Narrativa straniera Romanzi storici Il giardino delle bestie
 

Il giardino delle bestie Il giardino delle bestie

Il giardino delle bestie

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Questo libro narra della storia vera di William E. Dodd e di sua figlia Martha, un padre e una giovane donna americani che si ritrovano improvvisamente trapiantati dalla loro accogliente casa di Chicago nel cuore della Berlino nazista del 1934.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giardino delle bestie 2022-07-31 15:24:03 Jari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Jari Opinione inserita da Jari    31 Luglio, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due americani nella Berlino nazista

Il giardino delle bestie, alias il Tiergarten, è un delizioso e godibilissimo racconto a forti tinte documentaristiche ambientato nella Berlino dei primissimi anni dopo l'ascesa al potere di Hitler. Lo definirei un racconto corale, nel senso che non vi sono protagonisti assoluti nella narrazione. Certo, l'ambasciatore americano William E. Dodd e sua figlia Martha la fanno da padroni e meritano qualche caratterizzazione in più. Dodd è il classico integerrimo cittadino americano, innamorato della storia, delle tradizioni e della vita di campagna che, per esplicita volontà di Roosevelt (e anche perché una lunga lista di altri candidati preferibili a Dodd non si è dimostrata disponibile) si trova catapultato nella Germania nazista ed assiste quasi senza potersi opporre al consolidamento del regime fra epurazioni e parate. Quasi, perché nel suo piccolo cerca in ogni modo di adoperarsi per fare da mediatore all'inizio e poi, appena si rende pienamente conto che a governare la Germania è un clan di folli assetati di morte, cerca di avvisare il suo governo della minaccia che incombe sull'Europa, ma rimane inascoltato come una moderna Cassandra. E che dire di Martha, la figlia. Donna volubile, libera, innamorata di quanto di bello la vita possa offrire, senza compromessi. Ma anche ingenua certo, dato che prima si fa completamente accecare dalla cosiddetta rivoluzione nazional socialista e ne abbraccia con forze le aspirazioni e le logiche. Poi quando anche lei si accorge della verità, sembra abbracciare gli ideali del comunismo, anche dopo la fine della sua esperienza berlinese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giardino delle bestie 2012-11-07 15:11:01 silvia71
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    07 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vita da ambasciatore

Si tratta di un'opera pubblicata lo scorso anno negli Stati Uniti, riscuotendo un notevole interesse.
Lo scrittore Erik Larson ci propone la storia del professor William Dodd, mite docente universitario, cui venne proposto un ruolo scottante e scomodo nel '33, ossia la poltrona di ambasciatore americano a Berlino.

Il lavoro di ricostruzione è meticoloso e valido, grazie all'utilizzo dei documenti diplomatici dell'epoca, dei diari personali, delle lettere intercorse tra l'ambasciatore e le più alte cariche politiche statunitensi e tedesche.
La forma assunta dall'opera si colloca tra un saggio e un romanzo; ossia, la minuziosità dei dati riportati e la trascrizione di interi stralci dai dispacci originali dona una connotazione di stampo giornalistico e documentaristico, tuttavia alcuni tratti della famiglia Dodd e la ricostruzione di taluni eventi risentono del completamento narrativo da parte della penna dell'autore.

E' un libro interessante sotto diversi punti di vista.
In primo luogo scopre alcuni atteggiamenti americani di cui la storia non ha mai riferito apertamente; come il primario interesse statunitense a pressare la Germania per saldare gli ingenti debiti accumulati dopo la prima guerra mondiale.
In seconda istanza, Larson svela il discreto disinteresse americano per la questione ebraica; un tema caldo che venne sottovalutato per lungo tempo oppure su cui si preferiva non contrastare i tedeschi per preservare interessi economici e per non prestare il fianco ad eventuali critiche in merito alla spinosa questione interna riguardante la difficile integrazione della popolazione di colore, neo triste e doloroso per la storia americana.
Inoltre il ripercorrere da vicino l'esperienza tedesca di Dodd e famiglia dal '33 al '37, ci fornisce una verace fotografia della Germania nazionalsocialista; della vita politica e sociale, del consolidarsi del potere nelle mani di Hitler, delle lotte intestine all'interno del partito del Fuhrer, dell'aumento esponenziale della violenza e della repressione nei confronti degli oppositori, del radicarsi del sentimento antisemita.

Più che buona la caratterizzazione del personaggio Dodd, ritratto con estremo realismo e reso umano dalla mano del narratore; un uomo colto nell'intimo delle aspirazioni, delle passioni, degli affetti, ma anche dei rancori e delle delusioni.
Un uomo rivelatosi troppo integro ed onesto per ricoprire un ruolo complesso in uno dei periodi più difficili e cruenti della storia; un uomo incapace di piegarsi alla “ ragione di stato”, bensì avvezzo ad essere sincero con se stesso e con gli altri, tanto che una volta comprese le reali intenzioni di Hitler, gli divenne impossibile tacere tutta la sua riprovazione ed il suo dissenso, cui fece da contraltare una sorta di muro di gomma da parte dei vertici politici americani ed il conseguente ostracismo.

Senza dubbio è una lettura per appassionati di storia, ma costituisce un invito per chiunque volesse avvicinarsi ad approfondire aspetti poco conosciuti del nostro passato, oserei dire addirittura taciuti.
Tanti gli spunti di riflessione ed un'ottima occasione per mettere a fuoco il ruolo chiave delle diverse potenze e delle ingerenze diplomatiche nel corso della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo