Narrativa italiana Racconti Troppa importanza all'amore
 

Troppa importanza all'amore Troppa importanza all'amore

Troppa importanza all'amore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Da Napoli a Liverpool, dal silenzio dei genitori alle parole dei figli, dalla magia inconsapevole della seduzione alle controllate omissioni del tradimento, dallo sguardo di chi muore all'allegria di chi rinasce, ogni storia di Troppa importanza all'amore rivela qualcosa su ciò che ciascuno crede di conoscere meglio di chiunque altro: la propria vita. Valeria Parrella torna alla leggerezza della forma breve che ha consacrato il suo successo fin dall'esordio con mosca più balena.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Troppa importanza all'amore 2016-04-29 22:41:48 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    30 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quale vita ed umano destino?

Trovo che il racconto sia un genere letterario unico, incredibilmente efficace non tanto nel narrare una storia, ma nell' evocare vicende umane e nel condensare in poche pagine sentimenti , paesaggi dell' animo, immagini ancorate nella memoria, servendosi di guizzi espressivi, vibrazioni solo accennate, musicalita' dei sentimenti.
Permette di dosare efficacemente ogni singola parola, di esprimersi con immediatezza, di evidenziare il particolare, di dare un volto alle emozioni, di tracciare una via e soprattutto di usare toni, figure retoriche, linguaggi diversi, e sintesi. Per questo è' mirabile, ma anche difficile.
In questo, Valeria Parrella coglie nel segno, la sua scrittura si adatta particolarmente al racconto.
" Troppa importanza all' amore " è' una raccolta di otto racconti brevi, alcuni con costruzione classica, altri semplicemente un soffio di vento, un' idea nella testa, una emozione profonda.
È' la rappresentazione di un microcosmo di vite appena nate, spezzate, sole, abbandonate, inutili, buttate o perennemente in bilico. Attorno un macrocosmo di sentimenti e desideri, di accadimenti e protagonisti, così' diversi per età', estrazione sociale, gusti, comportamenti, ma accomunati da quell' ineffabile ed intenso senso di amore e di desiderio di vivere espresso in forme e modi diversi.
C' e' l' amore materno, quello tradito, per il diverso, per Dio, l' uomo, la natura, se stessi, la famiglia, più' semplicemente per la vita nel suo poliedrico e camaleontico mostrarsi.
Usando un linguaggio che alterna profonda fisicita' a tenera leggerezza, reale e metaforico, si affronta con struggente partecipazione il tema della caducità' del quotidiano, il desiderio di afferrare il tempo prima che sfugga per sempre e l' importanza delle relazioni, siano esse intra-famigliari o con l' esterno, purché' si mostrino nell' autenticità' del proprio destino.
I suoi sono personaggi complessi, tormentati, equilibristi della vita, che non sanno godere a fondo il momento, perché' consapevoli che il contingente non è' come vorrebbero o avrebbero desiderato e, pur mantenendo i piedi per terra, mirano alla profondità' ed alla trascendenza.
Spesso i figli sono migliori dei genitori, non mentono a se stessi, non indossano maschere ne' si accontentano di crearsi un mondo immaginifico, travestito di falsi entusiasmi e bugie intrise di moralismo ( significativo il rapporto genitori-figlia nel racconto " Troppa importanza all' amore ") oppure vorrebbero semplicemente vivere il momento consci che questa è' la sola ed unica vita e va vissuta in ogni istante, prima che sia troppo tardi ( " L' ultima vita ").
Figure femminili tormentate dal proprio passato, alla riscoperta di se stesse, ancora capaci di amare ( " Il giorno dopo la festa " ), perennemente autocritiche ma in grado e desiderose di donarsi per qualcosa di più' grande ( " Gli esposti " ), uomini che ingannano se stessi, indecisi, fragili, un po' bambini, affranti dal dolore del presente e dal ricordo,( " Behave " ), riflessioni sulla caducità' ed inesorabilita' di un tempo che non tornerà ' nell' inevitabile certezza della pena ( " 99.99.9999 " ), in tutti il tormento di una realtà' che sfugge a qualsivoglia definizione, un desiderio di auto-conoscenza e di ritrovarsi, anche solo per un istante.
Ogni racconto è' un piccolo mondo, complesso da cogliere ed assemblare, ma ispirato ad un magico sapore di spiritualita' e squisitezza. La complessità' e meraviglia quotidiana dell' esistere è' Il filo conduttore che lega ed intreccia momenti così' diversi e ne racchiude unicita' ' e visione d' insieme, generando armoniose presenze ed un senso ineffabile di profondita' che ruota attorno a grandi temi , così' semplicemente complessi, ovvero la vita, l' amore e la morte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Troppa importanza all'amore 2016-01-14 18:27:18 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    14 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

8 storie d'amore

8 racconti con argomenti diversi ma tutti con un unico comune denominatore e cioè : l'amore per il prossimo e la capacità di far risaltare personalità e soprattutto umanità dai personaggi principali.
C'è in queste pagine la donna di mezza età che va da anni in pizzeria con la sua anziana madre e scopre di avere un'attrazione fatale per il cameriere e il crescendo di feeling tra i due. Soprattutto c'è Brandon, ragazzo autistico di 35 anni di Liverpool, che aspetta suo padre pescatore sempre in piedi nel pub per paura di non poterlo aiutare o abbracciare. Ma il clou a mio avviso è la badessa di un convento degli esposti che si vede arrivare una donna straniera in forte stato d'indigenza. La donna straniera fugge, lasciando il figlio alla suora, che farà un’azione irrevocabile per divenire mamma di una cosa viva.
Concludo estrapolando un passaggio in cui Madre Pia la suora torna ad essere Silvia... con un bambino in braccio
...""poi se ne andò scendendo a piedi verso il mare, e la città era grande e piena e viva: viva come nessuna altra città. E dentro la città lei era una donna con un neonato attaccato al collo . Vent'anni di matrimonio sono tanti , e lasciarci fa paura anche se ci continua a volere molto bene . Ma poi al bivio, già era , ancora era, tornava a essere Silvia. E Silvia madre era solo un altro tempo di Madre Pia: una donna pratica che non pensò più ai suoi giorni venuti, ma solo a quelli da venire""
Bello

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri