Narrativa straniera Racconti Single, frivole, pronte a tutto
 

Single, frivole, pronte a tutto Single, frivole, pronte a tutto

Single, frivole, pronte a tutto

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Brillanti e un po' naïve, immature e stralunate, ecco le ragazze protagoniste dei racconti più irriverenti dell'anno. Maya ha un fidanzato, poi le piacciono parecchio anche il capo e il veterinario; Haley sta per sposare Tony, ma ha un amante con lo stesso nome che si intrufola in casa sua passando dalla finestra; Nina ha quarant'anni, però emotivamente si sente sulla stessa lunghezza d'onda della figlia che ne ha sedici... In spavaldo equilibrio tra l'anagrafe e la resistenza a diventare adulte, sempre scollegate dalla fiaba a lieto fine, le ragazze di Katherine Heiny amano gli uomini e il sesso, i cani e i dolci. Sono buffe, scombinate, disarmanti. Proprio come noi e le nostre amiche.



Recensione della Redazione QLibri

 
Single, frivole, pronte a tutto 2015-09-04 19:37:44 Mario Inisi
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    04 Settembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alcuni racconti sono belli

“Raggiunse l’auto e aiutò Bailey a sistemarsi sul sedile del passeggero. Poi si sedette al volante ma non mise in moto. Pensò che un giorno, forse molto presto, sarebbe stata single, frivola, pronta a tutto e senza cani, libera di uscire con professori grassottelli, veterinari, e chiunque altro le fosse piaciuto. Desiderò che quel pensiero la rendesse felice. Desiderò di provare qualsiasi altra cosa tranne che quel purissimo, plumbeo, fosco senso di tristezza.”

E così fu, purtroppo. Nei racconti di Cheever, a cui l’autrice è stata paragonata, il fascino viene proprio da quel purissimo, plumbeo, fosco senso di tristezza la cui perdita forse migliora la vita ma peggiora la letteratura.
I primi racconti della raccolta sono proprio belli perché pur fotografando situazioni tutte abbastanza simili di ambiguità/ nebulosità/ polivalenza sentimentale hanno un’incrinatura umorale che potrebbe anche ricordare Cheever. I primi racconti hanno un tocco magico e particolare che giustifica l’attenzione sull’autrice e io credo che siano i primi che ha scritto perché la protagonista è più giovane. Purtroppo la maggior parte dei racconti successivi (dopo pag 90) risulta piatta, nel senso che l’incrinatura emotiva adolescenziale si perde e resta una superficialità grigia, una banalità sentimentale, l’ essere pronta a tutto ( ma non single) nel senso di pronta ad agguantare tutto dal punto di vista affettivo/sessuale. Il fatto di non avere scrupoli e sensi di colpa è disturbante perché non ci sono ostacoli, non ci sono mutamenti emotivi interessanti nelle storie. L’aggettivo frivolo rende abbastanza bene l’idea del tipo di storia. Il tocco ironico molto leggero dell’autrice è troppo rarefatto per compensare il disagio della piattezza dei racconti. Si tratta quasi sempre di storie di relazioni extraconiugali o di relazioni immaginate, o di relazioni parallele a quella ufficiale tutte vissute in totale assenza di scrupoli con la convinzione che avere la protagonista al fianco compensi automaticamente il compagno di qualsiasi perdita.
Leggendo i primi racconti con il loro fascino umorale mi chiedevo come mai l’editore avesse preferito presentare il libro come “i racconti più irriverenti dell’anno”.
Però leggendo i racconti successivi credo che l’editore abbia rinunciato alla fascia dei lettori di Cheever preferendo un pubblico più portato alla lettura di evasione.
In ogni caso i primi racconti sono belli e meritano di essere letti anche dai lettori di Cheever. Particolarmente carino è il racconto Come dare l’impressione sbagliata in cui una ragazza fa credere alla famiglia/ amici che il compagno di stanza sia il suo fidanzato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa