Noi siamo tempesta Noi siamo tempesta

Noi siamo tempesta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Sventurata è la terra che ha bisogno di eroi, scriveva Bertolt Brecht, ma è difficile credere che avesse ragione se poi le storie degli eroi sono le prime che sentiamo da bambini, le sole che studiamo da ragazzi e le uniche che ci ispirano da adulti. La figura del campione solitario è esaltante, ma non appartiene alla nostra norma: è l'eccezione. La vita quotidiana è fatta invece di imprese mirabili compiute da persone del tutto comuni che hanno saputo mettersi insieme e fidarsi le une delle altre. È così che è nata Wikipedia, che è stato svelato il codice segreto dei nazisti in guerra e che la lotta al razzismo è entrata in tutte le case di chi nel '68 guardava le Olimpiadi. Michela Murgia ha scelto sedici avventure collettive famosissime o del tutto sconosciute e le ha raccontate come imprese corali, perché l'eroismo è la strada di pochi, ma la collaborazione creativa è un superpotere che appartiene a tutti. Una tempesta alla fine sono solo milioni di gocce d'acqua, ma col giusto vento. Disegnato da The World of Dot. Con un fumetto di Paolo Bacilieri.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Noi siamo tempesta 2019-03-18 10:26:11 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La forza della voce corale

Michela Murgia nasce a Cabras nel 1972, esordisce con “Il mondo deve sapere” che ha ispirato Paolo Virzì nella sua pellicola “Tutta la vita davanti” ed è ricordata dal grande pubblico per le sue opere (quali “Accabadora”, Premio Campiello 2010) caratterizzate da una penna ricca e forbita, per le sue ambientazioni intrise di misticismo e per le profonde riflessioni che le tematiche affrontate sono in grado di suscitare nel lettore.
“Noi siamo tempesta” è un pamphlet che ha come scopo quello di ricordarci la forza delle storie. Tutti sin da piccoli cresciamo con il modello archetipo di vicende dove protagonista principale è un eroe solitario caratterizzato da un destino glorioso a cui giunge dopo molteplici peripezie, dopo essere stato abbandonato da chi doveva accudirlo, dopo essere cresciuto in periferia o comunque lontano dagli affetti, dopo essere stato sottoposto a mille prove e mille ostacoli. E noi in gioventù su questi eroi abbiamo fantasticato, grazie a questi eroi abbiamo sognato, abbiamo desiderato di essere altrettanto speciali, abbiamo sperato di poter fare la differenza.
Tuttavia, a discapito di questi miti basati sull’X factor e sull’eccellenza individuale, nel crescere ci rendiamo conto che è vero, quel qualcuno che ha quel quid in più, riesce a distinguersi ma anche che la storia, quella vera, si fa esattamente in modo inverso e cioè non con l’impegno del singolo individuo quanto con la collaborazione di una squadra, di più persone, di un team che condivide cadute, salite, discese, percorsi, traguardi.
“Noi siamo tempesta” ci invita a riflettere proprio su questo aspetto e cioè sul fatto che non esiste una storia, ma esistono tante storie, che sono fatte di realtà, di retrogusti amari, di forza di volontà. Perché essere speciali è possibile ma soltanto restando uniti, facendo gioco di squadra. Esempio lampante di questo assunto è dato dall’idea che ha portato alla nascita di Wikipedia: sino a che questa è rimasta dominio dei pochi soltanto ventiquattro voci in tre anni, sono nate, ma nel momento in cui, invece, il sapere è stato riposto nelle mani di quei tutti che sono stati muniti della facoltà di scriverla, quella teoria di Lorentz, il progetto è riuscito diventando una delle idee di maggior successo in assoluto. E questo è soltanto uno dei tanti esempi riportati nell’opera della Murgia dove protagonista è la comunità.
Un elaborato adatto a tutte le età, avvalorato da pregiate illustrazioni e dai contenuti inestimabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri