Narrativa italiana Romanzi storici Il mercante di libri maledetti
 

Il mercante di libri maledetti Il mercante di libri maledetti

Il mercante di libri maledetti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È il mercoledì delle ceneri dell’anno 1205 quando padre Vivïen de Narbonne è costretto a fuggire, braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede qualcosa di molto prezioso. Inizia così l’avventuroso viaggio di Ignazio tra Italia, Francia e Spagna, sulle tracce di un manoscritto che qualcuno pare abbia smembrato in quattro parti e accuratamente nascosto. Solo chi è in grado di risolvere complicati enigmi, e di decifrare strani messaggi disseminati nel percorso che conduce al libro, potrà trovarlo e accedere ai suoi segreti.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 56

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (56)
Contenuto 
 
2.7  (56)
Piacevolezza 
 
3.3  (56)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il mercante di libri maledetti 2016-01-09 14:20:22 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    09 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla ricerca del libro perduto

Ci troviamo nel medioevo e seguiamo un gruppo di uomini che interpretando una serie di enigmi cercano di rimettere assieme le quattro parti del fantomatico Uter Ventorum. Si tratta di un libro che sembra faccia perdere la ragione a questi antichi cavalieri solo all'idea di possederlo, Si racconta infatti che contenga le formula per evocare gli angeli e per acquisire poteri enormi.
Libro interessante dove si alternano enigmi con le relative soluzioni, e momenti di azione con combattimenti, inseguimenti e salvataggi fortunosi. Nonostante i personaggi siano parecchi e la trama intricata Simoni è riuscito a rendere il tutto chiaro e semplice, quindi le parole scorrrono veloci davanti agli occhi.
Peccato per il finale: sembra quasi sia stato buttato lì tanto per finire in qualche modo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il mercante di libri maledetti 2015-06-16 14:04:15 Filippo1998
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Filippo1998 Opinione inserita da Filippo1998    16 Giugno, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla ricerca del mistero degli Angeli

Ho deciso di affrontare questo romanzo di Marcello Simoni per puro caso, rinvenendolo in un mercatino dell’usato a un prezzo stracciante.
Trama intrigante, detentore di premi piuttosto importanti, spacciato per un successo internazionale è comunque un romanzo criticato dalla maggioranza per banalità, lacunosità. Insomma , non che mi aspettassi granché da “Il mercante di libri proibiti”, peraltro esordio di uno scrittore emergente.
Invece, già dall’ inizio, è stata una vera bomba di emozioni. Forse perché le letture precedenti mi avevano entusiasmato poco, forse perché non sono un lettore troppo pretenzioso, fatto sta che fin dalle prime pagine ne sono rimasto piuttosto soddisfatto.
Marcello Simoni ci accompagna in un tour tra biblioteche, cattedrali, monasteri in giro per l’Italia e la Spagna. L’atmosfera è quella tipicamente medievale, in cui si sente odore di scartafacci, pagine invecchiate, candele , ma soprattutto mistero, sapienza. Descritto da molti storici contemporanei come un periodo pessimistico, il Medioevo, al contrario, è un momento in cui speranza ,fede spingono l’uomo persino oltre i propri limiti pur di giungere alla VERITA’. E in ciò c’è ben poco di pessimistico.
In questo caso la tanto anelata verità si cela tra le pagine di un manoscritto, l’Uter Ventorum, letteralmente “Otre dei venti”, in grado di far evocare entità angeliche a chi ne entri in possesso.
A desiderarlo fortemente ci sono più persone: Ignazio, mercante di reliquie e libri dal passato poco chiaro, mente acuta e spiccante intelligenza , motore d’azione di tutto il romanzo; Vivien, vecchio amico e “collega” di Ignazio; la Saint Vehme, una congregazione segreta che affonda le proprie radici ai tempi di Carlo Magno, nata con il nobile fine di mantenere l’ordine nell’impero, che però nel tempo è andata incontro alla degenerazione. Guidati da un leader di cui non si conosce l’identità, e semplicemente chiamato “dominus”, perseguitano Ignazio e chi come lui vuole il manoscritto, indossando maschere appariscenti e vesti nere.
Sin dalle prime pagine i ruoli appaiono ben chiari: si riconoscono i buoni e i cattivi, o almeno si è convinti di riconoscerli. Non mancano, infatti, i colpi di scena che animano un giallo-storico dal ritmo concitato, capace di catturare il lettore. I capitoli brevi, la lingua scorrevole contribuiscono sicuramente a rendere il tutto ancor più piacevole.
La parola che più si addice a questo esordio di Marcello Simoni è, quindi, senza ombra di dubbio, PIACEVOLEZZA.
Non è così per quanto riguarda i contenuti. In questo senso le mie aspettative anche se medio-basse sono state deluse. Come ho già affermato siamo di fronte a un “giallo-storico”: sul fatto che sia un giallo, niente da discutere. La suspance non manca- anche se a tratti la trama è un po’ prevedibile , gli enigmi un tantino forzati- e il tema centrale è sicuramente quello della ricerca.
Ma di storico ha molto di meno. Lo sfondo medievale è un po’ come l’aroma di un mazzo di fiori : a tratti si sente, l’autore lo avvicina al naso del lettore, ma per poi allontanarglielo per la maggior parte del tempo.
Avrei gradito excursus storici, digressioni sulle cattedrali, sui dipinti, sui luoghi visitati.
Il risultato è un romanzo un po’ annacquato, sicuramente non paragonabile a “Il nome della rosa”, ma inaspettatamente molto piacevole, in grado di catturare.
Se cercate una lettura relativamente rapida e non troppo impegnativa “Il mercante di libri maledetti” fa al caso vostro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Grimpow
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2014-09-28 07:28:16 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    28 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL mercante dei libri maledetti

Un giallo storico, ambientato nel basso medio-evo, di facile e scorrevole lettura, anche dovuta alla brevità dei capitoli, in cui si susseguono in maniera incessante intricati enigmi indirizzati alla ricerca di un potere magico e soprannaturale celato tra le pagine di un libro fantasioso che vari gruppi di persone sono disposte a rischiare la vita pur di venirne in possesso; la trama è avvincente per la quasi totalità del romanzo, ma la fine dello stesso lascia a desiderare, e perde di mordente, per la banalità e piattezza della narrazione. Avrebbe meritato un consenso superiore qualora maggiormente curato nei dettagli finali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2014-08-16 10:26:54 paola melegari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    16 Agosto, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UTER VENTORUM

Chi ama le ambientazioni medioevali, e le avventure di personaggi leali e coraggiosi, contrapposte a intrighi di potere, troverà pane per i suoi denti in questo romanzo – triller.
La bramosia per il ritrovamento di un testo ‘’uter ventorum’’ l’otre dei venti, è il fulcro del racconto.
Un mercante di reliquie ispanico, Ignazio da Toledo, uomo colto , scaltro e leale; un fedele amico franco –arabo, Willame, scampato ad una strage compiuta dai crociati, durante l’ultima guerra santa, Uberto, giovane studioso, cresciuto nel monastero di S. Maria del mare, Venezia.
Dopo quindici anni trascorsi a fuggire dalle grinfie dei Veggenti, interessati al ritrovamento del famoso libro Uter Ventorum che sembrerebbe in grado di donare potere inaudito grazie all’evocazione degli angeli, Ignazio e Willame giungono Venezia, siamo nel milleduecento diciotto.
Un monaco, Vivien de Narbonne, grande amico di Ignazio, è scomparso da tredici anni , creduto morto, ma molti indizi fanno pensare il contrario.
Inizia così la ricerca del testo che contiene ricette per le evocazioni celestiali, su commissione di un abate…… insomma non si può raccontare, si deve leggere.
Sconcertata dalle recensioni negative, credevo di essere atterrata su un pianeta sconosciuto, in quanto non riuscivo a smettere di leggere il romanzo in questione, affascinata dalla storia e dai personaggi.
Improvvisamente, vedo , guarda caso, una maschera rossa, (come quella del triller?) icona di bruno elpis scoprendo che il libro è piaciuto tantissimo anche a lui.
Rincuorata da ciò ho ritenuto di essere ancora sulla terra, anche se la storia mi aveva catapultata nel medio evo.
A parte gli scherzi , se tutti i libri brutti contano almeno sessanta recensioni qui su qlibri, credo che Marcello Simoni possa ritenersi soddisfatto.
Concludendo, ho apprezzato molto questo triller, mi ha coinvolta , ho amato i suoi protagonisti .
Interessante la questione relativa alle reliquie, che per lo più erano solo bufale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
la cattdrale del mare- il codice da vinci..................
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2014-06-15 19:52:55 Ottavio
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Ottavio    15 Giugno, 2014

Grossa delusione

Sono rimasto molto deluso da questo romanzo, e oltre a ciò mi sento anche ingannato. Sicuro di avere effettuato un buon acquisto, convinto soprattutto dalla solita fascetta che riporta la scritta "sedici edizioni in tre mesi, enigmatico come il nome della rosa eccetera eccetera" credevo di avere tra le mani un bel romanzo, coinvolgente e appagante ma così non è stato. Anche a causa della campagna pubblicitaria, cui ricordo mesi fa ne era stato protagonista. Senza dimenticare naturalmente il titolo di vincitore del premio bancarella 2012.
D'altra parte questa mia ennesima recensione penso sia inutile, considerate le altre sessanta che mi precedono, tuttavia ho voluto comunque dire la mia proprio a causa della delusione in cui sono incappato.
La trama innanzitutto non è nulla di che, non aggiunge niente di innovativo, nessun nuovo genio della letteratura italiana all’orizzonte. Certamente questo non è un problema, si sa che non è certo cosa facile inventarsi qualcosa di nuovo, per cui va benissimo usare clichè usati e strausati, a patto però di gestire il tutto con una certa capacità. In altre parole, preferisco un film con una trama "normale" e curato, piuttosto che un film zeppo di effetti speciali strabilianti e una trama inesistente.
Così abbiamo una trama semplice che purtroppo non riesce a svilupparsi in modo coinvolgente, con dei protagonisti che si muovono su binari prevedibili, facendo, dicendo, e comportandosi in modo scontato. Questo è un peccato perché se i personaggi avessero avuto un briciolo di spessore in più, il romanzo sarebbe stato molto più bello. Invece abbiamo una girandola di individui poco approfonditi, quasi degli sconosciuti che si aggirano per pagine e pagine come se fossero, per la mente del lettore, quasi degli estranei. E' come guardare un film senza audio: non si riesce ad affezionarsi ai protagonisti. E poi sono eccessivamente stereotipati: Willalme per esempio è il tipico "cavaliere medievale senza macchia e senza paura" uomo d'arme di consumata esperienza che (naturalmente) non sbaglia una parata e non manca una stoccata. Insomma, quando arriva lui siamo tutti tranquilli, Ignazio è in una botte di ferro cosicché si intuisce che nessun colpo di scena potrà mai arrivare da questa parte.
Carine sono le descrizioni dei paesaggi ed è apprezzabile che l'autore ricami con frasi ricercate il sorgere di un alba o quant'altro, ma tutto questo dura poco. Procedendo con la lettura questa eleganza gergale scompare, peccato.
La parte che mi interessava davvero, cioè gli enigmi "alla Umberto Eco" mi hanno procurato la delusione maggiore. In un contesto storico cupo e misterioso come questo, in cui abbondavano le superstizioni, e il lettore si immagina pergamene ingiallite e dimenticate, sotterranei umidi mal illuminati da qualche fiaccola e rituali misteriosi, personalmente mi aspettavo molto di più.
Invece, ne emerge solo qualche indovinello, a dire il vero pochi e semplici, risolvibili per giunta in pochissimo tempo e senza fatica. Questo sottolinea ancora una volta la superficialità dell'insieme. Peccato di nuovo, se l'autore avesse speso un trimestre in più nello descrivere e particolareggiare meglio il romanzo sarebbe stata una gran cosa.
Va bene, è il suo primo lavoro, ci sta tranquillamente.
Ultima considerazione: quando finisco di leggere un buon romanzo mi rimane per qualche giorno l'attaccamento al protagonista, il piacere di aver letto una storia decisamente piacevole, un marcato senso di soddisfazione, ecco.
Quando ho finito questo, il pomeriggio successivo l'avevo già dimenticato. Non mi ha lasciato nulla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
solo a chi può interessare un lavoro di Dan Brown in versione mooolto annacquata.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2014-03-01 11:49:28 Carlo Bisecco
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Carlo Bisecco Opinione inserita da Carlo Bisecco    01 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mercante di libri maledetti

"Il mercante di libri maledetti" è il romanzo di esordio del giovane scrittore italiano Marcello SImoni.
Questo romanzo narra delle avventure di Ignazio da Toledo, mercante di reliquie, nella ricerca di un misterioso quanto pericoloso libro, l' Uter Ventorum.
Nella sua ricerca sarà affiancato dal francese Willalme e da Uberto, un giovane ragazzo che viveva in un monastero italiano e di cui si scoprirà alla fine qualcosa di molto importante.
Lo stile è semplice e ricercato contemporaneamente, con una ricerca attenta ai termini migliori da usare per trasmettere nel giusto modo il messaggio.
Il contenuto è pienamente soddisfacente, una bella storia con una trama semplice ma d'effetto.
Ho trovato questa lettura molto piacevole e leggera, perfetta come pausa dopo un libro un po' più impegantivo.
COnsiglio la lettura a chiunque abbia voglia di passare del tempo in compagnia di un libro di non troppe pretese ma sicuramente appassionante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2013-12-16 15:43:26 Andrea Offredi
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Andrea Offredi    16 Dicembre, 2013

Sotto le aspettative

Non mi dilungherò in una recensione dettagliata, vorrei solo ragguagliare coloro i quali stessero per iniziare a leggerlo di non farsi troppe aspettative.

Fosse stato un volume trovato in qualche angolo e mezzo sconosciuto sarebbe stato quasi piacevole, tuttavia iniziandolo dopo essere stato quasi bombardato da giudizi positivi e pubblicità insistente la lettura è stata deludente.
Tengo anche a precisare che sfortunatamente per questo libro, è stato iniziato iniziato dopo aver appena riletto IT, il piccolo principe e Dune, quindi poverino si è trovato a dover reggere il confronto con dei giganti, dei titani anzi.

L'impressione che ho avuto leggendolo subito dopo questi elencati è che l'intreccio fosse inesistente e la trama seppur carina non particolarmente coinvolgente. Immedesimarsi con i personaggi non è stato possibile nonostante ne avrei avuto piacere . Aggiungerei anche che manca di ritmo, il libro è abbastanza veloce, ma mantenendo sempre la stessa velocità relativamente alta si perde la percezione del mutamento non essendo alternata a momenti di tranquillità, se non forse un capitoletto. Non fraintendete, non è un brutto libro, tuttavia (indipendentemente dalle vendite) non lo farei rientrare nella categoria best seller. Mi spiego meglio, per best seller non intendo letteralmente campione di vendite o il libro che va di moda che piace a tutti e quindi vende. Per best seller intendo quei libri destinati a diventare pietre miliari della narrativa, o che semplicemente rileggereste volentieri dopo qualche anno.

Ok, mi son dilungato troppo: il mio suggerimento è questo: se non avete grosse aspettative e cercate una lettura leggerissima per tenervi compagnia sul treno sicuramente leggerlo male non va e può risultare piacevole se non lo caricate di aspettative. Se cercate qualcosa che vi rapisca ed assorba, almeno basandomi sulla mia esperienza, non consiglierei questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Beh, a chi piace il genere DanBrown (da dopo cripto) questo libro potrebbe piacere. Intreccio assente, abbastanza veloce e con un minimo di colpi di scena.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2013-08-24 15:43:02 Gloria Zoroddu
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Gloria Zoroddu Opinione inserita da Gloria Zoroddu    24 Agosto, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lettura spensierata.... forse anche troppo

Il mercante di libri maledetti narra la storia di un venditore ambulante di reliquie indotto da un misterioso e sfuggente amico a cercare il cosiddetto libro degli angeli, che si sussurra possa conferire poteri straordinari. Ad accompagnarlo il fedelissimo guerriero francese Willalme, dal passato oscuro e un giovane brillante ragazzino, Uberto. La vicenda si svolge in Italia, Francia e Spagna, nel medioevo, tra villaggi polverosi, monasteri e città caotiche. A movimentare il racconto, la presenza di una violenta setta di fanatici, sempre all’inseguimento dei tre, e disposti ad ottenere il libro ad ogni costo.
La copertina del romanzo recava una serie di elogi strabilianti, che arrivavano a definire l’autore “il nuovo Umberto Eco”. Mi sono sembrati subito fuori luogo e spropositati. Io da grande superficiale giudico quasi sempre il libro dalla copertina. Penso che se un’opera sia grande e seria al punto giusto non abbia bisogno e non ritenga corretto servirsi di questi strumenti un pochino furbi.
Il Mercante di libri maledetti si legge in modo scorrevole e leggero. Forse anche troppo. Ho letto il romanzo in una settimana di fuoco, con tre grossi esami sulle spalle, senza il minimo sforzo mentale. Questo può significare solo due cose: o lo scrittore è un nuovo genio del nostro tempo, di quelli capaci di sintetizzare contenuti di notevole spessore in una storia agevolissima…. Oppure il libro è decisamente troppo leggero, sotto ogni punto di vista. Propendo più per la seconda.
La storia non è brutta, ma secondo me banale. Sembra la copia mal riuscita dei romanzi di Dan Brown. I personaggi hanno i loro caratteri, che vengono però enfatizzati all’eccesso, originando non persone vere, ma stereotipi. E’ difficile affezionarsi a loro e dunque al romanzo.
Ignazio de Toledo è il tipico intellettuale misterioso e eversivo, osserva il mondo dai suoi profondi occhi azzurrini. Un’idea carina se vogliamo, a cui l’autore non è riuscito a dare la giusta veridicità.
Segue Willalme, eroe forte e vigoroso, banale nel suo passato misterioso.
Il personaggio secondo me più ben riuscito e Uberto il giovanissimo della combriccola. Pur sforzandosi si riesce a percepire la fragilità della sua giovane età e tutti i suoi sogni.
Nel Mercante di libri maledetti sono presenti due cattivi di cui non posso rivelare il nome. Uno di questi, la cui posizione è potente e temibile non fa affatto paura e probabilmente dovrebbe.
Il romanzo è scritto sicuramente bene. Ho trovato piacevoli le descrizioni paesaggistiche. Però anche nella scrittura, ahimè, ho qualcosa da ridire. Nelle primissime pagine si percepiva lo sforzo dello scrittore, che in esse ha concentrato descrizioni poetiche e suggestive e quant’altro, come se dovesse riempire il vaso di pandora. Ha cesellato ogni particolare. Poche pagine dopo, quasi come un palloncino sgonfiato, il tutto si è abbassato di tono. Lo stacco era troppo evidente. Non so voi, ma queste cose un lettore non le dovrebbe notare, è stato un errore un po’ da dilettanti.
DUNQUE COME CONCLUDERE? Non mi sento di dire che è un libro brutto. Semplicemente, dopo la lettura non ti da nulla: niente di buono né di cattivo. L’ho dimenticato davvero troppo in fretta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Chi vuole una lettura leggera, che faccia passare il tempo senza pensare.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2013-05-07 21:14:41 Gino
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Gino    07 Mag, 2013

Insulso, e di una bruttezza imbarazzante

Chi scrive bene di questo libro o non ha mai letto un bel libro oppure è in mala fede. Se in Italia esistesse la meritocrazia vera (se non fosse solo una parola del vocabolario), solo un editore a pagamento lo avrebbe pubblicato. Tecnica? quale? Stile? vomitevole. Pathos? zero. Trama? risibile. Sembra uno di quei fantasy opera di quindicenni in cui i protagonisti girano da un posto all'altro tanto per riempire le pagine. E poi, qualche chicca: in questo "libro" i protagonisti non "dicono" (disse tizio) quasi mai ma soprattutto "proferiscono" (proferì tizio!), poi qualcuno dovrebbe spiegare all’autore che non è perché la storia è ambientata nel medioevo allora il narratore si deve esprimere allo stesso modo invece che in un italiano semplice e moderno... guarda che se scrivi semplicemente “carro” non ti arresta nessuno; i "cattivi", nel 1200 pare abbiano il rilevatore satellitare, e ovunque vadano i buoni (Italia, Francia, Spagna) manco un'oretta ed ecco che vengono ritrovati dai "cattivi”.
Dicevamo dello stile: “La notte si diluiva in un mattino grigio e senza luce”, va be’ ci può stare ogni tanto… poi “Il sorriso ambrato del mattino coloriva i tetti di Venezia”, uffa… “La luce dell’alba iniziava a insinuarsi nei sobborghi di Tolosa” qui va già meglio, ma “L’alba coronava i Pirenei con la sua luce dorata, metallo incandescente in procinto di liquefarsi e di colare sui pendii in budelli di fuoco” no comment… “Sebbene la luce pomeridiana indorasse ogni angolo della camera”, no comment… “La calura di fine agosto languiva dopo il tramonto” basta!, “La notte si dissolveva nel torpore di un cielo rosato”, mi fermo qui…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
roba come La notte eterna del coniglio, Il vangelo dei vampiri
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mercante di libri maledetti 2013-03-26 12:15:55 Fonta
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    26 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

VENEZIA-SANTIAGO CON IL MERCANTE

Ignazio da Toledo è un uomo colto, imprevedibile e dalle mille intuizioni. Appassionato di libri da anni gira per il mondo alla ricerca di reliquie di Santi e manoscritti che richiamano varie credenze e culture.

Willalme de Bezièrs è un combattente prodiglioso, dalle fattezze nordiche ma, dalle armi arabe, parla poco e segue Ignazio come una ombra, molti i misteri sul suo passato.

Uberto è un ragazzo, sveglio ed intelligente. E' stato allevato dai confratelli del monastero di Santa Maria del Mare, essendo il pargoletto di genitori ignoti. Ma la carriera ecclesiastica non si confà alla curiosità ed alla voglia di scoperta del giovane.

Questi sono i protagonsti che la penna di Simoni mette sulle tracce di un libro l'"Uter Ventorum", che si narra, abbia il potere di evocare gli Angeli del Cielo.
Ma sul libro non ci sono solo il mercante di relique ed i suoi due compagni d'avventura, ombre di una misteriosa confraternita, disposta a tutto per avere il prezioso scritto seguono la compagnia, lasciando scie di terrore e di sangue.

Un buon esordio questo di Simoni, un libro diretto e ben strutturato, alcuni passaggi ed il finale possono sembrare scontati ma, la struttura è ben architettata e alcuni colpi di scena sono molto efficaci.

Il libro mi ha preso e devo dire che l'avvincendarsi di rapidi capitoli mi ha invogliato a divorarli in maniera rapida.

Non credo sia un capolavoro da paragonare ad Eco o a Follett, questo no di sicuro ma, è un lirbo dinamico con un'ambientazione storica interessante.

Francamente, nonostante il Premio Bancarella, come autore di thriller storici, preferico Colitto a Simoni, ma questo è un mero giudizio personale.Rimane comunque un buonissimo esordio ed un libro che si lascia leggere con piacevolezza.

Buoan lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i romanzi di Alfredo Colitto
Trovi utile questa opinione? 
141
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri