Dettagli Recensione

 
Quando cadono gli angeli
 
Quando cadono gli angeli 2014-08-29 10:26:13 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    29 Agosto, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Chevalier atipica e decisamente suffragetta

Subito dopo la morte della regina Vittoria, avvenuta il 22 gennaio del 1901, la società inglese si apriva al rinnovamento con l'ascesa al trono di Edoardo VII e si dava l'avvio a quello che tutti inquadrano come "periodo edoardiano".
È un lasso di tempo relativamente breve, che va dal 1901 al 1910 (il tempo stesso del romanzo) ma ricco di stimoli e accadimenti.
Il movimento per il suffragio femminile, con alla testa Emmeline Pankhurst, iniziava ad imporsi pur scandalizzando l'opinione pubblica, e il piedistallo su cui era collocata la boriosa aristocrazia dai mille privilegi iniziava a traballare seriamente.
A Londra, un solo posto manteneva intatto decoro, equilibrio e un forte legame col passato: il cimitero di Highgate.
In questo luogo ovattato, umido, sacro e profano insieme, due bambine, Maude e Lavinia appartenenti a famiglie molto diverse tra loro, si incontrano e stringono un legame d'amicizia che le accompagnerà negli anni del passaggio dall'infanzia alla giovinezza.
Maude, è l'unica figlia di Kitty e Richard Coleman.
I Coleman, famiglia facoltosa, incarnano bene, col loro stile di vita alternativo e un'apertura mentale da fare invidia al nostro secolo, la modernità, l'ala progressista della società inglese.
Kitty è il perno del romanzo, è una moglie insoddisfatta, una madre distratta, una donna irrequieta in perenne ricerca di un'identità che trova solo abbracciando la causa delle suffragette, alla quale si abbandona totalmente trascurando tutto il resto.
Richard, invece, è un uomo moderato, un marito prevedibile, che si fa scudo della sua falsa integrità morale ma vuole solo compiacere e farsi apprezzare dalla moglie indifferente.
Una sfida, questa, che non vincerà mai.
Lavinia, è bella ed è figlia di Gertrude e Albert Waterhouse nonché sorella della piccola Ivy May.
I Waterhouse, occupano un gradino al di sotto dei Coleman nella scala sociale; parenti del famoso pittore preraffaellita, in essi l'ala conservatrice, la tradizione, il moralismo vittoriano, vengono ben rappresentati.
Gertrude è rigida, scruta il mondo con occhi severi, elargisce consigli ed emette giudizi.
È molto lontana da Kitty.
Anni luce.
L'amicizia delle due bambine metterà in risalto vari contrasti tra personaggi e situazioni e porterà al lettore una visione chiara e dettagliata di quella che era la vita nei diversi strati sociali.
A sorvegliare e accompagnare le bambine fin dal loro primo incontro, sarà la presenza intervallata di Simon, voce fuori dal coro, un piccolo, impertinente becchino che, insieme al padre, scava fosse ad Highgate.
Nella storia, insieme alla cameriera Jenny e alla cuoca Mrs Baker, il ragazzino ci lascia osservare la vita dello strato sociale più basso.
Questo è un romanzo storico a tutto tondo ma anche un romanzo fortemente introspettivo, che non si avvale di una vera e propria trama o di un percorso ben elaborato dallo scopo premeditato.
Attraverso i brevi punti di vista di ogni personaggio che fungono anche da capitoli, si ripercorre un pezzo di storia del paese sbirciando nel quotidiano e nell'intimità di donne, uomini e bambini che nascondono i propri segreti, i tradimenti, le angosce, le paranoie e i colpi di testa ma che restano pur sempre impegnati a tenersi a galla nel mare nero del proprio inesorabile destino.
Tracy Chevalier è abile; non tralascia nulla; si documenta e si cala nella parte e poi, con quell'eleganza che da sempre la contraddistingue, scrive pagine fluide mettendo in risalto dettagli preziosi.
Questo è un romanzo che potrebbe non piacere, che potrebbe sviare dall'idea stessa di romanzo.
È la voce di una scrittrice totalmente diversa da come siamo abituate a conoscerla ma che si fa leggere con avidità e con bruciante aspettativa.
Bisogna vivere questo romanzo al fianco di Kitty. Sarà un viaggio a tratti incompleto, velatamente passionale, fortemente drammatico e pesantemente apatico ma sicuramente intenso, singolare, inquieto. Come Kitty.
Come quelle che guardano oltre.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ricco ed intenso commento Marcella, bravissima nel descrivere atmosfere e personaggi principali, ottima lettura. Ciao
che splendido commento Marcella!
la tua "passione british" è per me inebriante :-)
Come traspare la tua profonda conoscenza della cultura britannica e la tua passione è terribilmente contagiosa! Bellissimo commento, Marcy!
Ciao Marcella.
Trovo la tua recensione molto bella. Ottima l'introduzione di contestualizzazione.
@glicine: carissima ti ringrazio! Conosci la Chevalier? Se non hai letto niente di lei te la consiglio. La apprezzeresti! Ti abbraccio!
@Silvia: cara Silvia arrossisco! Grazie.....amo tutto ciò che è inglese...che ci posso fare? ;)
@Annamaria: mi lusinghi cara Anna, in realtà la mia conoscenza della cultura inglese è una goccia nel mare ma...spero di allargare questa goccia. Spero sinceramente di contagiarti....è una letteratura che fa bene al cuore.
@Emilio: grazie Emilio...se sono riuscita in questo, ne sono felice! :)
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
30 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho letto "La vergine azzurra", Marcella e ricordo che mi era piaciuto tantissimo. :-)
In risposta ad un precedente commento
LittleDorrit
30 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Quello mi manca...devo assolutamente leggerlo! È il suo primo romanzo...se me lo consigli lo predo di sicuro. :)
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù