Narrativa straniera Romanzi Il signor Cardinaud
 

Il signor Cardinaud Il signor Cardinaud

Il signor Cardinaud

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

«Lui non aveva ancora quindici anni e già l’amava. Non come si ama una donna ma come si ama un essere inaccessibile. Come, al tempo della prima comunione, aveva amato la Madonna». Alla fine Hubert Cardinaud è riuscito a sposarla, quella Marthe «di cui tutti dicevano che si dava delle arie». Così com’è riuscito, lui, il figlio del cestaio, a diventare un distinto impiegato: uno che la domenica, all’uscita della messa, scambia saluti compunti e soddisfatti con i conoscenti e poi, dopo essersi fermato in pasticceria a comprare un dolce, torna a casa dove la moglie sta cuocendo l’arrosto con le patate. Una domenica, però, trova l’arrosto bruciato e la casa vuota – e gli crolla il mondo addosso. Non gli ci vorrà molto per scoprire che Marthe se n’è andata con un poco di buono, e che tutti in città lo sanno, e lo compatiscono, e pensano che sia un uomo «finito, annientato». E invece no. Hubert decide di ritrovare Marthe, a ogni costo, di bere «il calice fino alla feccia». Simile a «una formica ostinata che segue ostinatamente la sua strada, il suo destino, e che, ogni volta che il carico le sfugge, lo afferra di nuovo, pur essendo quel carico più grosso di lei», andrà a cercare Marthe, perché il suo posto è lì, «accanto a lui e ai bambini», e perché confida «nel trionfo del bene sul male, nella supremazia dell’ordine sul disordine» – «nell’inevitabile, fatale armonia». Con la consueta acutezza psicologica, e una sorta di ammirata partecipazione, Simenon ci racconta di un amore eroico, capace di non indietreggiare di fronte al tradimento e alla vergogna.



Recensione della Redazione QLibri

 
Il signor Cardinaud 2020-02-26 09:17:34 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    26 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La via crucis del marito tradito

Il signor Cardinaud è un libro interessante come argomento e come punto di vista. Un marito abbandonato dalla moglie con due bambini piccoli decide di rintracciarla e di riportarla a casa. La donna tra l’altro sparisce senza un biglietto di spiegazione con i soldi del mutuo, lasciandolo nei guai con il pagamento, con l’organizzazione della casa e costringendolo a chiedere notizie in giro facendoci la figura del fesso. Il fatto di dover chiedere prestiti, ferie, di subire gli sguardi curiosi e le battute della gente sono visti come una sua via crucis personale. Il punto di vista è interessante, come è interessante il suo desiderio di riprendere la moglie senza rancore e senza nemmeno desiderio di vendetta. Però ho trovato la scrittura troppo povera.
Il protagonista non suscita particolare simpatia. Il rapporto con la moglie ha delle ombre. Il suo amore per lei sembra come quello che uno può avere per un soprammobile che vuole assolutamente avere in casa costi quel che costi. Ma non ci vedo comprensione, anzi ci vedo la volontà di non comprendere e di non parlare per non sapere e per evitare di guardare le cose in faccia dando loro un nome. Perciò il rapporto con la donna è fatto di silenzi e di abitudini, di cibo preparato in un certo modo, di bambini educati in un certo modo.
Mi sarebbe piaciuto che l’autore indagasse più a fondo sulla psicologia di lui e di lei e sul loro matrimonio. La figura di lei è inanimata, pare un oggetto sia per il marito che per l’amante e anche per il lettore, priva di volontà e di sentimenti nei confronti dei figli, del marito e dell’amante: una figura grigia, vuota come una bambola. E poi l’amante mi sarebbe piaciuto conoscerlo meglio. Troppo facile dire che è il peggiore uomo del mondo. La lotta tra il bene e il male ha qualcosa che non va quando il male è tutto da una parte e il bene solo dall’altra. Insomma, Simenon è un autore dallo stile cristallino, netto, efficace, sintetico. Ma, la lettura di questo scrittore di gialli, mi ha lasciato tante curiosità insoddisfatte, per cui mi è sembrato di avere letto un giallo senza una soluzione. Credo che l’autore per le sue caratteristiche sia più tagliato per il romanzo di genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il signor Cardinaud 2020-06-29 08:40:07 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    29 Giugno, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hubert

Tutto ha inizio una domenica mattina come tante. Hubert Cardinaud sta tornando dalla messa come ogni settimana con il piccolo Jean e già sta pregustando il momento in cui si riunirà alla moglie Marthe e alla neonata Denise che lo attendono a casa. Eppure, sin dal primo istante in cui varca la soglia dell’abitazione si rende conto che qualcosa non va. L’arrosto nel forno è bruciato, l’appartamento è completamente vuoto, le finestre sono inspiegabilmente aperte: della donna non vi è traccia e nemmeno della bambina. Tuttavia, se la bimba viene riportata al padre dai vicini poco dopo, della madre non vi è traccia. Ben presto i sospetti diventano realtà; se ne è andata. Ma perché? A complicare ulteriormente le cose un’altra presa di consapevolezza e cioè il fatto che questa, nel suo gesto di abbandono, si è portata via anche il denaro necessario a pagare l’imminente cambiale in scadenza per il quindici del mese e cioè due giorni dopo. Eh sì, perché Cardinaud ha comprato una casa in cui trasferirsi con la famiglia, una casa progettata appositamente per le loro esigenze e già pagata per i ¾! Che fare? Come comportarsi? Lo sconforto, lo sconcerto, la disperazione, il pianto. Nessuno deve accorgersi di quanto accaduto, di fatto tutti nell’arco di tempo di due giorni sanno tutto e molto più del signor Cardinaud. L’unico nella sua famiglia e tra i suoi fratelli a esser appellato signor! L’uomo che in tanti anni si è guadagnato la stima del suo datore di lavoro, l’uomo che non ha debiti e che non ha vizi, l’uomo la cui condotta è irreprensibile, è adesso sbeffeggiato da quel “cornuto”. La congiunta sembra essere fuggita con un altro uomo, averlo tradito e pubblicamente. Ma lui non si arrende, non può arrendersi a quel soprannome che lo marchia come la peste, la ritroverà! Così è deciso! Punto.
Da questi brevi assunti ha inizio l’opera a firma Georges Simenon, un titolo che nella sua brevità ci porta ad analizzare la psiche dei due personaggi in modo diverso. Da un lato abbiamo una figura maschile dedita alla forma,all'amore e alla moralità che non accetta che l’equilibrio faticosamente costruito vada distrutto con tutto quel che ne consegue, dall’altro abbiamo una figura femminile statica che per buona parte dell’opera non compare ma la cui psicologia è intuibile proprio dalla sua assenza e anche e non di meno da quell’epilogo che lascia un retrogusto amaro nel lettore.
Un Simenon diverso dal solito che si concentra sull’analisi psicologica ma che lascia qualche perplessità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri