Dettagli Recensione

 
Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese 2013-07-15 20:31:06 luvina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    15 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il futuro non è ancora arrivato

E' un libro impressionante...ma non è un thriller, è il racconto della nostra realtà sociale sotto forma di interviste a "giovani" come tanti altri, come i nostri figli, nipoti, figli di amici o vicini di casa che hanno tutti una cosa in comune: non hanno un futuro. E' un susseguirsi di lavori precari, saltuari, a tempo ma soprattutto sottopagati o addirittura non retribuiti. E' il ritratto spietato di un'Italia ripiegata su se stessa, chiusa e diffidente verso le nuove generazioni quasi ne avesse paura.
Ma la cosa più sconvolgente è lo sfacelo perpetrato nei confronti delle istituzioni dove i nostri ragazzi dovrebbero formarsi e prepararsi al futuro cioè la scuola e l'università. Molto belli sono il primo capitolo che dà il titolo al libro con la storia dell'insegnante Roberta e quello con la storia di Edoardo, entrambi raffigurano com'è diventato il mondo dell'istruzione nel quale vengono sistematicamente deluse le aspettative di persone capaci, motivate e amanti del proprio lavoro che, in un altro contesto, potrebbero dare il massimo (e per fortuna a volte lo fanno) ai nostri figli (...un mondo in cui un idraulico può prendere in un giorno quanto un docente delle superiori in un mese).
E' il mondo del lavoro che non funziona più né per chi ha studiato né per chi non ha un diploma o una laurea; è un mondo rimasto ancorato a regole che non ci sono più, che non valgono più, la "collettività" dove c'è l'individualismo più sfrenato (...alla Fiat ognuno lavorava per sé...), i sindacati che vivono ancora di stereotipi trascurando le nuove figure lavorative atipiche, l'incapacità di aggregarsi per poter rivendicare i propri diritti (come nel caso dei pastori sardi, dei precari dell'università o dei lavoratori dei call centers).
E' il mondo dei sogni infranti, della globalizzazione, della flessibilità, del vivere giorno per giorno, nel quale essere "locali" è -segno d'inferiorità, di degradazione sociale- .
Il capitolo per me più bello e significativo è quello dell'intervista a Leonardo dove c'è forse la frase simbolo del libro "Del resto siamo una generazione che vive erodendo il capitale raccolto nel passato".
La riflessione che mi è venuta leggendo questo libro è che in questo mondo frenetico, falso, ipertecnologico e globalizzato forse dovremmo tutti fermarci un attimo e tornare indietro riconoscendo i valori fondanti, non l'individuale ma il collettivo, non l'avere tutto e subito ma l'essere, ridare dignità e importanza all'unica cosa che ci può salvare: "la cultura...vera. Che non sta nella produzione e nel consumo di cultura, ma nello studio serio, articolato nel tempo della realtà....Non si tratta di assumere più informazioni perché ne siamo bombardati, ma di selezionarle, di discernere quelle importanti".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ricordo di aver già letto la recensione di Bruno...e tu come lui, ne hai fatto una splendida analisi.
Bravissima!
Pia
In risposta ad un precedente commento
luvina
16 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Pia, è un argomento che sento molto infatti ho iniziato un romanzo che tocca queste tematiche e che a breve recensirò. Ciao :)
Bellissima recensione, ma purtroppo avrei preferito che fosse un thriller, un fantasy, una qualsiasi altra cosa, ma non la cruda realtà!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A schiovere
Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi
Un buon posto in cui fermarsi
Finché divorzio non vi separi
La guerra privata di Samuele
Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù