La steppa La steppa

La steppa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La steppa è il viaggio in carrozza di un ragazzino di campagna, Egóruska, che la madre ha mandato a studiare al ginnasio di una grande città: l'immensa steppa ucraina, gli incontri a sorpresa lungo il viaggio, le sensazioni incantate del ragazzino, il bagno nel grande e placido fiume, le soste, i paurosi racconti dei contadini. Scritto nel 1888, all'età di ventotto anni, Cechov considerava questo racconto il suo capolavoro; giudizio peraltro condiviso anche da altri scrittori come Leskov e Saltykov-Sedrin, che lo paragonarono a Gogol' e Tolstoj. «Vai, vai, guardi avanti, la steppa è sempre la stessa steppa sconfinata che era prima: non si vede la fine!».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La steppa 2018-10-17 07:20:35 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    17 Ottobre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio reale ma anche simbolico

"Ma ecco, alla fine, quando il sole incominciò a calare, la steppa, i colli e l'aria non sopportarono più l'oppressione, ed esaurita la pazienza, tormentati sino all'ultimo, tentarono di gettare via il giogo. Di là dai colli, inattesa, comparve una nuvola grigio-cenerina ricciuta. Essa scambiò occhiate colla steppa, come per dire «io sono pronta», e diventò cupa. Improvvisamente nell'aria ferma si ruppe qualche cosa, con violenza passò il vento e con rumore e fischi turbinò per la steppa. Immediatamente l'erba e la stoppia dell'anno prima si ribellarono, sulla via una nuvola di polvere s'attorcigliò a spirale, irruppe di corsa e, trascinando con sé le paglie, le cicale e le piume, come una nera colonna rotante si alzò verso il cielo e offuscò il sole." Lasciate da parte i personaggi e le loro storie per immergervi in una lettura nella quale conta soltanto l'ambientazione. Cechov ribalta quella che è la normale struttura di un romanzo in cui uomini, donne, bambini sono al centro dell'attenzione e il paesaggio è mera scenografia, mettendo quest'ultimo sul piedistallo e relegando il resto a ruoli di secondaria importanza. Protagonista indiscussa dell'opera del grande scrittore russo, come si può dedurre già dal titolo, è infatti la steppa. Un orizzonte lontanissimo racchiude un paesaggio immensamente ampio in cui lo sguardo umano si perde. La natura regna incontrastata, distese infinite di erba intervallata da piccoli arbusti e qualche raro alberello, animali di diverse specie che si affacciano di tanto in tanto, intenti a seguire il proprio istinto. All'improvviso, inaspettato, appare un piccolo specchio d'acqua, o un fiumiciattolo. Il sole picchia forte ma in un attimo il cielo può rabbuiarsi e improvvisi arrivano i tuoni a preannunciare un violento acquazzone. Oltre a descrivere in maniera affascinante un ambiente che spesso e a ragione, nell'immaginario collettivo, è legato ad immagini poco amene, l'autore fa in modo di trasformare la steppa in un vero e proprio essere vivente, in cui i vari suoni si uniscono in una sola voce, le piante si fondono in un unico corpo attraversato, come fosse il sangue che scorre nelle vene, da animali, uomini, corsi d'acqua. In questo contesto, a far da pretesto alle magnifiche descrizioni, seguiamo il viaggio del giovane Iegorusca, un ragazzino orfano di padre che la madre manda lontano da casa a studiare, con la materna, amorevole speranza di fargli avere un avvenire sereno. Lo accompagnano lo zio Ivan Ivanic, avaro mercante con la testa persa sempre e solo negli affari, e padre Cristoforo, pacifico e affabile vecchietto sempre pronto ad avere una buona parola per tutti. Durante il cammino, il giovane incontrerà personaggi di ogni risma che scateneranno in lui diverse emozioni. Mercanti, tavernieri, conducenti, vagabondi, pastori, cacciatori. Un'accozzaglia di gente che più che vivere tenta di sopravvivere agli stenti, alla fatica, alla noia, affidandosi ai ricordi e spesso trovandosi costretta ad inventarli, in un mondo ostile, arido, indifferente di cui la steppa sembra una vera e propria allegoria. Ma i sentimenti che più animano Iegorusca per tutta la durata del viaggio sono la nostalgia per la vecchia vita e la paura e l'incertezza per quella a venire, che torturano il suo animo portandolo spesso alle lacrime e segnando questo suo cammino che, oltre ad essere reale, fisico, è anche un percorso simbolico nel lungo, impervio, inesorabile viaggio che è la vita. "Quando fu sulla porta della corte, Ivan Ivanic e il padre Cristoforo, agitando l'uno il bastone curvo, l'altro il bastone da prete, svoltavano già la cantonata. Iegorusca sentì che con quelle persone per lui svaniva per sempre, come fumo, tutto ciò che finora era stata la sua vita passata; e cadde accasciato sopra un sedile e con lacrime amare salutò la nuova ignota vita che adesso incominciava per lui... Come sarà quella vita?"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri