L'Italiano L'Italiano

L'Italiano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Chi è l'Italiano? Sembra chiederselo persino Dio, nella cornice di questo libro, facendo i conti con il carattere nazionale di un popolo senza uguali. Infantile, opportunista, simpatico, adattabile, ingegnoso, vigliacco, furbo, egoista, generoso, narcisista.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'Italiano 2015-10-22 04:55:26 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    22 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Persone d'Italia

Per le sue opere, grazie a Sebastiano Vassalli, morto il 27 luglio scorso.
Era il 2007 e non gli credevo, leggevo ma pensavo fosse arrabbiato e senza soluzioni, triste e malmostoso. Adesso penso che Vassalli non abbia avuto bisogno di fare il simpatico e il positivo per forza, lui era sincero e studioso in maniera dura e disarmante. Era reale.

Giulio Bollati e Sebastiano Vassalli si dilettano a raccontarsi fatti e persone sotto l’albero dei cachi. Questi scambi sono, molti anni dopo, organizzati dal nostro autore in undici capitoli che compongono il romanzo L’Italiano. Ritrovo personaggi, eventi ed epoche storiche diverse che delineano un unico carattere nazionale che, in questo periodo, ritorna e mi tormenta.

Il doge, il prete, il commendatore, il padre della patria, il signor B.: copioni italiani perdenti perché potenti, uomini cialtroni, incompetenti, chiassosi, vili e sporcaccioni, condannati alla lallazione perpetua. Sfila una italianità piccola piccola: il pensiero corto, il respiro breve, la cultura leggera, il sorriso facile, la battuta risolutiva, compongono il quadro dell’homo italicus.

“Sei stato tenuto a balia per mille e cinquecento anni da una religione, e questo ha influito sul tuo carattere rendendolo infantile”p.140

Così, nel romanzo, il Padreterno condanna l’Italiano alla permanenza nel Limbo, sospeso a vagare in una patologia che non può venir meno perché regge la stessa identità.
Voglio ricominciare dal nono capitolo, da Sibilla Aleramo, impegnata e cocciuta, persa e consapevole nella storia con Dino Campana, nume tutelare di Vassalli che gli dedica La notte della cometa. Ricominciare dalla notte.

“L’Italia non è soltanto quel paese vecchio e sostanzialmente immobile di cui ti ho parlato: è anche due paesi in uno. C’è il Paese Legale, che è sotto gli occhi di tutti, e c’è il Paese Sommerso: il paese illegale, che tutti più o meno fanno finta di non vedere e che è più forte in alcune regioni e in alcune grandi città, e meno forte in altre regioni. Il Paese Sommerso ha le sue leggi, diverse da quelle del Paese Legale. Ha la sua politica (o le sue politiche) e ha la sua economia…”p.130-131

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'Italiano 2012-05-16 11:22:15 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    16 Mag, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come siamo

Eravamo un popolo di santi, di poeti e di navigatori. Oggi, purtroppo, i primi si sono rarefatti, i secondi restano, ma un po’ in ombra, i terzi impattano contro gli scogli, assai noti, dell’isola del Giglio.
Ma come siamo veramente, insomma quali sono le autentiche caratteristiche dell’italiano?
Ne parla Vassalli in questo suo libro attraverso dei racconti, alcuni dei quali già noti, perché parte di precedenti romanzi. Per esempio “Il commendatore” e “Il padre della patria” sono parte integrante de Il cigno, un libro riuscitissimo sullo scandalo del Banco di Sicilia e sull’assassinio del commendatore Emanuele Notarbatolo, due brani, peraltro, di grande letteratura, con una stupenda descrizione di un Crispi ormai decrepito. Di vizi ne abbiamo tanti e sarebbe lungo elencarli tutti e mi limito perciò solo a citare l’opportunismo, la furbizia, il narcisismo, anche se mitigati dalla simpatia. Ce n’è uno, però, in cui eccelliamo ed è costituito dalla eccezionalità. Siamo convinti di essere speciali e, in quanto tali, che i nostri vizi caratteristici diventino pregi. Al riguardo nel libro c’è una storiellina, che lo apre e lo chiude, con Dio che, nel giorno del Giudizio Universale, chiama a sé i vari popoli per giudicarli. Si presentano così il cinese, l’arabo, insomma tutti; quando con voce ferma e forte chiama l’italiano, nessuno risponde, nessuno si porta al suo cospetto, anzi, isolato in mezzi a tutti, con fare sorpreso l’italiano dice” Chi, io?”. Indubbiamente si distingue con la sua individualità, la sua innata anarchia. E così mentre Dio è benevolo con gli altri, si trova in imbarazzo quando deve indicare la destinazione dell’italiano per la vita eterna e alla fine ha un colpo di genio (e chi altro potrebbe averne, se non Lui?). Ci considera così per quel che siamo, talmente immaturi da sembrare dei bimbi, e così il nostro posto non è né il Paradiso, né il Purgatorio, e nemmeno l’Inferno, bensì il Limbo.
Come se non bastasse c’è un racconto ulteriormente esplicativo, Il signor B., sì quel B. di Arcore, definito l’Arcitaliano, e in quelle righe si scopre così il segreto del suo successo, ma non è motivo di soddisfazione apprenderlo, anzi, nonostante una gradevole ironia dell’autore, resta un grande amaro in bocca, una sorta di disgusto anche per noi stessi.
Diverso dalla sua solita produzione, L’Italiano è tuttavia un libro che resta dentro, che porta a un’inevitabile autocritica, con l’avvertenza però di astenerci dal compiacimento nello sparlare di noi stessi, nel considerarci cioè anche in questo caso del tutto eccezionali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
111
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'Italiano 2007-09-04 15:52:54 Arrigo Bonnes
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Arrigo Bonnes    04 Settembre, 2007

L'Italiano

Non ho letto tutta la produzione di Sebastiano Vassalli, ma sicuramente una buona parte e devo dire che generalmente l'ho apprezzata tanto da acquistare a scatola chiusa le novità che sono uscite negli ultimi anni e così quando ho sentito in una puntata di Fahreinheit, su Radio Tre, presente lo stesso autore la presentazione del volume "L'Italiano", l'ho acquistato per leggerlo in treno e ci sono rimasto malissimo poiché in buona parte è una "antologia" con una presentazione e un epilogo "furbi". I tanto decantati personaggi che dovrebbero delineare l'italiano sono già stati separatamente presentati in altri volumi del nsr. autore a cominciare dal primo Il Doge, rielaborato e ampliato fino a diventare racconto è presente in "Marco e Mattio" ed.tascabile pg.301; Il Commendatore e Il Padre della patria sono riportati da "Il Cigno" ed. tascabile ripettivamente pp5-15 e pgg123-134; Il Tenore da "Cuore di Pietra" ed.tascabile pgg176-181; Il Trasformista e il Carabiniere da "L'Oro del mondo" ed. tascabile, per il primo una rielaborazione e un ampliamento delle pgg50-51, 157-158 e altre sparse qua e la e per il secondo la riproposizione delle pgg43-44. Non ho a portata di mano gli strumenti per verificare gli altri personaggi del libro, ma di qualcun altro mi pare di avere sentore e quindi a mio modesto avviso onestà intellettuale dell'autore ed onestà dell'editore avrebbe dovuto correttamente segnalare che trattasi, in buona parte di un testo antologico, con alcuni ampliamenti e rielaborazioni, rimandando il lettore con esplicite citazioni alle opere del Vassalli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A schiovere
Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi
Un buon posto in cui fermarsi
Finché divorzio non vi separi
La guerra privata di Samuele
Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù