Ninfa dormiente Ninfa dormiente

Ninfa dormiente

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Li chiamano «cold case», e sono gli unici di cui posso occuparmi, ormai. Casi freddi, come il vento che spira tra queste valli, come il ghiaccio che lambisce le cime delle montagne. Violenze sepolte dal tempo e che d’improvviso riaffiorano, con la crudele perentorietà di un enigma. Ma ciò che ho di fronte è qualcosa di più cupo e più complicato di quanto mi aspettavo. Il male ha tracciato un disegno e a me non resta che analizzarlo minuziosamente e seguire le tracce, nelle valli più profonde, nel folto del bosco che rinasce a primavera. Dovrò arrivare fin dove gli indizi mi porteranno. E fin dove le forze della mia mente mi sorreggeranno. Mi chiamo Teresa Battaglia e sono un commissario di polizia specializzato in profiling. Ogni giorno cammino sopra l’inferno, ogni giorno l’inferno mi abita e mi divora. Perché c’è qualcosa che, poco a poco, mi sta consumando come fuoco. Il mio lavoro, la mia squadra, sono tutto per me. Perderli sarebbe come se mi venisse strappato il cuore dal petto. Eppure, questa potrebbe essere l’ultima indagine che svolgerò. E, per la prima volta nella mia vita, ho paura di non poter salvare nessuno, nemmeno me stessa.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ninfa dormiente 2019-08-24 22:13:14 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    25 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN NUOVO CASO PER TERESA

In questo libro Teresa Battaglia deve affrontare un nuovo caso, ma questa volta si trova davanti a qualcosa di veramente particolare, un cold case molto complicato.
Un dipinto, la "NInfa dormiente" è il legame che intreccia la narrazione della storia, quest' opera è stata realizzata con il sangue intinto nel cuore delle donna ritratta.
Il pittore che ha creato questo ritratto è Alessio Andrian, artista che ha terminato la sua carriera proprio con quest'opera.
Per anni il dipinto è rimasto nella soffitta della casa della sua famiglia, è il nipote che lo ritrova.
Alessio però non può dire nulla perchè dal 20 aprile del 1945 non parla più e non è capace di intendere e di volere e la verità rimane chiusa nel silenzio in cui lui vive da anni.
E' un caso molto spinoso e di prove non ce ne sono poi molte, l'unica persona che potrebbe aiutare Teresa non può collaborare e dietro a questo quadro si dipana una storia che intreccia la vita di molte persone e che richiama dei segreti che sono rimasti celati per anni.
In contrapposizione al caso da risolvere, sia Teresa che il suo collaboratore Massimo devono affrontare i loro problemi personali.
Il commissario Battaglia sta combattendo contro la sua malattia degenerativa che la sta piano a piano spegnendo, sempre di più ogni giorno che passa. La donna porta con sé un taccuino dove si annota tutto quello che le può essere utile sia per il lavoro che per la vita privata.
La sua malattia nel primo libro non aveva interferito con le indagini ma in questo caso le cose saranno diverse e questo segreto la metterà in pericolo.
Massimo, invece, deve fare i conti con il suo passato che sta distruggendo la sua vita e ora che la sua ex fidanzata è incinta deve prendere una decisione. Il ragazzo deve capire cosa fare, andare avanti e lasciarsi alle spalle tutto e ricominciare, oppure vivere ancora nel suo dolore e chiudersi all'amore e alla possibilità di costruirsi una famiglia.
"Un cambio di rotta con cui aveva creduto-sperato. di ritrovare la pace, un modo di ricominciare. In realtà aveva trovato molto di più, ma la pace era rimasta una chimera vomitante fiamme, che lo bruciava non appena provava ad avvicinarsi."
Devo ammettere che lo stile di Ilaria Tuti è sempre coinvolgente e molto appassionante, però a dispetto di altre recensioni che ho letto, ho preferito il primo libro. Per un semplice motivo, "Fiori sopra l'inferno" l'ho divorato, è un romanzo puro, spontaneo, scorrevole e molto accattivante mentre questo secondo lavoro mi è sembrato più lento e i capitoli sono più lunghi. In questa storia l'autrice, ha voluto soffermarsi su degli aspetti non legati alla trama e quindi che fanno risultare la narrazione meno veloce.
C'è sicuramente più approfondimento sui personaggi principali di Teresa e di Massimo, mentre ho trovato che la new entry Bianca sia ancora tutta da scoprire.
Sono stata molto contenta di aver voluto intraprendere questa serie dedicata alle indagini di Teresa Battaglia, sicuramente se uscirà un nuovo capitolo ci farò un pensierino, sperando che il livello rimanga lo stesso.
Quello che vi posso consigliare se vi incuriosiscono le trame dei libri di Ilaria Tuti, di provare a leggerli magari non consecutivamente e di provare ad entrare nel mondo di Teresa Battaglia, un commissario fuori dal comune ma con un'esperienza e un talento che la rendono una dei personaggi letterari più interessanti degli ultimi anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fiori sopra l'inferno
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Ninfa dormiente 2019-06-06 08:34:37 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una nuova indagine per Teresa Battaglia

Torna in libreria Ilaria Tuti con “Ninfa dormiente”, secondo episodio delle avventure dedicate a Teresa Battaglia, commissario di polizia specializzato in profiling e già indiscussa protagonista de “Fiori sopra l’inferno”.
Anche in questa seconda indagine, che muoverà i primi passi da un cold case con un omicida abile e astuto nel confondere le sue tracce nel tempo e nello spazio, ruolo fondamentale è detenuto dalla natura. La Val Resia, quella parte del Friuli confinante con la Slovenia, con i suoi ricchi ed immensi boschi, con i suoi abitanti dalla bellezza inconfondibile e dalle credenze di miti e tradizioni conservati e tramandati di generazione in generazione, con quel passato segnato dalla Resistenza, sono il palcoscenico all’interno del quale le vicende prendono campo snodandosi mediante un quadro che è stato dipinto con sangue umano. E sarà proprio tra questi alberi secolari, tra i silenzi e gli echi degli spazi incontaminati, che quegli occhi si pianteranno su Teresa, conoscendone i segreti e le paure più intime e non avendo remora ad uccidere chiunque possa mettere in pericolo il preservare di quel segreto che tale deve restare.
Un intreccio interessante quello creato da Ilaria Tuti, un intreccio avvalorato da una penna fluida, non impegnativa e dal buon ritmo che sa ben bilanciare le vicende e che sa ben ponderare i colpi di scena. Particolare rilievo è inoltre dato ai vari protagonisti nonché al ruolo femminile, in particolare alle donne che tra quei monti hanno il compito di tramandare e istruire insegnando la lingua e le memorie affinché non vadano perdute. E se da un lato conosciamo meglio la Battaglia, dall’altro approfondiamo il ruolo dell’ispettore Massimo Marini, con il quale il commissario ha un rapporto sempre più particolare, ma che in questo nuovo capitolo acquista maggiore sicurezza, agendo con maggiore precisione, risultando essere più istintivo e deciso. Incontreremo poi nuove figure che completeranno il palco di attori della saga.
Un thriller piacevole che non mancherà di conquistare gli amanti del genere grazie al perfetto connubio di mistero, struttura narrativa e personalità plasmate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ninfa dormiente 2019-06-06 06:26:17 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    06 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ninfa dormiente

A distanza di un anno e mezzo, dopo una lunga attesa, ILARIA TUTI è tornata a entusiasmare i suoi lettori, più affezionati, con il secondo episodio della saga che ha come protagonista il commissario di polizia, Teresa Battaglia, specializzata in profiling dei criminali.
La sua seconda indagine dovrebbe essere un caso semplice, ma non è mai così. Il mistero muove i primi passi da un cold case per poi spingersi sulle tracce di un assassino che sembra aver azzerato le distanze temporali fino ai giorni nostri, facendo un vero e proprio patto con il diavolo.
Teresa Battaglia e la sua squadra, alla quale si aggiungono nuovi interessanti componenti, scava tra la neve che lambisce le cime delle montagne, ostacolata dal vento che spira tra le valli delle zone di confine dell'Italia settentrionale. I racconti popolari e la Storia, del periodo della Resistenza, si amalgamano alla perfezione in un'indagine che si spinge nella particolarissima Val Resia, raccontantone lo stile di vita, i costumi, la lingua e le tradizioni.
In questo romanzo, oltre a un'indagine avvincente e che tiene l'attenzione sempre desta e sul filo del rasoio, i lettori potranno scoprire qualcosa in più sui co-protagonisti della sua storia: Teresa Battaglia, ancora alle prese con i suoi problemi di salute, ma pronta a non lasciarsi sfuggire nessun dettaglio; Massimo Marini, sempre bello, giovane ed aitante, che dovrà fare i conti con il suo misterioso passato e le incombenze del suo presente.
Ilaria Tuti ha ideato un poliziesco al femminile che non scade mai nel romantico, ma scava nelle menti criminali, pur avendo come punto di partenza una protagonista chiamata a fare i conti con la malattia della propria mente che sembra sempre sul punto di abbandonarla. Dunque, la suspense non manca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri