosa di leggere il secondo soprattutto per aver la possibilità di ritrovare un certo Nosferatu.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Striges. La promessa immortale 2013-02-13 08:19:53 Persefone
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Persefone    13 Febbraio, 2013

ANCHE IO VOGLIO ESSERE UNA STREGA!!!

Bellissimo, adoro la protagonista introversa e timida, adoro il rapporto che ha con Sebastian, passionale e tenero, adoro Nosferatu il furetto di Zoe (capirete perchè). La storia nel suo insieme è molto bella e coinvolgente, ho apprezzato i molteplici riferimenti alla musica classica e non e all'arte. Aspetto il seguito, qualcosa mi dici che c'è un triangolo all'orizzonte!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a chi ama le streghe!
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri