Dettagli Recensione

 
Caterina la prima moglie
 
Caterina la prima moglie 2013-09-03 10:14:33 giulia89
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
giulia89 Opinione inserita da giulia89    03 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DIETRO UN GRANDE UOMO C'è SEMPRE UNA GRANDE DONNA

Niente mi cattura di più dei romanzi storici soprattutto quando vedono come protagoniste le donne, grandi donne come Caterina d'Aragona.
Nata come Infanta di Spagna, fin dalla culla il suo destino era segnato: sarebbe diventata regina d'Inghilterra sposando Arturo.
Salire al trono però non è stato così semplice come credeva, la giovane Caterina ha dovuto subire forti umiliazioni e tanto dolore quando venne abbandonata da tutti, persino da Dio e anche dopo essere diventata regine d' Inghilterra le sue sofferenze non sono finite a partire dal tradimento del padre Ferdinando durante la guerra contro la Francia, il non riuscire a concepire un erede maschio che restasse in vita fino all'ultima e forse più grande umiliazione...il divorzio da Enrico VIII.
Quando si studia la storia si parla sempre dei grandi re considerando poco o niente le GRANDI regine che accompagnano i re e Caterina era davvero una grande regina.
Con la sua determinazione è riuscita a salire sul trono d' Inghilterra anche se il suo primo marito, legittimo erede, è morto prima di diventare re.
Per raggiungere il suo obiettivo ha tenuto fede ad una menzogna tutta la vita e una volta diventata regina ha scritto importanti pagine della storia d' Inghilterra.
Philippa Gregory da sempre molto spazio alle donne nei suoi romanzi e con grande fedeltà storica fa rivivere Caterina d'Aragona non come la donna abbandonata da Enrico VIII, ma come una donna decisa e intelligente che ha piegato la corte inglese ai suoi voleri.

Ringrazio Cecilia per avermi inviato questo meraviglioso libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'altra regina
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Brava! Il titolo che hai scritto...io l'ho sempre pensato davvero...
Pia
In risposta ad un precedente commento
giulia89
04 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
anche a me è sempre sembrata una grande verità :)
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
04 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Invitante.
Bisogna però ricordare che l'Inghilterra ha avuto due grandi regine tutt'altro che poco considerate: Elisabetta I e Vittoria.
In risposta ad un precedente commento
giulia89
04 Settembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
04 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
è verissimo anzi, io adoro il periodo di Elisabetta I però quando dico che si considerano poco le regine intendo le regine "consorti" mentre Elisabetta I è stata unica regina senza un re al suo fianco.
Cmq giusta precisazione.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono