Narrativa italiana Libri per ragazzi La bambina col falcone
 

La bambina col falcone La bambina col falcone

La bambina col falcone

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Ancora in fasce Melisenda, secondogenita di un falconiere al seguito di Federico II, riceve un segno del destino, sotto forma di un grande uccello rapace che si posa sulla sua culla. Costanza invece fin da piccola smania per andare in Terrasanta a liberare il Santo Sepolcro. In famiglia ci sono altre sorelle più piccole, un giovane paggio, una bambinaia dal passato misterioso. E fuori di casa baroni e pellegrini, eretici e goliardi, lebbrosi e cortigiani, tutto il pittoresco mondo del Medioevo cristiano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bambina col falcone 2020-03-10 11:12:39 Tatiana77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Tatiana77 Opinione inserita da Tatiana77    10 Marzo, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nel Duecento con Melisenda & c.

Ieri sera ho finito di leggere “La bambina col falcone” di Bianca Pitzorno. Di rileggere, in realtà, visto che l’avevo letto, tanti anni fa alle Medie, come libro di Narrativa in classe. Premetto che è un romanzo storico, ambientato all’epoca di Federico II in Sicilia, e precisamente nell’attesa del proclama della crociata da parte dell’Imperatore. Questa crociata è attesa ardentemente da Costanza, la figlia maggiore del falconiere Rufo, che poi si traveste da ragazzo per cercare di intraprendere il viaggio in Outremer. I personaggi da me preferiti sono Melisenda, la secondogenita di Messer Rufo e Madonna Yvette, perché molto sensibile, perspicace e vivace, oltre che simpatica, Madonna Yvette, per la sua saggezza, e Konrad, per la sensibilità e l’amore per lo studio. Il romanzo ha una funzione didattica per i ragazzi e per chi voglia scoprire o ripassare la Storia medievale, per me è stato piacevole ritrovare argomenti letti sulla rivista “Medioevo” tra queste pagine.
Le coincidenze, è vero, appaiono in un certo senso inverosimili, ma forse questo fa parte della finzione romanzesca. Purtroppo in alcuni tratti il testo risulta poco scorrevole. Ma in generale è una lettura interessante soprattutto per il contesto storico, oltre che per la capacità affabulatoria dell’autrice, che ti fa vivere il Duecento in modo coinvolgente e i personaggi da lei creati, che gravitano intorno alla figura di Federico II, come se fossero tuoi amici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bambina col falcone 2018-03-26 08:21:30 Elisabetta.N
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    26 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Costanza e Melisenda

Leggere Bianca Pitzorno è un po' come tornare bambina.
Le protagoniste, bambine, mi riportano indietro a quando tutto era un avventura.
Ma Costanza e Melisenda non sono due bambine comuni.
Costanza, primogenita di messer Rufo, falconiere del re, e Madonna Yvette, sogna da sembre di andare in terra santa per liberare il santo sepolcro, Melisenda, invece, nutre una sfrenata passione per la professione del padre e vuole, a tutti i costi, un suo falco da allevare.
È grazie a quest'ultima che impariamo l'arte del falconiere, mentre grazie alla prima, conosciamo le difficoltà di andare in guerra.

La cosa che amo di questo libro sono le immagini che trasmette. Il 1200 non era certo un periodo facile e privo di rischi e la scrittrice riesce a mostrare senza veli certe durezze e crudeltà del periodo.
L'arte del falconiere non è certo facile e attraverso Melisenda viviamo anche scene un po' crude. La guerra non è priva di rischi e con Costanza conosciamo i risultati della presenza di tante persone in poco spazio e condizioni igieniche non proprio ottimali.
Grazie allo stile però, anche le cose un po' più sgradevoli passano in secondo piano e ciò che rimane è l'avventura e i sentimenti che vengono trasmessi.

Bellissimo libro e bellissima abientazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri